BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il tempo protagonista di mostre e concorsi fotogallery

Mostre, concorsi fotografici, film e conferenze proposti dal Gruppo Interculturale Delta per il ciclo "I volti del tempo".

Mostra d’arte, concorso fotografico, film e conferenze con intermezzo musicale: questo è quanto ha proposto il Gruppo Interculturale Delta a Calusco d’Adda per il ciclo "I Volti del Tempo".
La mostra d’arte, giunta alla sua terza edizione e allestita al Centro Civico di Calusco d’Adda, si è conclusa il 14 ottobre. Quest’anno la mostra "L’Ombra del Tempo", incentrata sull’affascinante tema del tempo, è stata caratterizzata da quattro guide d’eccezione, nove opere d’arte dal mondo e fotografie dalla provincia.
Il Bianconiglio dava il benvenuto e invitava immediatamente lo spettatore ad accantonare quei meccanismi compulsivi della velocità e della fretta, ad abbandonare l’agitazione senza posa del fare mille cose, in preda ai miti alienanti dell’efficientismo e del produttivismo a tutti i costi. Un giovane Peter Pan introduceva il più vicino trascorrere del tempo umano, realistico, da quello con le rughe e i segni dell’età, a quello pur sempre reale, ma apparentemente più statico, tempo che scorre sugli oggetti. Da Peter Pan al Piccolo Principe per parlare del tempo letterario con gli artisti e le loro opere che ci narrano lo scorrere del tempo e della vita, che sia quella di Cristo o di personaggi anonimi di un quadro. Einstein concludeva la visita con la sua relatività insieme a quegli artisti che hanno introdotto nelle opere la quarta dimensione, il tempo, appunto, per conoscere in modo completo la realtà e avere contemporaneamente una visione dell’oggetto da più prospettive.
Dopo il grande risultato degli scorsi due anni, la mostra ha voluto continuare a difendere l’idea per cui la nostra sensibilità verso valori e significati aumenta se vi è la mediazione dell’arte ed è per questo che si è deciso di rivolgerla ad adulti (nei giorni festivi), con un afflusso ridotto, e a bambini e ragazzi (durante l’orario scolastico) con una risposta decisamente positiva raggiungendo quota 400 in dieci giorni. La stessa idea ha previsto, sempre come gli scorsi due anni, di concludere la visita per le scolaresche con laboratori intesi come momento fondamentale del processo educativo perché attraverso l’esperienza del laboratorio si educa all’arte in un processo di sperimentazione e di apprendimento fatto di emozioni e di interazioni anziché di nozioni.
Quest’anno si è aggiunto all’inaugurazione la premiazione del concorso fotografico "Out of Time" che ha avuto l’obiettivo di raccogliere immagini capaci di esprimere il concetto di tempo. Gabriele Sala si è aggiudicato il primo premio con "Tempo per me", "Lo sguardo del tempo" di Sara Pizzato ha ottenuto la seconda posizione e sempre sul podio è arrivata Cristina Medici con “Attività domestiche”. In tre modi diversi, da aggiungersi agli sguardi degli altri partecipanti, le fotografie hanno raffigurato il tempo vitale degli individui, dell’esistenza quotidiana di ciascuno di noi che rappresenta una risorsa di valore inestimabile nelle sfere del piacere, della bellezza, della cultura e dell’immaginazione. Il tempo come misura del valore che ha la nostra esistenza che è unica e sola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.