BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo l’open day arriva la chiusura della concessionaria Longhi

Vende Opel e Chevrolet, il 15 e il 16 ottobre c'era stato un open day. Si chiude subito. Amarezza per 25 dipendenti che sapevano solo di alcuni ritardi per il versamento dell'ultimo stipendio.

Più informazioni su

Si chiude, subito, anche se una settimana fa c’era stato un open day. I dirigenti e titolari della storica concessionaria "Gustavo Longhi" di via Ghislandi, a Bergamo, hanno annunciato ai dipendenti la messa in liquidazione volontaria, spiegando che da lunedì non si lavorerà più. L’annuncio è arrivato il 21 ottobre e per i 25 dipendenti della concessionaria si è trattato di una sorpresa amara. E’ un ulteriore strascico della crisi economica, che si fa sentire sia sui settori produttivi dell’economia bergamasca, sia su quelli commerciali.
All’inizio del mese i lavoratori avevano preso atto di una serie di difficoltà, da parte dell’azienda, per il pagamento degli stipendi. Ma nessuno poteva aspettarsi la messa in liquidazione. Ora i sindacati, in particolare la Fisascat Cisl, invitano l’azienda a ripensarci e a valutare eventualmente una serie di ammortizzatori sociali, per tenere in vita la concessionaria. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da martina

    Prima di giudicare e sparare sentenze, aspetterei che vengano comunicati i VERI motivi…e anche di vedere a che condizioni Longhi abbia preso la decisione…

  2. Scritto da Indignato

    Incredibile quanta poca umanità nel lasciare senza lavoro 25 famiglie da un giorno all’altro, questo genere di cose non dovrebbero succedere in un Paese civile, crisi economica o meno.

  3. Scritto da lettore

    In quanto a umanita’ non tutti gli imprenditori sono uguali.C’e’ chi (sopratutto piccolo)che si priva di tutto pur di non licenziare i propri dipendenti.

  4. Scritto da JJ

    non facciamo inutili dietrologie, se avessero tenuto la lancia avrebbero chiuso già anni fa come è capitato alla garage universal con cui si erano scambiati le case.
    certo opel non è un marchio dal grande futuro, tenuto in vita più dal governo tedesco che altro. le previsioni sono per la chiusura di un concessionario su 5 in europa, in Italia forse di più. c’è una sovrapproduzione di auto , ma le fabbriche di auto non si possono mai chiudere perchè i governi non lo permettono

  5. Scritto da stefano rossi

    Dobbiamo dire grazie alla nostra classe politica dx e sx e soprattutto sindacati se sempre piu’ aziende chiudono meditate sara’ sempre peggio las gallina ormai e’ spennata ora iniziano a mangiere la carne!!!!!

  6. Scritto da Ma dai!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Questo gesto si commenta da solo……ci fa capire quanto poco corretti e seri siano in questa azienda!!!!!!!!!!!! Non si chiude da un giorno all’altro………avete pensato alle famiglie di quei poveretti che lavorano per voi!!!!!!!!!!!

  7. Scritto da d

    utile pasare da Lancia a Opel…=(….

  8. Scritto da Vittorio

    Sono stato ieri e devo dire che la gentilezza dei venditori non lasciava trasparire nulla di quello che stava per accadere.

  9. Scritto da LUCA

    Pazzesco !!
    Purtroppo la Grecia e’ molto vicina.. maledetto Euro !!

  10. Scritto da d

    ‘E tabù commentare che il cambio di marchio non è stato poi così strategico?
    Vedo che i marchi che attualmente vendeva non sono forbidden.

  11. Scritto da gigi

    tutti che complottano contro silvio, imprenditori comunisti !!!!

  12. Scritto da il polemico

    certo che un minimo di correttezza la potevano avere,almeno dare un avviso qualche settimana prima….senza scrupoli

  13. Scritto da gianni

    Peccato non esistano piu imprenditori seri che credevano nel lavoro e nelle persone con massimo rispetto

  14. Scritto da alberto

    Questo fatto che abbiano chiuso all’improvviso senza dare spiegazioni e non facendosi trovare al telefoni e’ MOLTO strano.