BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non si risolvono i problemi ingigantendo i fatti”

Il sindaco di Treviolo Gianfranco Masper risponde a Marino Bonanomi, un cittadino che lamenta forti disagi causati dal traffico.

Il sindaco di Treviolo Gianfranco Masper risponde a Marino Bonanomi, un cittadino che lamenta forti disagi causati dal traffico.

Nei giorni scorsi avete pubblicato una lettera scritta dal sig. Marino Bonanomi che titolava “Curnasco, dove il traffico si paralizza e non possiamo uscire di casa”.
Conosco molto bene il sig. Bonanomi, perché non manca mai l’occasione di segnalare all’ Amministrazione Comunale situazioni o fatti che assumono, secondo lui, risvolti sempre clamorosi e/o pericolosi. La causa di questi accadimenti negativi sono naturalmente sempre frutto dell’incapacità o dell’inerzia degli Amministratori stessi.
L’ultima segnalazione fa riferimento alle difficoltà che arreca alla circolazione una strettoia che si trova nel Centro storico della frazione Curnasco. Questa strettoia esiste dal Medioevo e non è il caso di rimarcare che non è possibile allargarla per la presenza di numerosi edifici più o meno storici. Sono state valutate soluzioni alternative al doppio senso di circolazione, quali l’installazione di un senso unico e/o il posizionamento di un impianto semaforico, ma ogni alternativa porta con sè “effetti collaterali” a volte peggiori dei problemi che si vorrebbero risolvere.
Appena è circolata la notizia che l’Amministrazione avrebbe deciso di mettere il senso unico, numerosi di residenti sono venuti in municipio a protestare. La decisione di rendere a senso unico via Cadorna rende infatti necessario modificare anche il transito di tutte le strade laterali.
E’ ormai in fase avanzata l’elaborazione di PUT comunale (Piano Urbano del Traffico) e a seguito delle rilevazioni effettuate si prenderanno i provvedimenti più opportuni.
Nell’attesa comunque, per migliorare la situazione, in accordo con ATB si è provveduto ad installare un semaforo all’entrata della strettoia, che gli autisti degli autobus attivano quando devono attraversare la strettoia stessa. Il meccanismo funziona egregiamente e serve ad evitare gli ingorghi a condizione che gli utenti rispettino i segnali. Nella fattispecie il problema è scaturito dal mancato rispetto del codice della strada da parte dell’autista di un furgone e mi sembrano a dir poco sproporzionate le conclusioni tratte dal sig. Bonanomi.
I fatti raccontati potevano infatti succedere in qualsiasi altra zona perché frutto del mancato rispetto delle regole. A sostegno delle mie affermazioni aggiungo inoltre che la carreggiata della strettoia richiamata misura circa il doppio larghezza citata e i fatti si sono svolti tra le ore 12,50 e le ore 13,10. (i dati sono stati estrapolati visionando le telecamere posizionate in loco).
Non credo di sbagliare quindi affermando che l’evento è stato raccontato ingigantendolo al punto da risultare del tutto inverosimile.

Gianfranco Masper
Sindaco Treviolo
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da meglio tardi che mai

    per julius, forse non hai mai avuto a che fare. Lo sopportano a malincuore anche i suoi assessori: a detta di qualcuno si comporta da imperatore. Treviolesi svegliatevi , non è raccogliendo qualche cartaccia
    che si è buon sindaco, ma riconoscendo i propri limiti.

  2. Scritto da agnese

    I fatti non vanno ingigantiti però bisogna anche ascoltare i cittadini altrimenti non faccia il sindaco.

  3. Scritto da marinoB.

    Ma lei sig.N° 1 …..che srcive tutto maiuscolo come se stesse gridando e si firma “domanda “senza avere il coraggio di mettere faccia e firma come il sig. Bonanomi , Pensa di essere spiritoso .??..
    Se nella nostra società avessimo tutti il coraggio come questo signore di denunciare le cose che non vanno , non pensa che per i cittadini ci sarebbe + democrazia , e gli amministratori da noi votati sarebbero + efficienti con soddisfazione di tutti .?.

  4. Scritto da parole.parole

    bla.bla.bla. parole, parole ma i fatti? Dov’è il Piano Urbano del Traffico?
    Aspettiamo altri incidenti mortali?

  5. Scritto da DOMANDA

    MA SCUSATE MA MARINO BONANOMI SARA’ MICA IL MARINO B DEL COMITATO AEROPORTO!

  6. Scritto da e

    si sindaco, ma nemmeno ignorandoli.

  7. Scritto da W il sindaco

    Che pazienza fare il Sindaco con sti contestatori.
    Non va mai bene niente! Appena fatto il PUT (che naturalmente non andtà bene) si inventeranno qualcosa d’altro
    Porta pazienza, Sindacco, tappo nelle orecchie e vai in paradiso.

  8. Scritto da Un abitante

    Sig. Sindaco. Le segnalo che l’80% delle moto che circolano aTreviolo zona Parco Zanchi e limitrofi sono fuori controllo sia in velocità che in rumore. praticamente non si può aprire una finestra. giorno e d’estate anche notte. Basterebbe mettere ogni tanto un vigile che ferma qualcuno per disincentivare l’assordante circuito di traffico. A completare l’opera le decine di cani che abbaiano per ore senza controllo di nessuno. In centro a Bg te ne fai una ragione ma a Treviolo…!!!!!

  9. Scritto da julius

    masper è iper democratico… con il mio carattere non avrei mai risposto al bonanomi..
    cittadini treviolesi, tenetevi stretto un sindaco così… ce ne sono pochi come lui…

    in alternativa, fatevi votare e poi lavorate per risolvere voi i problemi di un paese

  10. Scritto da bale che ansa...

    iper democratico?!?! ma quando mai!!! solo per ciò che interessa a lui! la sua democrazia è finta!!!
    Solo chi non ne ha mai avuto a che fare può fare certe illazioni! E comunque esagerate o no le affermazioni del concittadino, di certo quello di Curnasco è un problema che va affrontato!