BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cicerone, Uil: “Garantire i livelli occupazionali”

Prossimo incontro tra le parti - fissato per il 10 novembre - dovrebbe puntare a garantire il riassorbimento di 150 lavoratori.

"Stiamo attraversando una fase molto delicata, che va monitorata con attenzione. L’obiettivo, comunque, rimane quello di garantire i livelli occupazionali secondo le intese già sottoscritte e la continuità produttiva dello stabilimento". Così Marco Cicerone, segretario generale della Uil di Bergamo, ha commentato l’incontro avvenuto nella sede dell’assessorato al Lavoro della Provincia di Bergamo, sull’Accordo di programma per il recupero delle aree dell’ex Cotonificio Honegger tra Albino e Nembro.
"Nel corso della discussione – dichiara Cicerone – è emersa la volontà del Gruppo Lombardini, che dovrebbe gestire la realizzazione della parte commerciale dell’accordo e assicurare il riassorbimento di 150 lavoratori, di ritarare i parametri concordati sulla base delle nuove condizioni di mercato. Questo richiederà tempo perché gli imprenditori coinvolti, ovvero lo stesso Gruppo e la famiglia Zambaiti, proprietaria delle aree, ridefiniscano i tempi di acquisizione così da assicurare, con il sostegno delle banche, la continuità della parte produttiva del progetto, che dovrebbe garantire altri 130 posti".
Un nuovo vertice è stato quindi programmato per il prossimo 10 novembre, al fine di conoscere le conclusioni dei colloqui che prenderanno il via già nei prossimi giorni.
"La pausa si è resa necessaria – aggiunge Cicerone – perché il quadro congiunturale, dalla firma dell’Accordo nel giugno scorso, si è molto complicato. E’ chiaro che l’intero piano sta attraversando una fase molto delicata ma era probabilmente inevitabile che gli effetti della crisi provocassero ripercussioni". Per quanto riguarda i lavoratori, i sindacati si sono invece già impegnati a chiedere in Regione Lombardia una proroga della cassa in deroga, che scade a fine anno, o al Governo il ricorso a qualche forma di cassa straordinaria "in modo da non lasciare nessuno senza la copertura degli ammortizzatori sociali".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.