BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Architettura alpina contemporanea e vino

L'Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo organizza Atmosfere e Sapori

L’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo organizza "Atmosfere e Sapori". Nono convegno sull’Architettura alpina contemporanea sabato 22 ottobre nelle sade del Parco dei Colli di Valmarina – Bergamo a partire dalle 9.
In collaborazione con Parco dei Colli di Bergamo, Slow Food Condotta di Bergamo, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi (CIPRA) Italia. Obiettivo del convegno è riportare l’attenzione sul “senso” e sulla “complessità” del progetto, ovvero sulla necessità che esso sia concreta risposta a bisogni materiali ed immateriali, sia fondato su ragioni profonde e non si riduca a gesto effimero ed immagine compiacente.
La nona edizione del convegno, proseguendo nella pratica di confronto fra diverse discipline,
sperimenta un inconsueto accostamento fra il mondo dell’architettura e quello della cucina e del cibo (con incursioni nella musica e nella cinematografia
). 
Sono previsti gli interventi di: Christoph Mayr Fingerle (Bolzano), Marco Bakker (Losanna) e Pablo Horvath (Coira), architetti, che attraverso le loro opere, illustreranno metodi e senso dei loro
progetti; Alessandro Negrini, cuoco, racconta principi e procedure della sua cucina riconosciuta
dalle guide del settore a livello internazionale; Enrico Radicchi presenta la filosofia Slow Food, associazione internazionale diffusa in 150 paesi che promuove il cibo buono, pulito e giusto, e ci guiderà in un “Laboratorio del gusto” su prodotti locali di qualità; Luca Santiago Mora narra la sua esperienza artistica ed umana alla scoperta dell’errore come risorsa e ricchezza; Leo Guerra (architetto) e Vaclav Sedy (fotografo) attraverso una investigazione fotografica del 900 nell’area delle Alpi Centrali sondano gli effetti del progetto moderno e contemporaneo sul paesaggio naturale e antropizzato; Oscar del Barba interviene nella doppia veste di presidente di CIPRA Italia, per
inquadrare a scala europea il futuro dell’area alpina, e di appassionato enologo, con una degustazione guidata alla scoperta del rapporto fra vino e paesaggio in Valtellina.
Per ragioni organizzative (laboratorio del gusto, degustazioni, ecc.) è obbligatoria l’iscrizione al convegno all’indirizzo web https://docs.google.com/spreadsheet/viewform?formkey=dGVxSUFad0dNRkRzUk4zcVduUnRoaGc6MA
I posti disponibili sono 100. E’ prevista una quota d’iscrizione di € 25 (indicazioni su modulo
online) di cui 6,00 € saranno devoluti a sostegno dell’iniziativa, promossa da Slow food “Mille orti per l’Africa”.
L’idea del convegno è nata nel 1999 in occasione degli studi per il primo piano regolatore di Castione della Presolana.  Castione, nel periodo che va dagli anni 20 all’inizio degli anni 60, aveva visto operare
alcuni fra i più importanti architetti del momento: Giovanni Muzio, Giovanni Greppi, Alziro Bergonzo, Giò Ponti solo per citare i più noti. Una tradizione di qualità che scompare nel convulso sviluppo del periodo più recente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.