BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quattro citt?? per un progetto Unesco

A Palazzo Frizzoni l???incontro definitivo dei rappresentanti delle quattro citt?? italiane che parteciperanno alla candidatura Unesco.

Più informazioni su

Parte da Bergamo il progetto di tutela delle mura venete, per estendersi poi anche a livello nazionale e internazionale. L’obiettivo è quello di ottenere il patrocinio dell’Unesco per la tutela delle città murate della Repubblica di Venezia.
Il progetto vuole essere di larghe vedute, in quanto alla candidatura Unesco verranno coinvolte oltre a Bergamo, Peschiera del Garda, Venezia e Palmanova, anche i paesi dell’altra sponda dell’Adriatico che condividono con le città italiane il medesimo passato veneziano, come Croazia, Grecia e l’isola di Cipro. “Per quanto riguarda l’adesione della Grecia ci saranno maggiori difficoltà vista la crisi economica che sta affrontando in questo periodo ma ci sono già buone probabilità per la sua adesione al progetto”, spiega il consigliere comunale della Lega con delega alla pratica Unesco Luciana Frosio Roncalli. “Più problematica invece l’adesione di Cipro, in quanto si trova in una condizione politica piuttosto delicata, divisa tra greci e turchi”.
L’obiettivo è quello di rendere il progetto di respiro internazionale per ottenere l’appoggio dell’Unesco, in quanto tale organismo è disposto a concedere il proprio patrocinio a città italiane solo se inserite all’interno di un progetto ben articolato, senza dimenticare che numerose città del nostro Paese si trovano già sotto la tutela dell’organizzazione dell’Onu.
Giovedì 20 ottobre si è infatti tenuto a Palazzo Frizzoni l’incontro definitivo dei rappresentanti delle quattro città italiane che parteciperanno alla candidatura Unesco. Tra i partecipanti il sindaco e il vicesindaco di Palmanova: Francesco Martenis e Adriana Danielis, l’assessore di Peschiera del Garda Walter Montresor e il dirigente di Venezia Giorgio De Vettor. Durante l’incontro è stato presentato il dossier del progetto e si è discusso sui criteri fondamentali fissati dall’Unesco per la candidatura che sono l’interscambio e le tradizioni. Il progetto, infatti, non nasce con un’impronta scientifica ma culturale, improntato sui valori di identità e di tradizione dei popoli dei Paesi che vi partecipano. Proprio per questo, se si riuscirà ad ottenere anche l’approvazione della candidatura di Cipro, sarà un’ importante vittoria sul piano culturale.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.