BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Localit?? bergamasche in difficolt??

Il 19 ottobre ?? stata presentata una ricerca sul turismo invernale in Lombardia: la Regione ?? la pi?? frequentata del nord, con Bormio al top. Le localit?? bergamasche sono invece poco note e poco frequentate.

Più informazioni su

Il 19 ottobre l’Assessorato al Commercio, Turismo, Servizi di Regione Lombardia ha presentato una ricerca sul turismo invernale in Lombardia, realizzata da Lorien Consulting con l’obiettivo di analizzare la conoscenza, la frequentazione, la percezione delle località turistiche invernali lombarde e le motivazioni di scelta per le vacanze in montagne. L’indagine conferma il ruolo predominante della Lombardia per i flussi di turismo invernale (35,9% contro del 19,4% di Veneto e del 16,1% di Trentino) e, nell’ambito della regione, la forza della provincia di Sondrio e la debolezza di quella di Bergamo. Se Bormio e Livigno sono località top in termini di conoscenza da parte degli intervistati, conosciute rispettivamente nel 32,2% e 23,5% dei casi, troviamo Foppolo, Presolana e BremboSki nella fascia più bassa, con 6,7%, 4% e 3,8%. Discorso analogo per l’affluenza turistica: nella stagione 2010-2011, il 9% e l’8,9% dei lombardi intervistati hanno scelto rispettivamente Bormio e Livigno, mentre solo l’1,8% è andato a Foppolo e risultati più bassi hanno caratterizzato Presolana e BremboSki.

Il 54,8% degli intervistati delle quattro Regioni selezionate sceglie la montagna per lo sport ( di cui il 45,3% pratica lo sci), il 20,6% predilige lo shopping e la buona cucina, il 18.8% i centri per il benessere e il relax. Le località turistiche invernali lombarde sono associate al relax ed alla tranquillità: in particolare, la montagna in Lombardia è sinonimo di aria pulita, natura, bei paesaggi e neve. La Lombardia è la prima regione per numero di imprese registrate nel comparto turistico (14,4% delle imprese registrate a livello nazionale) con circa 5.700 strutture ricettive, di cui la metà alberghiere; nell’anno 2010 la Regione ha visto 12,2 milioni di arrivi e 31,1 milioni di presenze. Il successo delle località lombarde ha portato all’assegnamento di oltre 5 milioni per il cofinanziamento di progetti integrati presentati dai sistemi turistici e all’attivazione di finanziamenti di circa 8 milioni di euro insieme al Ministero per il finanziamento di ‘progetti di eccellenza’ da sviluppare in un triennio.

“La montagna si conferma ancora una volta un marchio distintivo fortissimo per la Lombardia” ha spiegato l’Assessore regionale al Commercio, Turismo e Servizi Stefano Maullu “con un trend di crescita costante per i visitatori provenienti dai Paesi mitteleuropei e un posizionamento consolidato sul mercato interno. In questi anni Regione Lombardia ha investito sulla destagionalizzazione, per offrire ai turisti una montagna da vivere tutto l’anno. Da questo punto di vista” ha proseguito l’Assessore “i risultati della ricerca hanno confermato le nostre aspettative. Chi visita le montagne lombarde non cerca solo neve e sci ma anche prodotti enogastronomici di eccellenza, relax e benessere, terme, percorsi sportivi per tutti i gusti. Va detto inoltre che l’autunno 2011 è una stagione di conferme, con un’interessante novità: un incremento delle prenotazioni rispetto al 2010 del +4,3% per settembre, +13,5% per ottobre, +8,6% per novembre e +7,6% per dicembre, con un bilancio positivo sia per l’hotellerie che per le strutture extralberghiere. I dati Unioncamere – Osservatorio turistico regionale ci indicano inoltre un tasso di prenotazioni alberghiere che nelle località montane ad oggi supera già il 22% per il mese di dicembre” ha concluso Maullu.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da G.Comi

    Dov’è la sorpresa!? Ad onta di quanto si sostiene da parte di qualcuno le Orobie NON sono per tanti motivi, non ultimo quello morfologico, poco adatte ad uno sviluppo del turismo invernale massivo come può essere il Trentino.Ed è una fortuna:una regione antropizzata come la Lombardia deve avere un polmone verde! Le fortune però bisogna saperle sfruttare altro che fare scempi come successo in alcune parti, puntare sul turismo naturalistico,culturale andare incontro al mercato con il nuovo!

  2. Scritto da Erpek

    Ma avete presente i nostri impianti di risalita ?