BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uniacque, D’Aloia: “Piano industriale entro due mesi”

Il presidente di Uniacque ha incontrato i sindaci del Pdl per fare il quadro della situazione sugli investimenti e la gestione della societ??.

Più informazioni su

Un incontro per parlare di Uniacque. «Un colloquio con gli azionisti dell’azienda», lo ha definito il presidente del Consiglio di Amministrazione Gianni D’Aloia, visto che, lunedì scorso, presso la sede del Popolo della Libertà di Bergamo, erano presenti soprattutto sindaci, ovvero coloro di Uniacque sono i proprietari. E il messaggio agli azionisti è stato chiaro: «L’Amministratore Delegato si è riservato un po’ di tempo per fare una fotografia dettagliata della situazione – ha dichiarato D’Aloia – In ogni caso, non restiamo con le mani in mano: in collaborazione con l’Università di Bergamo stiamo redigendo il piano industriale: entro un paio di mesi sarà pronto».

Tre sono i punti critici finora emersi dall’analisi del neo-presidente di Uniacque: «La scarsa integrazione fra i vari reparti (anche in vista di una fusione con BAS), la grossa carenza nei controlli e poi l’aspetto finanziario: l’azienda è nata e cresciuta senza un’adeguata dotazione di capitali e si è dovuta indebitare per acquisire i vari rami che oggi la costituiscono».

Un problema, quello delle risorse, cruciale per far funzionare l’azienda: «Ai sindaci che vengono a trovarmi per avere risposte sugli interventi chiedo pazienza – continua D’Aloia – La linea che stiamo valutando di seguire è quella di dare precedenza agli interventi più piccoli (da 100-150 mila euro), anche perché investimenti maggiori non siamo in grado di farne. In realtà, per offrire un servizio migliore altre sarebbero le priorità: oggi, ad esempio, abbiamo circa 50 impianti di depurazione, molti dei quali troppo piccoli per una gestione razionale delle risorse. È indispensabile trovare le risorse per realizzarne di più grandi».

Il fronte investimenti, non a caso, è fra i più spinosi: «Uniacque è nata con un capitale sociale di 120 mila euro: ciò significa che ciascun comune ha versato 500 euro – spiega D’Aloia – Con questa cifra non è possibile pensare di realizzare alcunché. Per questo sarebbe necessario intervenire sulla tariffa, in modo che al suo interno venga trovata una quota da destinare agli investimenti. Bisogna tener presente (e non tutti lo fanno) che Uniacque non si occupa solo di gestire il servizio, ma dovrebbe essere in grado di sistemare gli impianti e, soprattutto, realizzare i depuratori».

All’incontro erano presenti il coordinatore provinciale Carlo Saffioti (che ha sottolineato che «nel momento in cui c’è un attacco forte alla “casta” D’Aloia ha chiesto e ottenuto una remunerazione simbolica di 1€ all’anno per il lavoro che sta svolgendo: una dimostrazione di cosa voglia dire una politica di servizio ai cittadini») e il suo vice, Pietro Macconi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio

    Ma sembra che Daloia abbia già deciso di aumentare le tariffe, alla faccia del piano industriale e di noi contribuenti

  2. Scritto da ureidacan

    La partita più importante l’avv. D’Aloia dovrà giocarsela con A2A. Se riuscirà a farsi cedere il contratto e i servizi annessi (in pratica una cessione d’azienda) a costo zero, io proporrei di raddoppiargli lo stipendio!

  3. Scritto da un Sindaco di Uniacque

    Ci si dimentica che anche il precedente presidente, Alessandro Longaretti, non percepiva nessuna indennità di carica essendo semplice consigliere comunale di Montello. Eppure ha avviato dal nulla una società che ora altri si trovano comodamente a gestire.
    L’ingresso di Bas poi, con l’adeguamento dei cittadini di Bergamo alle tariffe Uniacque, con le sue ampie marginalità, contribuirà a trovare risorse per gli investiment senza aumentare le tariffe nel resto della provimcia.