BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Orio per il mondo passando da Francoforte

Dal 21 dicembre tre voli giornalieri con il pi?? grande scalo della Germania e da l?? per oltre 200 destinazioni. Radici: "E' la vigilia del boom per i voli d'affari".

Più informazioni su

Tokyo, Sydney, Buenos Aires, Los Angeles e Johannesburg sono solamente alcune delle oltre 200 destinazioni che dal prossimo 21 dicembre sarà possibile raggiungere partendo dall’aeroporto di Orio al Serio. Si decolla da Bergamo con Air Dolomiti e si plana a Francoforte, da lì con Lufthansa la compagnia di bandiera tedesca si raggiunge tutto il mondo.
Tre voli al giorno, venti alla settimana. Per il lancio del nuovo volo Air Dolomiti propone tre tipi di tariffa, la più economica è di 29,74 solo andata, tasse e servizio biglietteria inclusi.
Per l’occasione la compagnia aerea farà decollare in rete anche un nuovo sito Internet dove sarà più facile acquistare il biglietto.
"Siamo alla vigilia di un boom di voli d’affari, sono sicuro che questo collegamento aereo sarà utilissimo anche alle piccole e medie imprese che si affacciano al mercato estero, in particolare del Sud Est asiatico" afferma Miro Radici, presidente di Sacbo, la società che gestisce lo scalo di Orio al Serio.
Che cosa decolla e che cosa resta a terra? Prende il volo sicuramente la possibilità di raggiungere da Bergamo tutto il mondo. Con la compagnia aerea tedesca, la Lufthansa, si può raggiungere con 80 aerei a lungo raggio e quindi con facilità da Francoforte oltre duecento destinazioni, dalle maggiori capitali ai centri economici e finanziari del mondo fino alle mete turistiche più esotiche. A terra, nel senso che si punterà anche in infrastrutture, restano una serie di investimenti per circa 200 milioni che Sacbo intente spendere da qui fino al 2016 per potenziare una parte dello scalo e poi c’è il collegamento ferroviario che dovrebbe unire la stazione di Bergamo con l’aeroporto.
"Siamo capofila di questo progetto – afferma Andrea Mentasti, amministratore delegato di Sacbo – secondo alcuni studi il collegamento ferroviario con la stazioni di Bergamo e di Milano porterà oltre un milione di passeggeri in più per Orio".
Passeggeri che continuano a scegliere Bergamo, quarto scalo in Italia dopo Roma, Malpensa e Linate.
"Per i primi nove mesi del 2011 abbiamo registrato una crescita del 10,3% di passeggeri – continua Mentasti – un incremento che porterà, secondo le stime, a 8 milioni 320 mila viaggiatori a Orio entro la fine dell’anno". Il traguardo dei 10 milioni di passeggeri non pare poi così lontanissimo con la nuova rotta su Francoforte.
Michael Kraus, presidente e Ceo di Air Dolomiti tranquillizza che vede nel nuovo collegamento con Francoforte uno scippo a Malpensa. "Dall’aeroporto di Malpensa restano i 150 voli settimanali di Lufthansa e i 35 voli alla settimana da Linate – sottolinea Kraus – ora puntiamo con 20 voli settimanali da Orio. Non siamo in concorrenza con con Linate e Malpensa, diciamo che si tratta di un’integrazione di un sistema aeroportuale tra i più importanti d’Europa e che coinvolge tra aeroporti lombardi".
Alla flotta di Air Dolomiti composta da 11 ATR 72-500 si affiancano 5 Embraer da cento posti. Una curiosità: tutti gli aeromobili di Air Dolomiti hanno nomi di opere liriche dei più importanti compositori italiani, in omaggio alla Fondazione Arena di Verona, città dove Air Dolomiti è nata nel 1989 grazie all’audacia dell’impreditore Alcide Leali. 
"Non escludo che il primo volo in partenza da Bergamo il prossimo 21 dicembre abbia però un nome che richiami un’opera del compositore Gaetano Donizetti – commenta Paolo Sgaramella, vicepresidente di Air Dolomiti – sarebbe un omaggio che rafforza il legame con questa città. Orio al Serio per noi è uno scalo strategico e con l’introduzione del nuovo volo verso Francoforte si va ad implementare ulteriormente la nostra attività. Un collegamento che ci permette di mettere in contatto due importante bacini". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da usiamo il cervello

    Ma questi lo sanno che esiste una legge dello Stato (VIA) che pone il limite massimo a 6.200,000 Unità di Traffico (somma di merci e passeggeri), mentre quest’anno arriveremo a 10 milioni, che il numero delle persone esposte supera i 7000 mentre per legge non dovrebbe essere al max di 1800, che il numero dei voli non dovrebbe superare i 68.500 e siamo già a 70.000?
    Comune e Provincia hanno nominato come Presidente SACBO un proprietario di compagnie aeree!!! Altro che conflitto di interessi

  2. Scritto da Lee Mortaccy

    E il ruolo di malpensa-alitalia di FormigonianLeghista memoria che fine ha fatto ? Ci è costato qualche miliardozzo se non erro.

  3. Scritto da Condor

    @8
    cambia nome che non ti s’addice.

    Adesso però mi fai vedere DOV’E’ questo limite!
    Attendo una risposta

    http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf

  4. Scritto da Orio Uber Alles!

    Questa è una bella notizia!
    Finalmente Orio diventerà un aeroporto di serie A, riferimento per tutta la Padania ai voli intercontinentali. Le industrie padane esporteranno i loro già famosi prodotti e servizi in tutto il mondo e aumenteranno gli scambi con le zone produttive e lavoratrici del pianeta.
    Dalla Val Seriana arrivano sempre buone notizie!!!

  5. Scritto da viaggiatore per affari

    Finalmente una compagnia di voli di linea appartenente ad un grosso gruppo internazionale, era dai tempi della sparizione di Gandalf che ero costretto ad andare a Malpensa.
    Speriamo sia l’inizio di una lunga serie.
    Ora con Alitalia via Fiumicino per sudamerica e Lufthansa via Francoforte per Asia e medio oriente siamo quasi al completo, manca solo qualcuno che ci porti a Parigi (cdg) per l’Africa.

  6. Scritto da lotty

    speriamo che sia anche una opportunità per chi ha perso il lavoro in aereoporto e aspetta di essere richiamato….

  7. Scritto da formica

    mi sono perso un passaggio, da quando Miro Radici é presidente di Sacbo? Non era Ratti?

  8. Scritto da giobatta

    bellissimo, dal cuore della grande bergamo verso il mondo.
    p.s. con “dal cuore” intendo che si parte/arriva proprio da/su una pista con tutto intorno un territorio abitatissimo.
    malpensa tremi, linate trepidi, montichiari addio!
    orgoglioorio!

  9. Scritto da mario

    quando saremo arrivati a 10 milioni di passeggeri Orio sarà saturo o ci vorrà una seconda pista per arrivare a 11 e poi12 m.ni.Ovvio che la seconda pista si farà abbattendo le case di Seriate……tanto quel che importa è lo sviluppo di Orio! a quando una centrale nucleare a Bergamo ? sono tanti posti di lavoro……….

  10. Scritto da Wohl

    Sì è una bella notizia, anche perché non ha il sapore di un ritorno di AirDolomiti, ma di una nuova installazione. Poi mi piace il discorso del compositore Donizetti, cui intolano un aereo (sempre che abbia capito bene), un po’ in stile TrawelFly con l’aereo Bergamo City di qualche tempo fa.