BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un bergamasco su dieci aggira l’Irpef

I dati di Unioncamere Veneto pubblicati da "IlSole24Ore". 99.437 bergamaschi mancano all'appello del Fisco. In Italia il 20,1%.

Più informazioni su

Un bergamasco su dieci non paga l’Irpef, ovvero aggira l’imposta sul reddito. E’ quanto emerge dai dati del Centro studi Sintesi di Unioncamere Veneto, basati su statistiche del ministero dell’Economia e dell’Istat. Ne dà notizia il Sole24Ore di lunedì 17 ottobre. Secondo lo studio di Unioncamere sono quasi 100 mila i bergamaschi infedeli al Fisco, per la precisione 99.437, il 10% di una provincia con poco più di un milione di abitanti.
Le province più virtuose, ovvero più fedeli al pagamento dell’Irpef, sono Trieste, Genova e La Spezia. Maglia nera per Agrigento, dove aggirano il fisco il 42% dei potenziali contribuenti. Lo studio è basato comunque su una stima: Unioncamere, come spiega IlSole24Ore, ha stimato il numero dei potenziali contribuenti, ai quali vengono sottratti quelli effettivi per stabilire il tasso di infedeltà.
In Italia gli infedeli all’Irpef sono il 20,1%. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pex74

    Sempre i bergamaschi.. Che strano vero? Peccato che basti andare da turista a Genova o laspezia per scoprire che la maggior parte dei bar e degli esercizi pubblici non emetta scontrino. Pero loro poverini votano a sinistra e allora sono bravi e virtuosi… Vergognatevi demagoghi!

  2. Scritto da La verità fa male

    La solita solfa trita, ritrita e stravecchia dei bergamaschi (e dei lavoratori autonomi) evasori fiscali. E mentre un bergamasco su 10 evade le tasse, da anni (anzi da decenni) va avanti impunita e indisturbata l’evasione record (superiore al 60%) di certe regioni dominate dalle mafie locali. Vanno avanti i carrozzoni pubblici pieni di dipendenti nullafacenti. Va avanti uno Stato sprecone, pieno di falsi invalidi e assistenzialista. Sono questi i veri scandali, non i bergamaschi

  3. Scritto da Alberto da Cazzago

    Marilena non demorde. E’ una “sfascista” indefessa. Lei pensa che siano di più……ma su quali basi fonda la sua affermazione? Perchè così la pensa lei oppure perche nel novero lei non è stata considerata? Le medie, come sempre, non forniscono un dato “affidabile”, è la solita solfa dei due polli, le medie sostengono che se ne mangia uno a testa! Ma a me il pollo non piace!
    Vedetela poi voi…… ..Il mio parere è : il 10% atribuito ai bergamaschi è eccessivo! Siamo lavoratori e pagatori!!!

  4. Scritto da Uno su dieci ce la fa...

    Dato il sistema fiscale italiano e l’assoluta mancanza di ritorni in termini di servizi erogati, dopo almeno due secoli che paghiamo e stiamo zitti (sotto l’Austria la Lombardia pagava più del resto dell’Impero riunito), mi verrebbe da dire che il titolo avrebbe dovuto essere concepito diversamente: nove bergamaschi su dieci non aggirano l’Irpef. E’ questa la notizia. Che nove bergamaschi su dieci siano ancora disposti ad accettare questo stato di cose. Per quanto ancora, non saprei.

  5. Scritto da marilena

    per 10, io non penso, vedo! Conosco tanti bergamaschi anche pensionati che non denunciano parte dei redditi accumulati negli anni e riescono a farlo perchè non sono mai stati dipendenti. Non mi dica che lei non ne conosce nemmeno uno, sono gli stessi che non pagano il ticket perchè dichiarano di non superare un certo reddito, sono gli stessi che pagano meno per le tasse universitarie dei loro figli, ecc.Ha ragione, io sono una sfascista oltretutto FESSA!

  6. Scritto da w

    @11
    E’ vero, quando pagheremo meno tasse, più denaro circolante ci sarà, e meno mantenuti vivranno a sbafo.
    W l’evasione, più ricchezza spendibile da chi produce, più soldi che circolano, più lavoro per chi vuol lavorare, e a mare i mantenuti fannulloni, come tutti i politici

  7. Scritto da sergio

    mi spiace solo che i ladri, cioè gli evasori, perché di ladri si tratta, si compiacciono di rubare, poiché dicono di mantenere meno i parassiti (sich)…e questi parassiti che loro condannano, sono loro stessi che non versano il dovuto e dunque io, con altri lavoratori dipendenti e pensionati, dobbiamo mantenere sul groppone versando tra contributi e irpef, quasi il 50% del nostro duro lavoro………bravi!!! bravi!! parassiti della società…

  8. Scritto da nico

    Dal breve articolo non si capisce molto… immagino che tra gli infedeli non avranno messo che l’irpef non la paga in quanto in un regime fiscale che non la prevede… altrimenti il dato risulta un po’ falsato…

  9. Scritto da A.z. Bg

    Meno della media europea del 12%.

  10. Scritto da marilena

    io penso che siano molti di più, chi non ha reddito fisso denuncia molto meno di quanto guadagna e ci pensa il commercialista ad istruirlo…

  11. Scritto da Oscar Giannino

    Stato ladro.

  12. Scritto da opiate

    La notizia vera è che le prime dieci provincie per evasione fiscale sono tutte del sud. Ma forse vi è sfuggito….

  13. Scritto da Renato.

    Tutti soldi disponibili per il libero mercato.

  14. Scritto da aldo buso

    Ma fatemi il piacere ….