BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scontri a Roma, controlli in tutta Italia. Di’ la tua

Polizia e carabinieri stanno svolgendo controlli e perquisizioni negli ambienti anarco-insurrezionalisti per individuare i responsabili dei gravi incidenti di sabato scorso.

Una vasta operazione di polizia e carabinieri, con perquisizioni e controlli negli ambienti degli anarco-insurrezionalisti e dell’estremismo più radicale, è in corso dalla mattina di 17 ottobre in tutta Italia. L’operazione fa seguito ai gravi incidenti avvenuti a Roma nel corso della manifestazione degli indignati di sabato scorso 15 ottobre. Sono centinaia gli uomini delle forze di polizia impegnati nell’operazione partita all’alba e che sta interessando tutte le regioni dal Trentino alla Lombardia, dal Lazio alla Sicilia. Anche se sui dettagli dell’operazione gli investigatori mantengono il massimo riserbo. Le persone perquisite sarebbero comunque "personaggi noti" alle forze dell’ordine e, almeno alcuni, sarebbero già stati denunciati o indagati in passato per la loro attività politica. A Milano sono state effettuate sei operazioni, tre condotte dalla Digos e tre dai carabinieri. Nella casa di un giovane i carabinieri avrebbero trovato una bomboletta di spray urticante, mentre la polizia ha sequestrato una fionda. Il ragazzo è stato accompagnato in caserma per firmare il verbale di sequestro, per poi tornare a casa. Nelle abitazioni perquisite gli agenti hanno sequestrato diversi indumenti con l’intento di controllare se si possano riconoscere le persone dai filmati.
"L’operazione di polizia in corso in tutta Italia – afferma Alfredo Mantovano, sottosegretario all’interno – volta ad individuare i responsabili delle devastazioni avvenute a Roma sabato, è la risposta seria del lavoro delle forze dell’ordine. Non si tratta di un’operazione contro i centri sociali, ma di un’azione volta ad individuare i responsabili delle devastazioni".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lidia

    sarebbe meglio che certi politici fomentassero di meno…

  2. Scritto da kaci

    In realtà per disennescare queste tensioni basterebbe un accordo sulle riforme che toccano al sociale. Poiché il popolo è vaccinato nessuno perderebbe se fà il primo passo, tutto al contrario chi dimostrerà saggezza sarà premiato dall’elettoralto. Politica e etica vanno insieme.

  3. Scritto da Aladin

    Han trovato una bomboletta di spray urticante e una fionda.
    La risposta dello Stato.
    Magari però si potrebbe anche parlare del grande successo mondiale delle manifestazioni degli indignati, che solo in Italia è stata rovinata dalla ben conosciuta teppaglia nostrana.

  4. Scritto da stefano rossi

    Una manifestazione seria e legittima rovinata da dei delinquenti e si parla solo di questo piuttosto che dell vero argomento della manifestazione !!!

  5. Scritto da alex

    Spendiamo miliardi di euro per esportare ordine e democrazia in giro per il mondo (Serbia, Irak, Libano, Afganistan, Libia, solo per citarne alcuni), e poi sabato nel centro di Roma le nostre forze dell’ordine sono dovute scappare mentre i manifestanti incendiavano i loro blindati….. Trovo tutto ciò francamente un pò paradossale. Cosa penseranno di noi i libici o gli afgani che si ritrovano le nostre bombe intelligenti sulla loro testa? Ditemi che non stò sognando, datemi un pizzicotto!

  6. Scritto da emilio de feo

    Speriamo sia la volta buona. Prendeteli, assicurateli alla giustizia e portateli a Roma a ripulire.
    Speriamo però non siano assolti come Alemanno che nel 1981, 1982 e 1989 venne fermato e arrestato per: a) resistenza aggravata a pubblico ufficiale; b) aver lanciato una molotov; c) una manifestazione non autorizzata.
    Poi però, grazie alla giustizia italiana, venne assolto.

  7. Scritto da L.P.N.E. 1

    Quando c’è da contrastare studenti,operai o gente comune i manganelli volano. Ogni volta che ci sono in strada i black bloc le forze dell’ordine fanno solo “cariche di alleggerimento”.In pratica cercano di non entrare in contatto con i devastatori.Allora i casi sono 2:o le forze dell’ordine hanno fifa (e non lo credo) oppure hanno ordini chiari di non intervenire …….Il perchè lo si può ben immaginare!! I l caos fa sempre molto bene a “qualcuno”…. Arrestati 12 su circa 2000 devastatori….

  8. Scritto da L.P.N.E.

    di cui 3 presi dai manifestanti e consegnati alle forze dell’ordine(?) Ma ci state prendendo in giro??!! ANCHE STAVOLTA BISOGNAVA LASCIAR FARE!! In tutta Europa li hanno intercettati PRIMA ,solo in Italia riescono sempre a mimetizzarsi!!! Ma per favore. Ma che le forze dell’ordine oneste e con l’orgoglio del loro lavoro si facciano sentire altrimenti la figura degli incapaci la fanno sempre loro coprendo ben altri disegni politici.E sinceramente non penso lo meritino.

  9. Scritto da aldo buso

    Ma ci siete o ci fate ?!?
    Mai partecipato ad una manifestazione con migliaia dipersone in piazza ???
    Come si fa ad arrestare un manipolo di violenti che si camuffano tra migliaia di legittimi manifestanti ??? C’è solo una soluzione: intervenire duramente ed interrompere il corteo… Sapete cosa comporta ??? Vuol dire coinvolgere migliaia di persone inerti ed alzare il livello dello scontro (do you remembre genova???). Le forze dell’ordine hanno agito nel miglir modo possibile…