BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Poligrafici de L’Eco, Cgil festeggia: ecco i tre eletti

Come anticipato da Bergamonews ecco i numeri della svolta alla Sesaab. Tre delegati dell'Rsu tutti targati Cgil. Cisl sconfitta.

Più informazioni su

Come anticipato da Bergamonews venerdì 14 ottobre la Cgil comunica che la nuova Rsu di Sesaab spa, la società editrice de L’Eco di Bergamo, sarà interamente composta da delegati della Cgil: così  hanno deciso i lavoratori col voto di giovedì 13 e venerdì 14 ottobre. Dei 38 votanti (sui 40 che ne avevano diritto) 30 si sono espressi per la lista SLC-CGIL e 8 per quella FISTEL-CISL. Tutti e tre i delegati risultano, dunque, eletti nella lista della Cgil. Sono Glauco Tarchini, Diego Signorelli e Davide Morzenti.
“Esprimiamo soddisfazione per questo risultato in una realtà dove la CGIL non era mai stata presente – ha detto oggi Marcello Bertazzoni, segretario generale provinciale della SLC-CGIL -. Registriamo tra i lavoratori di Sesaab una forte preoccupazione per il futuro. La società ha annunciato di voler cedere un ramo d’azienda che, in concreto, si traduce nel passaggio di 12 lavoratori dal contratto dei poligrafici a quello che meno li garantirebbe, quello nazionale del Terziario che, tra l’altro, la CGIL non ha mai firmato. La cessione di parte dell’organico da Sesaab a Spm, una delle concessionarie di pubblicità del gruppo, a nostro avviso produrrà, infatti, un trattamento penalizzante per questi lavoratori, sotto vari capitoli, dalla malattia alle regole per accedere, nel caso, agli ammortizzatori sociali, solo per fare due esempi”.
I sindacati hanno ricevuto da Sesaab, il 5 ottobre scorso, la comunicazione dell’intenzione di procedere alla cessione di ramo d’azienda denominato “servizi alla produzione” (amministrazione e finanza, risorse umane, sistemi informativi, comunicazione e marketing, segreteria generale, legale, controllo di gestione) a SPM Società Pubblicità e Media srl.
“Dopo quella comunicazione, per discutere della cessione abbiamo richiesto un incontro che si è tenuto oggi” continua Bertazzoni. “Abbiamo chiesto all’azienda un approfondimento in merito proprio alle funzioni che verrebbero cedute: pensiamo, infatti, che quei lavoratori con mansioni che fanno direttamente capo al quotidiano debbano restare nell’ambito del contratto nazionale dei poligrafici, che altrimenti verrebbe progressivamente svuotato se tutti i gruppi editoriali facessero come Sesaab”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Morale

    …insomma l’azienda vuole fregare chi lavora.m’a non era un giornale cattolico.? Siamo alle solite morale sul pulpito e affari sotto.