BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dialogo sull’altro con Gian Antonio Stella

Marted?? 18 ottobre a Torre Boldone il giornalista Gian Antonio Stella sar?? ospite di "Molte fedi sotto lo stesso cielo".

Martedì 18 ottobre il giornalista Gian Antonio Stella sarà ospite delle Acli per la terza serata del ciclo di incontri “Dialoghi dello spirito” nell’ambito della manifestazione “ Molte fedi sotto lo stesso cielo” che quest’anno ha come tema “Ama il prossimo tuo perché è te stesso”. Gian Antonio Stella , firma di punto del "Corriere della Sera"  terrà una riflessione sul tema “L’ossessione dell’altro. La paura della diversità”. La produzione letteraria del giornalista è sempre stata molto attenta al tema della diversità . Tra i suoi libri più famosi ricordiamo “L’Orda, quando gli albanesi eravamo noi” pubblicato nel 2002 da Rizzoli sulla xenofobia sofferta dagli emigrati italiani, e nel 2009 “Negri, froci, giudei & co. L’eterna guerra contro l’altro” edito da BUR, in cui Stella ricostruisce con dovizia di particolare come, proprio negli anni in cui entrava alla Casa Bianca il primo nero, è rifiorita la pianta maledetta del razzismo, della xenofobia, del disprezzo verso l’altro che pareva rinsecchita nella scia del senso di colpa collettivo per il colonialismo, per le leggi Jim Crow negli Stati Uniti, per l’apartheid in Sudafrica e soprattutto per l’Olocausto. Dal terrore dei barbari alle pulizie etniche tra africani, dalle guerre comunali italiane al peso delle religioni, fino alle piccole storie ignobili di questi giorni, Stella ricostruisce un ricchissimo e inquietante quadro d’insieme di ieri e di oggi del rapporto fra "noi" e gli "altri". Perché "la storia documenta una cosa inequivocabile: l’idea dell’‘altro’ non è affatto assoluta, definitiva, eterna. Al contrario, dipende da un mucchio di cose diverse ed è del tutto relativa. Temporanea. Provvisoria".
Mercoledi 19 ottobre, Gianantonio Stella  terrà un ulteriore intervento, promosso da Moltefedi  riservato agli studenti del Liceo Mascheroni in via A. da Rosciate 21/A, Bergamo dalle 8 alle 10 all’Auditorium del Liceo.  
L’intervento si terrà alle ore 20.45 all’Auditorium Sala Gamma di Torre Boldone, via Margherita 2. I biglietti dell’evento sono già da tempo esauriti . Il giorno dopo, Gian Antonio Stella, giornalista italiano, è inviato ed editorialista per il Corriere della Sera. Come giornalista si è occupato per anni di cronaca romana e di interni, ed è stato a lungo inviato nel Nord-Est Italia. Scrive di politica, cronaca, cultura e costume. Attualmente si occupa di politica, cronaca e costume e conduce saltuariamente la trasmissione Faccia a faccia in onda su RadioTre. Nel 2007 ha pubblicato “La Casta” insieme con Sergio Rizzo, che è stato uno dei libri di maggior successo dell’anno. Nel 2010 ha pubblicato “Il viaggio più lungo. L’odissea dei migranti italiani” edito da Rizzoli e nel 2011, sempre con Sergio Rizzo, ha pubblicato per Rizzoli “Silvio forever. Autobiografia non autorizzata di Silvio Berlusconi” e “Vandali. L’assalto alle bellezze d’Italia”. Per maggiori informazioni:  moltefedi@aclibergamo.it  www.moltefedisottolostessocielo.it  tel. 035. 210284.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aristide

    Riassumendo: quella dei politici è una casta, quella dei giornalisti pure. Il problema qual è? Dobbiamo punirle entrambe. Qui sta il busillis. Per quanto riguarda la casta politica potremmo astenerci, o lanciare segnali punitivi, ma sappiamo per esperienza che non basta. La classe politica è quello che è perché la c.d. società civile è quel che è. Che fare? Cominciare da noi: una “metanoia”, una conversione, una rivoluzione. E tanto disprezzo. Idem, più o meno, per l’altra casta, eventualmente.

  2. Scritto da right in two

    Qualcuno dica al buon gian antonio di traslocare dalla sua mega-villa ad un bilocale vicino ad una moschea o sopra un kebabbaro.Vedrà che bel dialogo con l’altro che avrà…

  3. Scritto da Contro il razzismo e gli anti-razzisti di mestiere

    L’anti-razzismo produttivo oppure l’anti-csta monetizzabile. Se la casta e’ sopravissuto fin’ora e’ grazie al silenzio assenso dei “giornalisti di regime” sopratutto di sinistra.

  4. Scritto da gb

    già, eh già, la casta non è mica solo quella dei politici, anche quella dei giornalisti…