BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

???A Roma scontri previsti Servivano attacchi mirati???

Comunicato dai toni forti quello diffuso dal Movimento studentesco di Bergamo sul proprio sito internet e su Facebook. "Occorrevano invece azioni mirate".

Comunicato dai toni forti quello diffuso dal Movimento studentesco di Bergamo sul proprio sito internet e su Facebook. Nel report riguardante la partecipazione degli studenti bergamaschi alla manifestazione di Roma si afferma che “le azioni compiute ieri da una parte dei manifestanti sono state casuali, per portare scompiglio nel corteo; occorrevano invece azioni mirate”.

Ieri (sabato, ndr) un gruppo consistente del Movimento Studentesco di Bergamo era a Roma, alla manifestazione del popolo degli indignati, perché anche noi ci sentiamo privati della nostra dignità e del nostro futuro. Abbiamo visto centinaia di migliaia di persone concentrarsi in Piazza della Repubblica ed esondare nelle vie e nelle piazze circostanti; abbiamo visto giovani, adulti, famiglie con bambini a seguito, partecipare ad un corteo formato da una miriade di spezzoni e ognuno di questi ampliava la piazza, portava il proprio contributo, la propria esperienza. Erano varie associazioni, come il Comitato in Difesa dell’Acqua Pubblica e le Brigate di Solidarietà Attiva; dal punto di vista sindacale gli unici ad essersi schierati con gli Indignados sono stati i sindacati di base e la FIOM; i partiti parlamentari sono stai assenti: si intravedeva qualche bandiera di Sinistra e Libertà e si notava uno spezzone piuttosto nutrito di Rifondazione Comunista. Da qui è ben facile capire la natura della protesta: una porzione sempre maggiore del popolo italiano non si sente rappresentata, non trova una politica col quale comunicare e confrontarsi, ma solamente un’entità vaga, un gruppetto di partiti che non pensano a come uscire da questa crisi, ma si preoccupano soltanto dei propri interessi. In Italia si sente la mancanza di un’opposizione che crei delle alternative alle politiche di governo e alle imposizioni della BCE, capace di portare a una soluzione reale che abolisca lo stato di cose presente. La crisi attuale è infatti una crisi di sistema e ieri, come in altre 80 metropoli di tutto il globo, Roma è stata inondata da un popolo che vuole portare un contributo, che vuol essere reso partecipe di ciò che lo riguarda.

C’erano anche diversi spezzoni, sparsi per il corteo, i cui componenti erano schierati in fila, bardati con sciarpe e caschi e con spranghe o bastoni stretti in mano; la maggior parte di loro erano ragazzini, di 15 , 16 anni. Al loro passaggio gli altri manifestanti storcevano il naso lanciavano insulti, ribadendo l’anima e gli intenti pacifici del corteo.

Ieri sono state bruciate auto e sfondati negozi, non sono stati attaccati dei luoghi simbolo, come potevano essere il Parlamento, il Ministero dell’Economia, la sede della Banca d’Italia. Ieri l’attacco non è stato ai danni del potere. I roghi sono stati appiccati durante il passaggio del corteo, mettendo in pericolo la folla. La polizia ha deciso di intervenire e ha barricato una via senza lasciare alcuna possibilità d’uscita ai manifestanti, innocenti o meno. I blindati sono corsi a tutta velocità in Piazza San Giovanni, dove la testa pacifica del corteo era appena arrivata ed il comizio finale stava per avere inizio. Hanno utilizzato gli sfollagente contro persone che nulla avevano distrutto durante il corteo, hanno lanciato lacrimogeni e fatto caroselli su una piazza assolutamente pacifica. A quel punto le persone sono defluite dalla piazza, alcune delle quali si sono rifugiate in chiesa per sfuggire alle violenze indiscriminate e gratuite delle ”forze dell’ordine” e la parte più violenta dei manifestanti è stata lasciata entrare in piazza.

Il nostro intento non era questo; tutti prevedevamo degli scontri perché il contesto è ormai troppo drammatico, gli indici di disoccupazione giovanile sono a livelli storici, ci sentiamo inascoltati e privati di ogni futuro e vediamo che nessuno cerca di cambiare ciò. Le azioni compiute ieri da una parte dei manifestanti sono state casuali, per portare scompiglio nel corteo; occorrevano invece azioni mirate, in punti nevralgici e luoghi simbolo della città e questi non sono stati minimamente toccati e nemmeno si è tentato di farlo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lilli

    @37 vic: Brava!!

  2. Scritto da vic

    x lilli, meno male che c’è lei che capisce tutto, me ne farò una ragione.

  3. Scritto da fabio

    Mi sembra che bergamonews abbia distorto il significato del comunicato. Il titolo lascia intendere il sostegno alla violenza, invece il Movimento studentesco ha espresso critiche. Mi sembra che l’intento sia quello di provocare nuove divisioni e polemiche. Non mi sembra buon giornalismo.

  4. Scritto da basta magnoni

    ciak si gira:come fare leggi repressive con il bene placido del popolino beota

  5. Scritto da roberta

    a quello del popolino beota: si scrive “beneplacito”, non “bene placido”.

  6. Scritto da lilli

    @30 fabio: sono d’accordo con te

  7. Scritto da studente incazzato

    ci piacevano tanto le proteste arabe, i scioperi greci…ora i primi a dire che vergogna…viva la coerenza…un gruppo di ragazzini che sa urlare rivoluzione…ma quando la devi fare sei il primo a scappare…p.s i simboli del potere…sono i simboli del capitalismo, tra cui banche, ecc…

  8. Scritto da Mohamed

    @a studente incavolato, Le proteste arabe hanno partorito gli integralisti. Non vi e’ rivoluzione nel gruppo se non vi é un cambiamento in noi. Confondere rivoluzione e violenza e’ veramente pericoloso. Sono sicuro che sei una persona di buon cuore ma la rivoluzione e’ sostanzialmente riflessione profonda. Ribellione e’ obbedire alla volonta di rifiutare qualcosa non proporre. Non essere vittima del sentimento reattivo, perché sembrerebbe azione ma in realtà e’ soltanto una passività gridata.

  9. Scritto da Movimento Studentesco? No, grazie!

    Il Movimento Studentesco Bergamo esiste solo in teoria, ma in pratica non esiste. Infatti non c’é una persona che si firma, con nome e cognome, rappresentante di questo Movimento. Sono persone che fanno parte di Rifondazione Comunista e del Pacì Paciana. Che hanno il coraggio di dire che gli incidenti di Sabato sono stati colpa della Polizia o, addirittura, di infiltrati di Destra. Questo la dice lunga su di loro … Purtroppo, quando manifestano, i centri sociali fan sempre danni!!

  10. Scritto da vic

    Non ho sentito nominare il movimento studendesco quest’estate. Forse erano in vacanza in qualche località alla moda con i soldi di BABBO, certo per distruggere tutto è meglio abbronzarsi un pò. Nel resto del non mi pare ci sia stata questa pausa vacanziera.

  11. Scritto da Nico Toberri

    qualcuno vada a cercare su internet le cronache degli incidenti in Sardegna quando Soru accettò di ricevere i rifiuti di Napoli troverà la verità.

  12. Scritto da PIO

    @19 perchè lei ha la palla magica? vede il futuro?come fa a sapere quello che fanno le altre persone o le loro esperienze vissute?

    COMUNQUE IO LA FAREI BREVE CHIUDEREI TUTTI I CENTRI SOCIALI A PARTIRE DAL PACI PACIANA.

  13. Scritto da pippotaji

    cmq la foto dell’articolo e’ del 14 dicembre 2010 (in piazza del popolo). questo la dice lunga sull’attenzione che ripongono i giornalisti nelle ricostruzioni dei disordini di piazza…

  14. Scritto da lilli

    @21 vic: credo proprio che non abbia capito niente. va beh il mondo è bello perchè vario.

  15. Scritto da sherwood

    Pochi di questi sanno che la crisi è stata originata dalle banche americane, non da quelle italiane.
    Dovrebbero indignarsi (ad esempio) con coloro che hanno permesso alla gente di andare in pensione (ad esempio) dopo 13 anni di lavoro, li stiamo mantendendo da 20 anni e continueremo a farlo per i prossimi 30.
    Sono questi che si sono mangiati il nostro futuro.
    Quando si hanno poche idee di solito si chiama la gente in piazza.

  16. Scritto da Istigazione a delinquere

    “Servivano attacchi mirati?”
    Ma questa è istigazione a delinquere! Che qualcuno intervenga con questi terroristi, prego. Se nessuno lo fa, vuol dire che lo Stato non esiste più, e allora w l’anarchia: io non pago più le tasse per mantenere sti sabotatori del weekend figli di mamma e papà

  17. Scritto da pier pasinetti

    dare spazio a questi idioti è già troppo, creare disordini…

  18. Scritto da lilli

    volevo far presente che il testo originale non parla di “attacchi mirati” ma di “azioni mirate” che sono due cose completamente differenti. infatti in tutte le manifestazioni ci sono delle azioni dimostrative che non centrano niente con la violenza quindi non mi sembra proprio che sia un’istigazione a delinquere. Infatti sarebbe bene leggere bene il testo e non fermarsi solo sulle parole scritte in grassetto. mi sembra chiaro che la violenza gratuita sia stata condannata.

  19. Scritto da Fede

    Di causuale nelle azioni compiute da una certa parte dei manifestanti nn c’era proprio niente: erano andati lì per spaccare tutto e così hanno fatto. Mettendo anche a pericolo quelli che stavano menifestendo in modo pacifico, come è loro diritto. Poi dare la colpa alle forze dell’ordine mi pare proprio ridicolo

  20. Scritto da white block

    Rilanciare senza un minimo di filtro le elucubrazioni di questi giovinastri non è giornalismo. Sono capace anch’io di cercare il loro sito e di leggere le panzane che scrivono. Da voi mi aspetto di più. Per esempio: chi è il leader del Movimento Studentesco bergamasco? Perchè non lo intervistate e ci fate capire che cosa ha nella testa? Voi ne avete la possibilità, aiutate i lettori come noi che non hanno gli strumenti a capire cosa c’è dietro queste sigle che di per sè non dicono molto.

  21. Scritto da aldo buso

    La prssima volta gli sbirri prima di caricare una piazza che li stà bombardando con ogni oggetto e che sta devastando ogni cosa avranno l’accuratezza di chiedere ai manifestanti se sono pacifici o violenti, in tal caso acompagneranno mano nella mano fuori dall’arena teatro degli scontri i primi (vittime anch’essi dei violenti) e bastoneranno i secondi….
    Ragazzi riprendiamoci per favore!!!

  22. Scritto da Movimento Studentesco? No, grazie!

    Sedicente rappresentante del Movimento Studentesco, se credi veramente in quello che scrivi, firmati! Voglio il nome ed il cognome di colui che scrive che i tafferugli di Sabato sono colpa della Polizia.
    La prossima volta prova a stare sul blindato, bombardato da grossi sassi e poi bruciato, con all’interno ancora le forze dell’ordine, e poi vediamo se dai ancora la colpa alla POLIZIA!

  23. Scritto da stefano b.

    il disagio in tutte le parti della società italiana, è palpabile.
    che poi siano aggressioni pianificate a tavolino o meno, l’impressione è che non ce la si faccia più: ne a sopportare la crisi, ne’ a vivere una vita che sempre più ti emargina, in quanto non ti dà i mezzi per vivere dignitosamente, ed anche ti intossica con le sue luci e paillettes.
    i responsabili dei milioni di danni sono facilmente indentificabili.
    meno quelli che hanno fatto miliardi di danni, incravattati e in doppiopetto.

  24. Scritto da expaul

    certo che l’intervista a parlato del manifesto ( repubblica di oggi) lascia poca speranza alla razionalità che in democrazia si deve sempre mantenere…e poi si lamentano che le sx perdono terreno!

  25. Scritto da Marco FLI Bergamo

    uniamoci tutti attorno alle forze dell’ordine che a Roma hanno combattuto contro i violenti e i deficienti!!! il diritto di manifestare è legittimo, ma bisogna manifestare senza violenza.

  26. Scritto da stefano rossi

    pienamente daccordo 4 se sono cosi’ coraggiosi perche’ non si firmano o meglio si fanno vedere in faccia
    troppo facile prendersela con le forze dell’ ordine che stanno svolgendo il loro lavoro rischiando la loro vita per dei delinquenti che non sanno nemmeno quello che stanno facendo!!!Giu’ a Roma a ripulire e ripagare i mezzi i negozi e tutti i danni che hanno fatto!!!

  27. Scritto da condivido expaul

    in riferimento a @6:
    non ho letto l’intervista a Parlato su repubblica, ma ho letto il suo articolo direttamente su il Manifesto di ieri.
    Sono un’antica lettrice di quel giornale, ma ieri mattina sono rimasta esterrefatta nel leggere (e rileggere, speravo di aver capito male) le sua parole.

  28. Scritto da dc

    condivido 3. è allucinante come si dia sempre la colpa alle forze dell’ordine…inoltre oltre alle bandiere indicate del M.S. c’erano anche quelle con falce e martello e con Che Guevara (immagine viste al TG5 e La7). non hanno colpito luoghi simbolo ? hanno sfondato la porta di una chiesa e rotto la statua della Madonna… !!!

  29. Scritto da Maria Letizia Mortacci

    Obiettivo raggiunto, finalmente si potranno vietare tutte le manifestazioni di dissenso con la scusa della sicurezza.Saranno consentite solo manifestazioni filo governative, d’altra parte il completamento del piano prevedeva anche gli interventi dei molti commentatori (anche su questo giornale) che puntualizzavano come alle manifestazioni della lega e della destra i black-block non ci siano.Quindi non ci sarà più motivo di vedere cicchitti o gasparri stupefatti dall’esistenza di dissenso.

  30. Scritto da riccardo bianchi

    “se sono cosi’ coraggiosi perche’ non si firmano o meglio si fanno vedere in faccia” lo chiederei in primis, alle forze dell’ordine. Nei paesi democratici, i rappresentanti delle forze dell’ordine sono chiaramente identificabili da un numero di matricola, in modo che comportamenti totalmente al di fuori della legge, possano essere documentati, denunciati e condannati. Gli operatori dell’ordine pubblico diano il buon esempio, nel loro stesso interesse, non tutti sono acab, fuori le mele marce.

  31. Scritto da paci paciana

    Ma, secondo me erano infiltrati di Berlusconi che per screditare il Movimento hanno creato incidenti .Quelli della Destra ora chiederanno di vietare le manifestazioni.

  32. Scritto da pandemonio

    Che credibilità credono di avere gente che incendiano auto e ora assaltano pure le chiese e distruggono immagini sacre?Questa gentaglia e tutti i loro reggicoda ci porteranno all’odio continuo e Dio non voglia anche a qualcosa di peggio.

  33. Scritto da digeo

    Mi pare davvero allucinante che qualcuno trovi il coraggio di dare la colpa alla polizia per quel che si è visto sabato a roma.Ma in un paese democratico uno può sfasciare una vetrina impunemente?Chi paga i danni di quella vetrina?Il black block che l’ha spaccata o il povero proprietario della vetrina?E i danni ai luoghi comuni?Li paga il comune di roma, che,non avendo soldi,aumenta le tasse.E il debito pubblico sale.E le tasse le pagano i soliti noti,non gli anarchici. In galera tutti.

  34. Scritto da lilli

    Scusate ma io non vedo che questo comunicato dica che è colpa della polizia…….hanno semplicemente detto che la polizia ha colpito le persone sbagliate invece di concentrarsi su chi realmente stava devastando la città. almeno…..rileggendo il testo ho percepito questo.

  35. Scritto da A zappare

    Studenti
    Finiti mamma e papà che vi mantengono, finirete tutti nei campi a zappare la terra, se volete magnà. Imparate dai vostri padri e dai vostri nonni come si sta al mondo.

  36. Scritto da Militante Rif.Comunista

    Si parli del motivo x cui 500.000 persone hanno manifestato sabato a Roma
    Parlare solo di questi 500 idioti è proprio quello che loro vogliono sentire in televisione e leggere sui giornali

  37. Scritto da a ragion del vero

    a ragion del vero cara redazione e cari commentaristi vari, nel comunicato non si parla espressamente di attacchi ma di azioni mirate. possono sembrare sottigliezze ma riguardando i fatti di sabato forse un po’ di attenzione in più la si può dedicare…
    oppure semplicemente sapete già che i vostri/nostri lettori non andranno mai oltre il titolo??
    ecco perchè l’italia non cambia… sempre pronti a dire ognuno la propria opinione su cose non vissute o non viste.

  38. Scritto da to disposto ai

    Beh, che i leader del movimento studentesco siano gli stessi esponenti di rifondazione comunista che lo animavano già dieci anni fa, ormai lo sanno anche i sassi. Basta vedere foto e video vari, per riconoscere quegli ormai trentenni (o più). Oppure basta vedere che il sito del movimento studentesco è stato registrato da un dirigente di rifondazione comunista bergamo.