BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Enduro, domenica scritta una delle pagine pi?? brutte”

Pubblichiamo l???intervento del coordinatore della commissione normative della federazione motociclistica in merito ai campionati enduro di settimana scorsa.

Più informazioni su

Pubblichiamo l’intervento del coordinatore della commissione normative della federazione motociclistica in merito ai campionati enduro di settimana scorsa.

Domenica 9 ottobre, Castiglion Fiorentino (Arezzo), ultima prova del Campionati Italiani Under 23 e Senior, saranno ricordate come una delle pagine più buie dello sport enduristico. Esempio di accanimento per il numero dei coinvolti, indubbiamente alto, per le conseguenze, ed inoltre registrato e diffuso tramite social network e quindi a conoscenza della grande massa. Occasione ghiotta quella di una gara titolata per le truppe del Corpo Forestale dello Stato per intervenire in massa, far vedere che “ci sono” e fanno rispettare la legge; legge che per altro è chiara ed infatti fatta rispettare, già al sabato con tutte le moto entrate in parco chiuso con la loro targa originale montata.
Nessuna copia riprodotta, rimpicciolita, nessun numero a pennarello, insomma rispettata la legalità ed allora perché una tale perseveranza?
Per ossequio alla cronologia, la gara è partita , è stato fatto un legittimo controllo delle targhe nel corso della stessa, addirittura cronometrato per non penalizzare i concorrenti, sono stati verificati coloro che si trovavano senza targa ed al termine della giornata “beccati”. Il putiferio è scoppiato ai paddock, intorno alle 16, poiché il clima indotto dalle azioni repressive è risultato fortemente avverso nei confronti dei concorrenti. Sarà vero che fare off road non sia politicamente corretto, però oggi gli enduristi sono cittadini con più doveri, tutti a caro prezzo, che diritti, vanno trattati con rispetto non come delinquenti; si mettono pure un numero ripetuto tre volte sulla moto tanto da essere più facilmente verificabili.
Non sappiamo se vi siano state direttive locali o nazionali sull’intervento, ma l’utilizzo di tre vetture ed un elicottero sembra esagerato e non rispettoso dell’attuale momento di crisi economica che mette in ginocchio le Pubbliche Amministrazioni. Quello che è successo nel corso del pomeriggio lo vogliamo cancellare dalla memoria; bene ha fatto chi ha censurato il video, il quale non insegna niente, poiché la maggior parte dei fuoristradisti sono gente civile che dialoga, bisticcia, fa le proprie rimostranze, ma non si scaglia contro pochi, collaborativi Carabinieri, più impegnati a gestire gli stupori e le proteste derivanti dall’intervento, che a dare addosso ai motociclisti.
Ebbene senza tanto clamore era sufficiente verificare le moto, verbalizzare, nel caso fermarle, ma non creare un tale polverone, saremmo poi andati a discutere la giustezza delle interpretazioni della Legge.
Dobbiamo ripartire da un brutto pomeriggio per capire come risolvere non solo il problemi Castiglion Fiorentino ma anche quello delle targhe. La FMI sta lavorando per risolvere questa brutta situazione con la propria Commissione Normative Fuoristrada (CNF) e speriamo che l’intelligenza sia superiore ai rancori. In questa zona ci sarà nel 2012 la prova italiana del campionato mondiale Enduro, la FMI e tutti gli appassionati, ma noi pensiamo anche gli albergatori, i ristoratori, i benzinai, i supermercati,
insomma tutti coloro che trarranno locale profitto dall’evento si aspettano che non si ripetano tali brutti momenti. Ora è importante capire se l’intervento così massiccio del CFS sia dovuto ad esigenze specifiche o fa riferimento ad ordini superiori.
La Toscana, l’Italia sportiva non si meritano una figuraccia planetaria, anche perché in quel caso non ci sarà un videoamatore e tanti telefonini accesi ad hoc, ma cineprese pronte a diffondere immagini in tutto il mondo, vogliamo che si ripeta la medesima situazione? Prioritario però per il mondo motociclistico risolvere il problema targa; in una rapida cronologia il popolo dei social network e dei forum deve sapere che la CNF da anni lavora senza clamori al problema, ma non c’è al momento soluzione poiché va cambiata una legge nazionale, il Codice della strada.
Sappiamo che in mezza Europa le moto Off Road hanno doppia targatura, Svezia, Germania, Finlandia, se non specifica come in Catalogna, solo alcuni esempi, ma lo stato della politica italiana è talmente basso che è meglio non illudersi, i problemi all’ordine del giorno sono altri. Non ci illudiamo neppure di risolverlo in Parlamento dove è depositato e fermo da anni il DDL , sul tavolo dei senatori di riferimento, ma mai attuato il passaporto tecnico che permetterebbe , come è successo nei Rally, di avere veicoli ad uso sportivo-agonistico sottoposti ad una diversa regolamentazione.
La proposta “targa FMI”, da usare all’uopo, non ha trovato alleata neppure l’ANCMA, di fatto
sindacato dei costruttori.
Su questo tema sono state fatte riunioni e discussioni, e nell’ultima con le Case , poiché le stesse
non si sentono tanto potenti da imporre il targhino, si è arrivati alla ponziopilatesca decisione di
apporre le targhe originali nell’attesa che od i costruttori, dal 2013, od i produttori aftermarket,
speriamo da subito, costruiscano dei parafanghi che possano contenere il formato attuale.
Le moto diventeranno certamente più brutte ma almeno salvaguarderemo uno sport …. senza
ghettizarlo in Enduro-park, per altro necessari da altri punti di vista; e sarà meglio che anche i
trialisti e le Case interessate siano coinvolte sull’argomento.
In memoria del “cinghiale” Fabrizio Meoni avremmo preferito un’altra giornata, di sport come lui
amava, di rispetto, di amicizia, così non è stato, dobbiamo ripartire sperando almeno che nel 2012
si onori il ricordo di un personaggio unico con un Gran Premio d’Italia indimenticabile.

Marco Marcellino
Coordinatore CNF
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alex

    Uno dei pistolotti più brutti della storia.

  2. Scritto da roberta

    fatemi capire: questo signor Marco Marcellino sta forse affermando che gli agenti del Corpo Forestale dello Stato che sono intervenuti hanno commesso delle irregolarità e degli abusi di potere?
    Qui a mio avviso si rasenta la diffamazione di pubblico ufficiale…anche se purtroppo non sono avvocatessa per saperlo con precisione

  3. Scritto da A.Z. Bg

    *4 Se a te non piacciono le moto,a me si.E allora?A me non piacciono le mountain bike che non hanno le luci regolamentari,ne il campanello,ne i catarifrangenti sui pedali come prescrive il cds per circolare.Sequestriamole tutte subito insieme a quelle del trofeo Gimondi,altrettanto non in regola.Credi di essere l’unico detentore della verità?Datti una calmata.I diritti valgono per tutti allo stesso modo,se vuoi la libertè della bici,lascia ad altri la libertà delle moto.

  4. Scritto da julius

    non credo ai miei occhi:
    1 – tirare in ballo berlusconi!!!!!!
    2 – la forestale l’altra settimana dichiara di non avere benzina nelle jeep e poi fa alzare un ELICOTTERO per fermare un atleta nel pieno di una gara
    3 – le regole, dentro a una gara di enduro, sono sempre RISPETTATISSIME, prova ne è che anche in bergamasca il clamore suscitato da certi ambientalisti, si è SEMPRE rivelato infondato

    forza enduro, forza ragazzi, forza meoni

  5. Scritto da W promo serio,loro amano l'enduro.

    @ 6 Giulio,tardi ma arrivi sempre…:1,è il tuo caro papi silvio ad aver creato in Italia questo malcostume di non voler rispettare la regole(vedi sue idee su toghe rosse ecc)2,qui si tratta del C.F.S. Toscano,non di quello Lombardo.

  6. Scritto da .

    Non attaccatevi alla memoria dei morti(Meoni)per pararvi il sedere;non sta bene…

  7. Scritto da X

    Mi sembra di aver letto uno dei soliti pistolotti del nostro presidente del consiglio,quando vuole discolparsi per le sue malefatte. Non ho piu parole…!

  8. Scritto da zxcvb

    giustissimo intervento della federazione..un’azione come quella fatta dal corpo forestale è indecente, sia per quanto riguarda i modi, sia per le persone coinvolte….ad una gara ufficiale le moto sono controllate in tutto e per tutto, non solo targhe ma anche telaio, pneumatici, prove fonometriche…forse qualcuno voleva far parlare di sè…con l’elicottero poi, che buffoni…

  9. Scritto da Poderosa

    In Italia ormai si è diffuso il costume che nessuno più sbaglia, le Regole ormai vengono tutti i giorni aggirate, e guai a chi le vuol fare rispettare. Abbiamo imboccato una strada che non si sa dove ci porterà.

  10. Scritto da aenima

    Basta giustficarvi.Fate ridere voi e le vostre motorette.Compratevi una mtb e vedrete che i boschi e le montagne si possono godere senza distruggerli a colpi di marmitta…