BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da vulcani e ghiacciai la materia prima delle nostre citt??

Grande successo per la mostra promossa dal Coordinamento Cave Bergamasche a Bergamoscienza. 6.000 visitatori nel solo week end, tutto esaurito per le visite delle scuole

Un successo di pubblico straordinario è stato quello registrato in questo primo fine settimana dalla mostra “Da vulcani e ghiacciai la materia prima delle nostre città”, organizzata dal Coordinamento Cave di Bergamo in occasione di Bergamo Scienza, il festival di divulgazione scientifica in programma dal 1 al 16 ottobre e giunto alla sua nona edizione.
Oltre 6 mila sono stati infatti i visitatori che, nel solo week-end, hanno visitato la tensostruttura in forma di videorama di Piazza Vittorio Veneto, dimostrando curiosità e interesse verso i segreti delle cave e del sottosuolo del territorio.
Anche le visite didattiche offerte alle scuole hanno registrato il tutto esaurito, con le prenotazioni chiuse già alla prima giornata di mostra e la richiesta di materiale informativo per approfondire l’argomento durante le lezioni. 
I sei video multimediali della mostra illustrano ciascuno un diverso aspetto del lavoro di cava: “Un’eredità primordiale” racconta come si è formato il sottosuolo fin da 4,5 miliardi di anni fa; “Viaggio al centro della terra (bergamasca)” rievoca un tempo in cui a Bergamo c’era il mare; “Gli inerti, materia “prima” in tutto” descrive i prodotti ottenuti dall’attività estrattiva e le loro possibilità di impiego; “Alla scoperta della cava” svela quali sofisticate tecnologie vengono oggi impiegate in una cava; “L’evoluzione tecnologica di un lavoro millenario” traccia invece un percorso dai primordi del lavoro estrattivo ad oggi, mostrando gli sviluppi di questo settore, sempre più attento all’ecosostenibilità. Proprio alla tutela e alla cura dell’ambiente è dedicato l’ultimo video “Cave e ambiente, una sinergia “sostenibile””: sono infatti in pochi a sapere come le cave siano oggi attentamente monitorate e certificate per assicurare il massimo rispetto del paesaggio che le circonda, tanto che sono sempre più i casi virtuosi in cui sono nate vere e proprie oasi naturali, dove sono state nuovamente introdotte specie animali e vegetali a rischio di estinzione.
La mostra sarà aperta al pubblico tutti i giorni fino al 16 ottobre con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19. Le mattinate dei giorni feriali saranno invece dedicate alle visite guidate per le scuole secondarie di primo e secondo livello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.