BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Smog, da sabato stop ai veicoli pi?? inquinanti

Solito stop dal 15 ottobre al 15 aprile del prossimo anno per le macchine pi?? inquinanti a cui si aggiungeranno i ciclomotori e moto Euro 0 a due tempi.

Stop all’inquinamento. La Regione Lombardia ha infatti deciso che dal 15 ottobre 2011 al 15 aprile 2012 partirà, come ogni anno, il blocco del traffico da lunedì a venerdì, (escluse le giornate festive infrasettimanali), dalle ore 7.30 alle 19.30, per le categorie di autoveicoli considerati troppo inquinanti. La novità di quest’anno è che non potranno circolare neanche ciclomotori e moto Euro 0 a due tempi. Per essi il blocco sarà di 24 ore, 7 giorni su 7. Nessun blocco, invece per gli euro 3 diesel perché poco dannosi per l’ambiente.
La decisione è stata presa in quanto gli ambientalisti hanno riscontrato che alcune categorie di ciclomotori, come i vecchi motorini, inquinano di più di un’auto a benzina. “Nonostante tutto, se alcuni comuni decidessero di adottare misure più restrittive, sono del tutto liberi di farlo, anche se operazioni simili non comporterebbero effettivi vantaggi in quanto avrebbero una scarsa incidenza con il miglioramento dell’aria.”, ha dichiarato l’assessore all’ambiente della regione Lombardia Marcello Raimondi.
Per diminuire il tasso di inquinamento, altissimo nella nostra Regione, si è cercato di ridimensionare anche il consumo di caldaie e riscaldamenti che contribuiscono al surriscaldamento dell’atmosfera e hanno un’incidenza del 29 % sul totale dell’inquinamento.
Si è così deciso di introdurre un bollino blu per le caldaie, in modo tale che ogni cittadino possa controllare se è in regola con la manutenzione della propria caldaia, traendone anche un giovamento dal punto di vista economico, nel pagamento della bolletta.
Altra soluzione trovata e da poco adottata a Bergamo, quella del teleriscaldamento, mentre altri progetti di tecnologia avanzata sono stati applicati su industria e agricoltura già parecchi anni fa sempre per ridurre i tassi di inquinamento.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 081

    @3 e 4: quoto marinoB., tornassi indietro farei l’idraulico e l’elettricista.
    @6 daccordo anche con la sciura Marisa.

  2. Scritto da lostilita

    Opacimetri fissi sulle superstrade, controlli a tutti i bus (anche e sopratutto pubblici), tassa di 5 euro per ogni biglietto aereo da Orio
    (spendono 10 euro o meno per un volo e io mi becco in testa il loro kerosene!) ,i 5 euro come fondo per doppi vetri e pannelli solari per le famiglie Contributo ecologico progressivo per auto di grossa cilindrata dai 2000cc in su, sempre da destinare a fondi per famiglie che ristrutturano in senso ecologico le case. Se vuoi inquinarci devi pagare e salato!

  3. Scritto da stefano rossi

    Solito ritornello cambiate controllate intanto i centri commerciali hanno temperature all’interno di ca 36° i comuni e uffici pubblici +o- uguale ma loro il buon esempio prima di obbligarci a fare non lo possono dare???? obbligo di fermo per euro 0 1 2 ma per piacere circolano tutti indisturbati e nessuno li ferma!!!!!! Solita buffronata e’ piu’ semplice obbligare cittadini e aziende che fare veramente qualcosa di concreto certo non ne sono CAPACI!!!!

  4. Scritto da libero

    nessun controllo continuano a circolare ove vietato migliaia di macchine non a norma
    ma a dire il vero il piu inquinante è il camion che inquina x 20 macchine

  5. Scritto da marinoB.

    con queste norme stiamo sfiorando il ridicolo.
    Non parlo di auto moto e camion fermati e poi tenere aperto un aeroporto che inquina come milioni di auto.!.
    Parlo del bollino blu x le caldaiette di riscaldamento che funzionano a gas e com’è ben noto il gas non inquina x nulla ,tantè che quando c’è il blocco autoveicolare le auto a gas possono circolare .Come mai ? quale arcano dietro a ciò.?S’è sbagliato il legislatore ? o ci sono altre logiche che non sono date sapere a noi peones.?.continua

  6. Scritto da marinoB.

    Non si è sbagliato il legislatore ha solo risposto alle lobbys degli idraulici che x ogni intervento ,prima era annuale , poi biannuale , si prendono fino a 180,00 euri .
    Intervento che nella maggioranza dei casi si risolve in pochissimo tempo , la firma del libretto e senza lavori particolari.Una vera miniera d’oro.
    Le volpi che abbiamo in regione spinte dalla lobbys ,visto il calo degli interventi ,lo hanno ribadito sotto la norma “””antinquinante..”’..!
    e noi PEONES a pagare e zitti.!.

  7. Scritto da roberto

    Le caldaie a metano non inquinano;
    Questa è l’ennesima gabella .
    l’è ura de mocàla.

  8. Scritto da Marisa

    Bisognerebbe controllare soprattutto certe caldaie di enti pubblici, ci sono scuole che si riscaldano ancora a gasolio!!!

  9. Scritto da fede

    Secondo me, almeno per i veicolo euro 0 e 1, dovrebbe essere vietata la circolazione per tutti i 365 giorni …. a volte in autostrada si vedono certi “catorci” che sembrano delle ciminiere in avaria… so che non è facile cambiare mezzo .. ma perchè io devo pagare in salute??…