BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi ora abbiamo ritrovato tranquillit?? Da anni cercavamo invano un accordo”

"Non siamo razzisti": un gruppo di residenti della zona attorno a via Carnovali 94, quella in cui si trova il capannone sequestrato, scrive e racconta la propria soddisfazione per la decisione.

Più informazioni su

Un gruppo di residenti della zona attorno a via Carnovali 94, quella in cui si trova il capannone posto sotto sequestro, scrive e racconta la propria soddisfazione per la decisione (e il ringraziamento al sindaco Tentorio e alla giunta), sottolineando che da parte della gente lì attorno non c’è alcun razzismo e neppure critiche religiose, ma evidenziando quali sono i problemi.

Siamo diverse persone, che durante gli scorsi 4/5 anni hanno cercato un accordo per una tranquilla convivenza con gli inquilini del capannone. Non abbiamo mai detto loro di non pregare, ma le nostre richieste erano quelle di
• non usare l’amplificazione di bonghi, batteria, chitarre (c’era anche un gruppo metal) e abbiamo le registrazioni ,
• di non urlare sotto le nostre finestre,
• di non raggiungere il capannone sito in via Carnovali 94 da via privata Dei Cabrini, perché anche noi residenti abbiamo delle limitazioni d’uso, i parcheggi ci sono preclusi e abbiamo una chiave per ogni posto auto, invece loro entravano fino a saturare il cortile del capannone, anche con bus turistici suonando i clacson per far aprire la sbarra (da giugno cancello) o i campanelli anche alle tre di notte e parcheggiando anche nella via (abbiamo foto e filmati)
• di non buttare i sacchi dell’immondizia per strada oltretutto nei giorni sbagliati (abbiamo foto e filmati)
ma non abbiamo mai ottenuto NULLA, meglio, ci davano ragione però continuavano a fare i loro comodi e abbiamo foto anche di come si servissero dei marciapiedi per fare i loro bisogni, dopo le feste nelle chiese.
Abbiamo anche visto i loro contratti d’affitto 1800 euro, 1300 euro, 700 euro, e ascoltato i loro racconti: di come si scaldavano con le bombole di gas perché il proprietario non riparava l’impianto di riscaldamento o di come fossero costretti a subaffittare perché gli affitti erano troppo esosi o perfino chi aveva le finestre bloccate.
Spesso disperati per il frastuono diurno che si protraeva di notte, chiamavamo le Forze dell’Ordine, certe volte disponibili altre volte no. E così col passare del tempo sono arrivate le loro accuse di razzismo anche violente, nel senso che insultavano, pure pesantemente e allora anche noi alzavamo la voce, e ci sentivamo dire con protervia ed arroganza agitandoci l’indice sotto il naso, che se li lasciavano lì avevano il diritto di starci e di fare quello che volevano.
Dopo il provvedimento della scorsa settimana, siamo sollevati per la tranquillità ritrovata, non ci sembra ancora vero, e speriamo sia definitivo.
Grazie per la comprensione
I cittadini residenti vicino al capannone di via Carnovali 94
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tiberio Cron

    @18 Luciano Se i problemi si risolvono trovando giustamente un’area dove effettuare le pratiche religiose di chi non è cattolico-cristiano (come avviene anche nei paesi musulmani, se volete vi porto in Iran a vedere le chiese cristiane) viene a mancare il malcontento dei cittadini e quindi la possibilità di cavalcarlo.Meglio mantenere fin che si può una situazione di continuo malessere ed emergenza in modo da promettere senza mai risolvere nulla.Finita la religione c’è roma ladrona o i terroni.

  2. Scritto da Luca

    Grande Orobico!!

  3. Scritto da undertow

    “non siamo razzisti” .è mai possibile che tutti si debbano discolpare?E se anche fossero razzisti?A che punto è arrivata la dittatura del politicamente corretto?Fanno bene a protestare punto e basta…

  4. Scritto da antonio

    Se non conosci la situazione e vivi magari in centro o in conca d’oro, conca fiorita etc e l’unico extracomunitario che conosci è il tuo domestico filippino non rompere con commenti che irritano persone che con certe situazioni ci devono convivere.

  5. Scritto da carnovali-cabrini

    grazie al Sindaco Tentorio, all’Assessore Invernizzi, al Consigliere Capogruppo della Lega Ribolla per aver risolto questa situazione. Dopo 6 anni torniamo a vivere!

  6. Scritto da Paolo

    Quando si trattano certi argomenti c’è troppo dogmatismo intellettuale. La cosa è molto semplice: quale che sia la natura dell’associazione (sociale o religiosa), se rispetta le normali regole della convivenza civile non c’è problema. Se NON le rispetta il problema c’è ed è grosso per chi deve subire quotidianemente le angherie di cui parla l’articolo. Poi non ci si scandalizzi se la gente “razzista” lo diventa o succede qualche patatrac. Tutta la mia solidarietà ai residenti di zona Carnovali

  7. Scritto da A buon intenditore poche parole

    Un vero Politico come il Dott. Tentorio con l’aiuto della Lega hanno risolto questa situazione!!! Grazieeeeeeeee

  8. Scritto da Arturo

    Il razzismo oggi è verso noi bergamaschi che dobbiamo rispettare le regole in tutto ciò che diciamo e facciamo,mentre a tutti gli altri personaggi da cui siamo invasi non se ne fa rispettare nessuna.O perchè c’è il parroco o il vescovo o la caritas o il PD o altri sinistrorsi,a loro tutto è concesso senza l’ombra di un dovere.A orobico dico che “un bel tacer non fu mai scritto”.Il suo comportamento dimostra ciò che ho scritto.Ricordi:”temete la rabbia dei miti”

  9. Scritto da A.Z. Bg

    I padroni di casa vengono prima degli ospiti.Bravo Invernizzi e coloro che hanno agito per risolvere il problema alla radice.

  10. Scritto da domi

    qualcuno spieghi a questi emeriti cittadini come funziona uno stato di diritto!! il capannone é posto sotto sequestro per un azione giuridica che non ha nulla a che vedere con le richieste da loro portate avanti in questi ultimi anni!!
    spieriamo di vederli tutti oggi pomeriggio…

  11. Scritto da Bulldozer

    Io farei una bella spianata per tutta la Malpensata e ci farei un bel parco. Così si potrà vedere il scailai de Berghem e più nessun problema di chi si lamenta.
    Mi date il voto?

  12. Scritto da Residente via Cenisio

    Come al solito non è stato risolto un bel niente! Hanno svuotato la malpensata e riempito la Moschea di via Cenisio, che era già stracolma, intasando ancor di più il traffico e i parcheggi in questa zona. Ma è possibile che nel 2011 invece di aiutare i cittadini e trovare vere soluzioni si continui a spostare problemi da una parte all’altra cantando continuamente vittoria e creando notevoli disagi? Un centro di culto necessita di viabilità e parcheggi adeguati, ma cosa aspettano???

  13. Scritto da ajax

    @4
    aggiungiamo pure che in molte moschee, non in tutte per fortuna, si predica l’odio verso gli altri.

  14. Scritto da betty

    bravo tentorio. finalmente qualcuno che tuteli noi!!! siamo noi oggi a chiedere tutela contro una mandria di invasori che pensano che tutto sia lecito e permesso. ora basta! chi vuole restare nel nostro paese, e benvenga chi vuole farlo, deve avere delle regole e dei limiti…….e soprattutto qualcuno che le faccia rispettare…

  15. Scritto da luciano015

    I cittadini che si lamentano hannno ragione.
    Chi chiede un luogo per il suo culto, ha ragione.
    E’ proprio un problema così difficile da risolvere?
    Destinare un’area con le caratteristiche adatte è così difficile?
    Certo che è difficile, se uno non la vuole destinare.
    E quindi sposterà il problema da una zona ad un’altra.

  16. Scritto da Marco

    Una bella mediazione politica come piace tanto al centrodestra: chiudiamo tutto e bon. Se ci sono problemi c’è il comune a cui rivolgersi se non si riesce a trovare l’accordo fra cittadini. Se il comune non fa da tramite su queste controversie rinuncia di fatto al suo ruolo. Ma Lega e Pdl la Politica non sanno nemmeno cosa sia. Residenti pensate che il problema è stato risolto per VOI, è troppo difficile pensare ANCHE agli ALTRI? Questo è quello che ci lascia in eredità questo governo di puff

  17. Scritto da beppo

    Solidarietà ai disoccupati, che siano italiani oppure stranieri. Mentre quelli che sventolano la bandiera religiosa hanno un solo obbiettivo: sfruttare i loro connazionali come fanno quelli con i riti Vudu!

  18. Scritto da Ezio

    L’importante è fare caos, così si fa vedere che si “lavora”.
    Sposta di qua, metti di là, poi metti su, ma anche giù, poi a sinistra, prima di mezzogiorno e a destra dopo cena.
    Sposta perennemente e gli stolti crederanno che sia risolto il problema.
    Che invece resta.
    E se alla Malpensata non hanno più il mal di pancia, sicuramente è venuto a qualcun’altro. E’ solo questione di tempo.
    Ah, il partito del fare! :D

  19. Scritto da www.cafenero

    A Cortenuova c’è un immenso tempio sikh . Nessuno ha nulla da ridire . Sarà perchè c’è un servizio d’ordine interno che evita il parcheggio selvaggio , sarà perchè a terra non si trova una carta, sarà perchè i sikh sono brava gente, sarà perchè il tempio è a norma , sarà perchè alla loro festività invitano maresciallo dei Carabinieri sindaco e parroco e sfilano con il tricolore , sarà come sarà ma a nessuno da fastidio il tempio sikh. Anzi, sono rispettati e visti con simpatia .

  20. Scritto da www.cafenero

    P.s. : chapeau a “BergamoNews” per la pubblicazione della lettera del comitato. Una volta tanto c’è stato un minimo di oggettività da sinistra, nel descrivere il fenomeno dell’immigrazione e le sue ricadute sociali reali , oggettive.

  21. Scritto da Orobico

    Anche io abito vicino ad un luogo di culto e vicino ad esso c’è l’abitazione dell’officiante che nn ha mai pagato nemmeno l’ICI. Non mi piace il disagio che si crea quando fanno le loro processioni o quando suonano le loro campane ma mi adatto e non protesto aspettandomi che gli chiudano tutto. Ah dimenticavo, stavo parlando di una chiesa cattolica

  22. Scritto da www.cafenero

    Caro orobico ; ecco il tipo di approccio (ideologico) che guasta una corretta valutazione (e correzione) di questi casi .
    Sei mai stato vicino a una moschea ? ci si fa tutto tranne che pregare . Diventano luoghi di aggregazione non necessariamente religiosa e spesso di maghrebini, con quanto ne consegue,cioè sovvraffollamento , immondizia lasciata a terra, schiamazzi e parcheggio selvaggio .
    Vicino alle chiese cattoliche non si trovano immondizie a terra e capannelli di sfaccendati,no ?

  23. Scritto da Claudia

    @Orobico
    Spero trasfomino la Chiesa in una Moschea cosi toccherai con mano la differenza. Perchè chi non vuol capire deve toccare con mano.