BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Berlusconi alla Camera, le opposizioni se ne vanno

Oggi il premier parla ai deputati e domani si vota la fiducia: ma le opposizioni usciranno e rientreranno solo per il voto.

Più informazioni su

 E’ n nuovo Berlusconi day quello che il Parlamento si appresta a vivere: il cinquantunesimo per la cronaca. Il Presidente del Consiglio chiederà un nuovo voto di fiducia, già calendarizzato per venerdì, per garantire la presenza dei numeri della maggioranza a Montecitorio dopo la bocciatura di martedì per un voto del primo articolo del rendiconto dello Stato.
Berlusconi è atteso alla Camera stamattina alle 11, al termine della riunione del Consiglio dei ministri che inizia alle 9 a palazzo Chigi e nel quale il Governo – dopo aver autorizzato il Premier alla nuova richiesta di fiducia alla Camera- approverà un nuovo testo di rendiconto dello Stato insieme alla legge di stabilità da trasmettere al Parlamento, con approvazione nei primi giorni della prossima settimana da parte di Senato e Camera. La strada di andare avanti è stata ratificata dal vertice serale di ieri a palazzo Grazioli fra Berlusconi e Bossi, convinti che nel voto di venerdì il Governo non correrà pericoli, al netto di colpi di scena. E degli sviluppi nella giornata di oggi degli incontri fra ‘malpancisti’ del Pdl e, più in generale , nella maggioranza.
Ma i riflettori del Berlusconi day odierni saranno molto concentrati anche sul ‘semi Aventino’ delle opposizioni che non assisteranno al discorso del Presidente del Consiglio nè interverranno nel dibattito sulla fiducia, tornando in aula solo venerdì per votare contro la fiducia. Una scelta, è stata la decisione sancita al termine di un summit Pd-Terzo Polo-Idv in una nota comune che vuole denunciare al contempo il totale disaccordo sulla gestione politica delle conseguenze del voto di martedì da parte di maggioranza e governo, lo stato "inaccettabile" per il Paese del governo nazionale ma l’assoluta disponibilità di tutti i gruppi di opposizione a non far venir meno il proprio impegno e senso di responsabilità istituzionale, partecipando al voto finale. In piazza Montecitorio a protestare, invece, ci saranno le sinistre non elette in Parlamento in questa legislatura

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emilio De Feo

    @2 la verità fa male
    “bambinate demagogiche e inconcludenti”? Ma sig. “verità” cosa devono vedere ancora gli italiani dopo lo spettacolo “demagogico ed inconcludente” di questi anni.
    Non le basta sapere che è la prima volta nella storia della Repubblica che non viene approvato il rendiconto? O che 314 deputati credono veramente che Ruby sia la nipote di Mubarak? Che ad agosto sono state liquidate 4 versioni della stessa manovra?
    E questo era il governo del fare. Ma per favore, non scherziamo.

  2. Scritto da Nicole Mora

    @7 Pippo
    1) “ai summit internazionali”? Sig. Pippo la invito a riverdersi le espressioni di Obama o di Barroso quando s.b. si avvicina per raccontare la storia delle toghe rosse, o l’espressione della Merkel quando si è messo a telefonare.
    2) “ha i numeri”? Proprio l’altro giorno l’ha dimostrato, è talmente vero che ha i numeri che non sono riusciti ad approvare una cosa che nella storia della Repubblica era sempre stata approvata.
    Fatelo per i vostri figli, svegliatevi!

  3. Scritto da Lee Mortaccy

    Pippo sei meraviglioso , sei come quei giapponesi sulle isole del pacifico che pensavano che la guerra fosse ancora in corso 30 anni dopo la sua fine. Ma non ti basta il disastro che hanno fatto e l’opinione indecorosa, senza precedenti, che hanno del governo italiano nel mondo ? Oltre l’indecenza.
    Abbi fede, applicati e vedrai che prima o poi ci arrivi anche tu.

  4. Scritto da milly.67

    Se ne andassero tutti…..tabula rasa.

  5. Scritto da La verità fa male

    Bambinate demagogiche e inconcludenti…. anche perchè le opposizioni hanno appena ottenuto un successo RESTANDO IN AULA e approfittando delle assenze della maggioranza. Dovrebbe essere scontanto che il parlamentare (salvo i casi in cui è in missione o in assenza giustificata) resta in aula a fare il proprio dovere visto che è pagato per quello. Ci si confronta (e ci si scontra) nelle sedi istituzionali, poi quando il governo non avrà più la fiducia delle Camere se ne andrà a casa

  6. Scritto da Fabio Belotti Coord. Prov. FLI BG

    Speriamo che se ne vada anche Berlusconi. L’Italia finalmente ripartirebbe a pieno ritmo e con maggiore credibilità a livello nazionale ed internazionale.

  7. Scritto da Lee Mortaccy

    Ben fatto , se non ora quando ? Mai visto un governo indecente come questo dal dopoguerra. @2 Al voto ci saranno , a sentire le fantasie di berlusconi non ci si perde assolutamente nulla ed è giusto ed ora che diano un messaggio eclatante soprattutto per l’estero. Abbiamo un premier che non è più in grado di parlare con nessuno e che non è ricevuto più da nessuno (tranne putin per le feste) . A significare che nel parlamento italiano e gli italiani non sono tutti uguali.

  8. Scritto da La verità fa male a chi non la vede

    X 2 – Perchè dovrebbero stare ad ascoltare berlusconi quando gli altri capi di stato non lo ascoltano e non lo vogliono incontrare ? Tanto parla soltanto , mica si vota.

  9. Scritto da Credibilità

    @ Fabio Belotti
    Con Fini avrembo più credibilità internazionale, sicuramente a Montecarlo

  10. Scritto da Pippo

    Lee Mortccy è sclerato
    Un premier che all’estero non è più ricevuto da nessuno. Ma dai, se ai summit internazionali c’è sempre Lui, il più vecchio statista che vi partecipa. Gli altri della sua epoca, tutti spariti. Vorrà pur dir qualcosa questo?
    Grande Silvio, susciti bavosa gelosia a destra e a manca. Resisti, i numeri li hai, non c’è alternativa!

  11. Scritto da La verità fa male

    @ LEE MORTACCY se proprio volevano dare un messaggio eclatante per l’estero, dovevano dimettersi TUTTI i parlamentari di opposizione (come aveva proposto una sera a Ballarò Rosi Bindi). Il presidente della Repubblica sarebbe stato costretto a prendere atto che le Camere non erano più un grado di funzionare, a causa del venire a meno di quasi la metà dei componenti, e avrebbe dovuto sciogliere le Camere e convocare le elezioni. Ma non si dimette mai nessuno, allo stipendio non si rinuncia

  12. Scritto da destrini_ciechi

    @La verità fa male, Pippo: Ma siete ancora li a difenderlo? Sempre a guardare a quello che fa l’opposizione, ma guardate cos’ha fatto questo governo di pagliacci! Siamo sprofondati nella crisi + nera e loro che fanno? Legge bavaglio, scudo fiscale, festini con minorenni, legge contro le intercettazioni? Giusto abbandonare l’aula!

  13. Scritto da e ora di cambiare!?..peggio di così

    Siamo guidati e gestiti purtroppo da politici e da politica che ormai ha nauseato e deluso la gente,a parte alcuni (li conto sulle dita delle due mani)esponenti Politici,x il resto biglietto di solo andata di via dagli incarichi legislativi,amministrativi e posti di responsabilità,X evidente e continua insufficienza di risultati reali e concreti nei fatti,ma molto attivi con le parole gettate al vento con proposte e promesse raramente realizzate.POLITICI?Troppi esempi reali di interesse Personal

  14. Scritto da Nico Toberri

    Sentito il discorso in TV solite ripetizioni delle scemate e degli slogan che si sentono da 17 anni.I (poveri) sostenitori di questo faccendiere (tipo Pippo e La verità ecc…) insistono nel difendere situazioni da fratelli Marx.Una piccola dose di intelligenza farebbe capire che un governo che manca un appuntamento di importanza fondamentale come è successo o ha una maggioranza che sta brigando per sostituire il capo o ha una maggioranza di ciarlatani.Liberiamoci preso da questi pagliacci.