BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Saponaro sta con Renzi: ???Al Pd serve coraggio??? Quale leader scegli?

Il big bang lanciato da Matteo Renzi ?? pronto a scoppiare. Abbiamo intervistato il bergamasco Marcello Saponaro per capire lo spirito con cui ci si avvicina a questo appuntamento.

Più informazioni su

Il big bang lanciato da Matteo Renzi è pronto a scoppiare. L’appuntamento che fa tremare le gambe al Partito democratico è fissato: 28, 29, 30 ottobre alla stazione Leopolda di Firenze. Il sindaco toscano promette sorprese, anche se ha specificato fin da subito che non si parlerà di una candidatura anti Bersani. Nonostante le rassicurazioni la dirigenza del Pd non sembra molto entusiasta del bis di quell’incontro che un anno fa creò non poco scompiglio nel partito. “Basta con i predicozzi di chi ha fallito e ha ridotto la storia a gossip – dice Renzi -. Basta con chi preferisce partecipare piuttosto che vincere e basta con chi quando per caso vince impallina gli alleati perché si trova meglio in piazza a manifestare che non al Governo per cambiare". I riferimenti non sono puramente casuali.
Da Bergamo non ci sarà la fila di pullman, forse solo qualche macchina. Le adesioni sicure al big bang renziano per ora sono quelle di Marcello Saponaro e Vladimiro Lanfranchi. Abbiamo intervistato l’ex consigliere regionale per capire lo spirito con cui ci si avvicina a questo appuntamento.
“Io ci vado con spirito di sentire idee nuove che modernizzino il Pd – commenta Saponaro -, che lo sleghino dalle vecchie logiche ne facciano un partito moderno, liberale, di sinistra, pronto a governare il paese nel dopo Berlusconi. Non vado per ascoltare formule politiche, ma ad ascoltare contenuti in grado di convincere i giovani e i meno giovani che ne hanno piene le balle”.
C’è molto entusiasmo, eppure già rispetto all’anno scorso i rottamatori perdono pezzi. Pippo Civati, ad esempio, ha scelto un’altra strada.
“Io vado per ascoltare e ragionare su idee e non per iscrivermi a una corrente che non esiste. L’anno scorso feci un reportage per Giornalettismo: scrissi che secondo me era giusta la voglia di cambiamento generazionale, Renzi e Civati però dovevano mettersi d’accordo sui contenuti. Altrimenti si rischiava di ripetere gli stessi difetti della precedente generazione del Pd in cui le aree che governano all’opposizione lo fanno senza avere una base programmatica comune. Renzi ha scelto la strada, mi pare, di dare priorità alle idee e quindi confrontarsi e partire da quelle. Con Civati c’era in Comune solo voglia di rinnovare, ma non basta”.
Cosa manca a questo Pd? Confronto interno?
“Se si riuscisse a liberarsi dalla logica delle appartenenze di 10 anni fa, per ricostruirsi sui valori d’oggi, avremmo un bellissimo confronto interno. Bisogna dare la possibilità agli elettori di decidere le idee ancor prima delle persone. A tutta la base, non soltanto ai gruppi organizzati che portano preferenze”.
Quale spinta possono dare i giovani al partito? Non “politici giovani” come Renzi (classe ’75). I ventenni, s’intende.
“Non sono giovane purtroppo. I giovani avranno tanto più da dire quanto più si liberano dalle logiche dalle appartenenze vecchie. Devono imporre la modernità a questo partito. Non sarà facile, ma è l’unica speranza per il Pd e per l’Italia”.
In questo momento c’è un’alternativa a Berlusconi?
“Non c’è alternativa a Berlusconi perché il Pd non ha ancora deciso di confrontarsi e schierarsi su un programma avanzato, moderno, che rompa con i conservatorismo politico e sindacale. Manca un po’ di coraggio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da silvia

    Qualcosa deve caqmbiare anche nel PD. Mica possiamo fare come berlusconi e il partito del 70-30%. Aprire ai giovani.

  2. Scritto da kaci

    @ma par, L’Italia ha bisogno di collegialita anche contro la crisi: chiedere elezioni subito e’ interesse di parte non dell’Italia che rischia il default. Non conosco bersani, ma la procedura di formazione del partito fà semplicemente ridere. Non a caso a Napoli dove le primarie hanno premiato uno non del PD…

  3. Scritto da Ghi(g)no di tacco

    Scusate ma chi sono politicamente parlando Vladimiro Lanfranchi e Marcello Saponaro, che ruolo hanno nel PD? Sono esponenti di una linea politica? Hanno qualche seguito e rappresentano un’area culturale? Che ambizioni hanno oltre al legittimo protagonismo personale, che sembra abbastanza evidente.

  4. Scritto da stefano rossi

    Bravo Corrado sono pienamente in sintonia con te almeno un personaggio nuovo non i soliti politicanti li da decenni!!!!!

  5. Scritto da l'orso orobico

    più che di politica bisognerebbe azzerare tutti i rapporti esistenti tra politica e interessi.. la politica dovrebbe essere quella che media tra privato cittadino bene comune e interessi nazionali e industriali e non solo da una parte o dall’altra.. riequilibrare questi funesti anni di liberticidio che non hanno portato a niente se non pochi più ricchi e molti più poveri, sono stati la morte della media borghesia cioè della società civile e della suo partecipazione..

  6. Scritto da kaci

    Caro Saponaro, Credo che i tuoi sforzi, putroppo, non solo saranno vani ma il rischio e’ quello di perdere l’opportunità di fare qualcosa di nuovo nel centro. Penso che Renzi finira per uscire dal PD. Perché di cultural liberale a sinistra, a parte i Radicali, il resto e’ stalinismo e catto-stalinismo. Che peccato. Un centro destra rinnovato e’ più possibile in futuro.

  7. Scritto da Roba de macc

    @73 – Dal padrone della “ruota della fortuna” passiamo al “concorrente” ? Ma lassa pert !!!!

  8. Scritto da Ma Par

    @77 Kaci – Liberale ? Statalista ? Le liberalizzazioni in italia le ha proposte Bersani con l’ostracismo della destra .Questi sono i dati di fatto.

  9. Scritto da kaci

    @mar par, Lasciamo stare i provvedimenti spot, che spesso sono funzionali alle esigenze delle corporazioni, che si scambiano favori. la cultura liberale si evince dai processi organizzativi: non ho capito come mai gira gira sono gli stessi che ci accompagnano dalla culla alla tomba come segretari di qualcosa? Questa e’ feudalita non liberalità. Ieri quando votai su questo sito-per renzi oviamente- c’era 60% per renzi. Spontanea espressione popolare. Stamattina arriva il soccorso rosso e hop…

  10. Scritto da Maria Grazia Bonicelli

    il leader l’avremmo già scelto…abbiamo avuto il coraggio di fare le primarie e bersani ha stravinto, quante ne deve fare ancora per convincere i fautori delle primarie sempre primarie tutto l’anno? e non vi sembra che ci siano in questo momento altre priorità rispetto a questo problema? non hanno proprio niente altro di cui occuparsi?.bah. comunque bersani è al 58 % e renzi al 32, e mi sembra perfino troppo. cari saluti

  11. Scritto da valle seriana stato libero

    Incredibili : saponaro di destra renzi andò a casa di berlusconi quindi venduto. La casta burocratica del PD scredita le persone per piazzare i suoi agenti. Guarda a caso in diffesa dell’autenticita staliniana vi sono quelli che occupano abusivamente il potere nelle rispettive botteghe arci, cgil,cisl,uil,….

  12. Scritto da Ma Par

    kaci
    – forse quel 60% …… faceva un pò ridere, lo metta tra le ipotesi
    – Leader del Pd democraticamente eletto è Bersani , persona capace, concreta che non ha ancora avuto l’opportunità di gestire un governo. Nel momento in cui si avvicina il momento scatenare ambizioni personali è CONTRO i ns interessi di cittadini. Cerchiamo di essere meglio del solito e crearci un’opportunità robusta e non divisa (come troppo spesso accade). Il PD e l’italia hanno bisogno di forza, non di divisioni

  13. Scritto da LDN

    per chiudere la polemica ci starebbe anche un bel: ecchissenefrega se sta con renzi. o no?

  14. Scritto da basta magnoni

    che il pd faccià qualcosa di sinistra vivaiddio!!

  15. Scritto da Stefano

    In questo sondaggio ieri ho segnato la preferenza per Bersani,
    non per gioco, mi sembrava un giusto incoraggiamento alla persona quando le percentuali erano 60 a 20 per Renzi.
    Mi permetterei comunque di invitare tutti ad ascoltare Renzi e non sottovalutare
    soprattutto la situazione, non è questione di conta, ma della situazione reale.
    Se poi invece la cosa più importante è conservare gli apparati e la fotografia di 10, 20, 30 anni fa…
    Oggi all’Italia serve cambiare. Cambiare si può.

  16. Scritto da ureidacan

    Renzi è bravo, è un buon comunicatore e sa usare bene il mezzo televisivo. E’ un pò come Gianfranco Fini, un puro sangue della politica, potrebbe fare l’amministratore di un qualsiasi partito. Se fosse eletto segretario, subito dopo, nei primi 100 giorni, si inventerebbe anche un programma e un politica credibile. Ormai è così, prima l’immagine e poi la politica.

  17. Scritto da stefano

    Saponaro sta con Renzi… ma c’e’ ancora qualcuno che sta con Saponaro?

  18. Scritto da ...

    Matteo Renzi,la sua prima apparizione in TV la fece a Canale 5,come concorrente di un telequiz di Mike Buongiorno. Mai inizio fu piu profetico…

  19. Scritto da Massimo Cortesi

    Mettendola un poco sul ridere: io ai Renzi e co. preferisco il centralismo democratico del passato. Ci si spaccava le corna all’interno ma poi la linea vincente veniva portata avanti da tutti. Oggi dopo che abbiamo fatto le primarie (io ho votato Marino) abbiamo un segretario che ha stravinto e che deve essere sostenuto pubblicamente da tutti. Senza ovviamente smettere all’interno di cercare migliori idee e innovazioni oltre che a costruire un vero ricambio. E il ricambio non dobbiamo giocarlo

  20. Scritto da Massimo Cortesi

    solo guardando l’età anagrafica ma guardando innanzitutto le competenze onde evitare che i “vecchi” mettano loro “giovani”. Le competenze vanno costruite con una scuola della politica e della cittadinanza che coniughi il saper bene amministrare e la costruzione di politiche culturali. Il rispetto poi di quanto già scritto nello statuto (limite mandati) facilita il ricambio se rispettato e senza deroghe) e. Il buon politico rimarrà tale (e con una buona pensione) anche se fuori dal parlamento

  21. Scritto da Stefano

    andranno anche bene i segretari, i “centralismi democratici” e i “ricambi” sig. Massimo,
    nel frattempo inviterei i vari consiglieri eletti e gli apparati
    ad un approccio più concreto, condivisibile, efficacie
    alle necessità dei territori, delle città, dei quartieri.
    So che è possibile farlo!
    (e non è più sufficiente sentirsi migliori degli altri…
    Penso valga un po’ per tutti naturalmente)

  22. Scritto da Massimo Cortesi

    @70: signor Stefano concordo parzialmente con lei. Dal mio osservatorio noto che la media dei nostri amministratori nel governo del loro territorio non è male. Il limite è a volte chiudersi nel proprio cortile e non avere una visione sul lungo periodo che per me è una cosa concreta (cambiamenti urbanistici, demografici, ecc.). Per questo ritengo sia necessaria adeguata formazione senza falsa demagogia. Formare e dare un giusto rimborso ad una amministratore non è un cattivo costo della (cont)

  23. Scritto da Massimo Cortesi

    della politica. Io come assessore del mio comunello e dell’Unione dei comuni ho un compenso di 80 euro mensili. Non ne chiedo di più ma non mi sento di essere accusato per i dei mali economici del paese. Io chiedo solo più formazione per far si che la mia azione sia più efficace. Poi per essere concreti io penso ad esempio che molti dei nostri comuni potrebbero fondersi per risparmiare minimamente sui costi della politica, maggiormente su tante e tante voci di bilancio

  24. Scritto da Corrado

    Matteo Renzi è l’unico esponente di centro sinistra che valga la pena di votare per un futuro Presidente del Consiglio

  25. Scritto da Underscore

    @21 Maria Letizia – Sottoscrivo in toto

  26. Scritto da lysander spooner

    il pd rimane l’erede universale delle culture comunista e cattocomunista, antitetiche al pensiero liberale. Lì in mezzo i liberali col cuore in mano fanno la parte degli utili idioti: non contano nulla ma vengono buoni quando c’è da nascondere le brutture di chi pensa che la proprietà privata sia un furto e non lo strumento di libertà che è, e che stipulare un contratto di lavoro sia sfruttamento e non un libero accordo. io a firenze vado a guardare l’arte e a mangiare bene.

  27. Scritto da Nicola

    Saponaro dice che va a Firenze per ascoltare idee, non per fare correnti. Giusto! Il PD ha bisogno di rinnovarsi e chi si ostina a dire che i vecchi sono preparati e i giovani solo in cerca di fama è perchè ha la poltrona ancora garantita delle (vecchie) logiche di spartizione. Saponaro invece dice quello che pensa e ne paga le conseguenze. Averne di politici “per passione” come lui. Invece nel Pd ci sono troppi “politici di professione”, che temono il rinnovamento perchè li farebbe fuori

  28. Scritto da Il Pci era una cosa seria

    Immagino che legioni di bergamaschi si stiano chiedendo: ma vado anch’io con Renzi o Saponaro? O mi si nota di più se non ci vado? Moretti aveva proprio ragione, questi qui con la politica vera hanno poco a che spartire. Stupisce vedere che riescono ad avere anche spazio sui giornali. O forse no, dato che il vello della stampa non è tampoco dissimile da quello della politica.

  29. Scritto da giglio

    “L’appuntamento che fa tremare le gambe al Pd” è la premessa dell’articolo. Mi sembra un tantinino esagerato. Renzi è un ragazzotto di belle speranze, nulla più. Uno spregiudicato che va ad Arcore e deride la Cgil non ha molto a che spartire con i valori del Pd, per quanto il partito sia malconcio. Renzi può raccattare i senza patria alla Saponaro, ecologista convertito in extremis nel (vano) tentativo di rimanere al Pirellone. E’ finito game over, proprio come succederà al ragazzotto viola.

  30. Scritto da alex

    Matteo Renzi ha fatto più anni di politica attiva di Romano Prodi. Leggetevi le biografie e fate il conto voi stessi.
    Così, giusto per dare la corretta informazione.

  31. Scritto da birillo

    Per fortuna il sondaggio di bergamonews non corrisponde alla realtà quella vera. Mi auguro ci siano le primarie così renzi verrà messo a tacere salvo che vadano a votare anche quelli di centro-destra.

  32. Scritto da Enrico

    Sig. Saponaro se Renzi è il nuovo perchè se ne sta ancora a Firenze e non dà una svolta alla sua carriera politica ? A Firenze anche io nelle liste del PD venivo eletto sindaco!!! Invece che continuare a organizzare convegni, esca allo scoperto e alla prossime primarie ( perchè Bersani è stato eletto democraticamente ) si metta in gioco.

  33. Scritto da simona

    mi chiedo se per mandare avanti l’Italia non sia opportuno almeno provare a guardare avanti e non cristallizzarsi sul passato. Sembra che provare a cambiare le cose faccia fin troppa paura…

  34. Scritto da oliviero

    Insomma tutti parlano di Idee, ma questi Renzi e Saponaro più che di IDee da rinnovare paiono mossi da poltrone da rioccupare. Quindi di che cosa stiamo discutendo? Ancora un pò e siamo al livello degli ideali Leghisti (cioè quelli del solleticare il populismo più abbietto).
    Se questo è il nuovo nel PD, “aridatece baffone”, che sarà stato un dittatore sanguinario, ma almeno lo era in maniera seria e soprattutto.non si può dire che fosse un trasformista.

  35. Scritto da Giovanni Gambaro

    io andro’ il 22 a “Il nostro tempo”, per un confronto fra la politica e la società (quello organizzato da Civati e Serracchiani, per capirci). Costruiamo un bel ‘Tunnel di neutrini’ fra Firenze e Bologna, e in enne-dimensioni evitiamo di farne una ‘guerra di posizione’ (e non mi riferisco a Marcello. Mi pare che da Renzi vengano (anche) buone idee… Quel che proprio non va è il tatticismo attendista che viene fuori da certa dirigenza. Pero’ facciamolo rispettando le regole. Renzi diceva stamatt

  36. Scritto da silvia

    Renzi e Saponaro il nuovo? Povero PD e poveri noi!

  37. Scritto da giovanni gambaro

    stamattina a radio24 che lo statuto PD prevede un limite a 3 mandati… ci sono troppe deroghe: passiamo dal paese delle deroghe a quello delle regole. GIUSTO! Pero’ allora sappiamo che lo stesso statuto prevede che il Candidato del PD alle primarie del centroSX è il Segretario Nazionale (votato alle primarie).Per ragioni politiche,non techinche. Chi mi conosce sa che non stravedo per Bersani… ma è il segretario… e se non si cambia statuto è il il candidato democratico alla guida del paese

  38. Scritto da Aladin

    Saponaro
    Il tuo PD è liberale? che cosa intendi?
    Qual è la tua posizione sulla fiat, su marchionne,sui provvedimenti anti-crisi? Che cosa pensi dei diktat di Draghi/Trichet e BCE?

  39. Scritto da walter

    Qui c’è gente che mette in dubbio la veridicità del sondaggio di Bergamonews. Chiedo alla redazione di dire una parola in merito e di smentire, eventualmente. Grazie

  40. Scritto da Angelo

    Speriamo che Renzi esca allo scoperto e rottami tutta questa classe politica immettendo nuovi e giovani nomi.

  41. Scritto da silvio

    Che notizia…siamo tutti più tranquilli e contenti… Saponaro cominciasse prima a lavorare invece di riciclarsi…

  42. Scritto da Alessia

    Il problema e’ che al momento non ci sono alternative a Berlusconi e questo e’ il grosso problema,perciò e’ assolutamente indispensabile che si muovano i politici giovani con idee nuove perche’ il vecchio non va più.Ben vengano tutte le nuove idee, e persone che non pensino sollo alle poltrone.

  43. Scritto da nico

    Dicono che civati a bergamo avrebbe votato saponaro, quello che non è chiaro è se in brianza saponaro avrebbe votato civati (o magari avrebbe votato per penati o qualche suo amico…). Il legame di renzi col mondo dell’opus dei mi sembra quanto di più lontano da un ipotetico pd liberale e di sinistra cui aspirerebbe saponaro e tanti altri elettori. Sarà ma mentre renzi mi sembra voler creare un nuovo soggetto partitico, civati -con grande fatica- sta cercando di cambiare da dentro il pd…

  44. Scritto da Giovanni Gambaro

    Serve una vera riforma del mercato del lavoro. Competitività pero’ non puo’ voler dire lasciare il pallino in mano alla singola azienda o al singolo imprenditore. I ‘diritti’ fondamentali vanno sanciti in una contrattazione nazionale. Rispettata da tutti e che preveda il necessario grado di flesisbilita. Altrimenti nel mercato moderno gli operari, i giovani, i precari tornano ad essere carne da macello. Lo sono già diventati. Parliamo di questo e su questo sono un po’ distante da Renzi.

  45. Scritto da giovanni gambaro

    Parliamo di burocrazia, macchina amministrativa, costi del sistema (che non sono SOLO costi della politica). Su questo sono d’accordo con Renzi. Aboliamo le provincie (o ridimensioniamole e riduciamole drasticamente). Costringiamo i piccoli comuni a consorziarsi, induciamoli a fondersi. Dimezziamo – ma davvero i parlamentari e riduciamone lo stipendio. Eccetara. Su questo sono d’accordo con Renzi. Non voglio essere Renziano, NON voglio essere anti-renziamo.
    Cambiamo l’Italia invece.

  46. Scritto da alberto

    Speriamo si faccia ricevere anche lui ad Arcore per risolvere i problemi di Bergamo !!!! :-))))))

  47. Scritto da "Non col vento"

    Apprezzo Saponaro, un politico onesto, competente e brillante,ma credo che per recuperare il PD al suo spirito originario siamo fuori tempo masimo, tuttavia auguri!
    E’ stato un vero peccato tradire un progetto aperto, riformatore e innovativo che oggi si sarebbe dimostrato vincente, per ricadere nella triste routine della sinistra post-comunista.

  48. Scritto da www.cafenero

    Renzi , Tosi Giorgia Meloni e Massimo Corsaro . E’ ora di lasciare spazio a persone nuove . C’è bisogno di rinnovamento.

  49. Scritto da per una sinistra europea

    il partito democratico non è un partito ma un insieme di personaggi che si sono riciclati in continuazione negli ultimi venti anni per poter rimanere sulle loro sedie. Nei paesi europei ci sono due aree: quella cattolica conservatrice e quella socialdemocratica che a tutt’oggi racchiudono i modi di pensare e di agire più moderni di quasi tutti i popoli europei. E la sinistra o è socialdemocratica nei suoi valori e nella sua laicità oppure è succube delle culture altrui, vedi i noti “laici devoti

  50. Scritto da MartaM

    è incredibile parli di Renzi è spuntano i nostalgici del PCI
    a me Renzi incuriosisce, lo trovo coraggioso nelle cose che dice e molto efficace nel modo in cui le dice e credo che, se non altro in potenza, abbia tutte le qualità del leader di cui ha bisogno un centrosinistra contemporaneo per essere credibile in questo paese

  51. Scritto da alberico

    Ma Renzi ha pure uno spirito ecologista? Perchè Saponaro viene dai Verdi, ma da quando è nel PD il suo background è sparito.
    Curioso come nel PD quasi tutti dimentichino il loro passato, tranne i popolari e cattolici che infatti comandano.

  52. Scritto da Asdrubale

    @48 MartaM- Tutto ciò che non è stato ospite nella villa di arcore è “komunista”. Ovviamente.

  53. Scritto da Solog2

    Renzi! Che dire ? Io in questo clima, ormai ventennale, di antipolitica mi pare che il primo che si alza e fa il pollice verso, viene in qualche modo messo sul piedistallo. Ormai anche Renzi, come dice Veltroni “lo conosco da 30 anni” ! E’ il nuovo ? Non lo so ! So solo che non è vero che non ci sono i possibili ricambi, basti vedere le 3-4 manifestazioni che ci saranno proprio nel mese di ott. Ed allora ?
    Allora ascoltiamo cosa hanno da dire, ma non dividiamo la ditta !
    E che siano cose nuove!

  54. Scritto da Mmmhhhh

    @46 – Cioè tutta gente , meno il primo , che ha sostenuto che ruby era la nipote di mubarak e partiticamente responsabili del disastro di questo governo ? Aih aih

  55. Scritto da Simone

    A me Renzi sembra tutto tranne che di sinistra (così come buona parte del PD)
    Io come prossimo leader sceglierei la Serracchiani (attualmente europarlamentare PD) e darei incarichi di spessore a personalità come Anna Finocchiaro e Rosy Bindi.
    I nomi poi lasciano il tempo che trovano.. ciò che conta è il programma, la serietà e la voglia di mettere l’Italia e gli italiani prima dei problemi personali dei singoli

  56. Scritto da iscritto al Pd

    Il sondaggio è taroccato. Tutti quei consensi per Renzi a Bergamo non esistono. Qualcuno si è trovato un trucco per farlo risultare acclamato, in internet gli smanettoni non mancano mai. Ma la realtà è molto molto diversa.

  57. Scritto da Giuseppe

    Renzi , Tosi, Giorgia Meloni e Corsaro. Condivido mi sembrano dei giovani politici molto capaci

  58. Scritto da Togo

    Renzi , Tosi, Giorgia Meloni e Corsaro: che pura! Mei scapà.

  59. Scritto da dark

    “Renzi è il meno peggio”, senza voler offendere nessuno.
    Dove sono nella Politica Italiana OTTIMI ESPONENTI POLITICI?

  60. Scritto da X

    Matteo Renzi gradito ospite da Silvio Berlusconi, ed anche a Marina è piaciuto… poer pd, se cünti sö chi personaggi che, si a post.

  61. Scritto da Gulp

    @53 supertaroccato, macchè smanettoni, basta votare tante volte. Se il giorno si vede dal mattino …….

  62. Scritto da kaci

    Se il PD fosse diretto da gente come lui -saponaro-anzi dai fratelli saponaro- ,il socialismo liberale, l’Italia sarebbe più giusta e la classe politica meno consanguinea come lo e’ a sinistra. Il che riproduce la feodalita dei vari baroni. Più giustizia meno epiteti.

  63. Scritto da giovanni

    E ti pareva ancora un po più a destra e Marcello Saponaro finisce come il fratello che dalla FGCI è traslato in tre anni a Forza Italia

  64. Scritto da federalista convinto

    qui il tema generazionale non conta nulla. Renzi è un furbetto di destra incidentalmente inserito nel PD, il suo problema è quello di essere nato a Firenze e di voler fare il sindaco, fosse vissuto a Milano o nel Veneto…

  65. Scritto da marcello saponaro

    Caro Giovanni, io invece “scelgo” Renzi proprio per costruire in fretta un’alternativa a Berlusconi. E l’unica alternativa può essere solo il PD. Ma rinnovato.
    Ciao
    Marcello

  66. Scritto da paolot

    per Ugo, con chi sta Saponaro interessa a un po’ di persone, compreso te che commenti, con chi stai tu e i tuoi parenti invece non importa a nessuno. Scusa ma è così

  67. Scritto da ugo

    Saporaro sta con Renzi ?
    Che notiziona !
    A proposito:
    Mio cugino Guglielmo sta con Bersani, Ludovico con i Modem mentre il mio amico Beppe sta con la Bindi (che non dispiace neppure a me).
    Io però scelgo Vendola.

  68. Scritto da Massimo Cortesi

    Il problema di Renzi è di avere una sua leadership personale più che di rinnovare. Il PD non ha bisogno di tanti leaderini e di vecchi e logori combattenti (purtroppo tra loro). Il pd ha bisogno di coniugare idee e cultura e di comunicarle come “un sol uomo”. Invece quà ognuno va per conto suo alla ricerca del suo piccolo feudo, organizza suoi momenti privati di approfondimento lasciando senza orientamento chi è interessato al pd

  69. Scritto da Ruota della Fortuna

    Bersani è persona intelligente, preparata ed equilibrata. Ha un profondo senso dello stato. Non c’è gara.
    Leaderini solo ambiziosi astenersi.

  70. Scritto da julius

    errore: anteporre le persone alle idee.
    renzi piuttosto che d’alema o di pietro o bersani? che senso ha???
    meglio sarebbe verificare le idee ed il programma, DOPO le persone che lo potrebbero concretizzare… troppo facile giudicare una persona, tra l’altro con pochi elementi…

  71. Scritto da Ezio

    Boh!

  72. Scritto da Saponaro chi?

    Quello del cambio di casacca all’ultimo minuto per poter sperare nella rielezione…?

  73. Scritto da SC

    Io starei con Ignazio Marino, ma visto che nel sondaggio non c’è mi astengo.

  74. Scritto da claudia

    Curioso. Proprio curioso.
    Pochi giorni prima delle elezioni regionali del 2010, dopo che Civati si era espresso pubblicamente per un “endorsement” a Saponaro (disse: se fossi bergamasco voterei Saponaro), chiesi a Saponaro i motivi di questo forte legame, e lui mi rispose che Civati era interessato solo a crearsi una sua corrente nazionale, e che Renzi era troppo a destra per essere anche solo preso in considerazione.

    Ah, i tempi che cambiano…! :-)

  75. Scritto da pacì paciana

    Da che pulpito la predica. Marcello Saponaro, durante una recente riunione della segreteria provinciale del PD (di cui fa parte essendo stato cooptato, dato che non è stato eletto nell’assemblea provinciale) criticò i vari esponenti e dirigenti locali del partito che rilasciano dichiarazioni a destra e manca agli organi di stampa, a volte in contrasto tra di essi. Qualcuno usò addirittura i termini: “ricerca di visibilità”.
    Per la serie: fate come dico, ma non fate come faccio.

  76. Scritto da ugo

    per paolot,
    A chi interessa con chi sto io ed i miei amici, non sta a te stabilirlo.
    Ho definito la notizia una notiziona (con punto esclamativo).
    Quindi: se non sai leggere, evita di scrivere.

  77. Scritto da Ridicolo

    Ragazzi, c’è qualcuno che s’è attaccato al sondaggio di bgnews e non smette da questa mattina . Redazione fatelo smettere, nella vita reale il dato è semplicemente ridicolo.
    Il segretario c’è già, eletto democraticamente, basta con queste manfrine da AMBIZIONI PERSONALI, la situazione è grave e non se ne può più . Mille volte Bersani che quando è stato eletto veltroni è stato capace di un passo indietro : merce preziosa, ha quel concetto di bene comune di cui abbiamo bisogno come il pane.

  78. Scritto da Laura

    Se Renzi è il nuovo che avanza stiamo freschi.

  79. Scritto da gigi

    Saponaro è l’ex consigliere regionale dei Verdi (sic) che sosteneva che i voli della Ryanair rappresentano la green economy” (visto la manifestazione di sabato?) e risolvevano i problemi dell’inquinamento spostando i voli da San Tomaso a Colognola.
    Quando ero giovane io essere liberali e di sinistra era una contraddizione in termini
    Speriamo che Renzi spieghi bene come si fa ad andare ad Arcore

  80. Scritto da marcello saponaro

    @claudia dubito proprio di aver insultato pippo, in campagna elettorale, nel momento del suo endorsement… se aggiungi la tua firma, magari, riesco a ricordarmi anche cosa posso averti detto. Quello che pensavo della Leopolda 1 l’ho scritto un anno fa su Giornalettismo http://www.giornalettismo.com/archives/93845/rottamatori-prossima-fermata/

  81. Scritto da marcello saponaro

    @pacì paciana (ma perchè uno della segreteria PD deve firmarsi con uno pseudonimo?)
    non mi pare di aver fatto un comunicato stampa. Tantomeno per dissociarmi da qualche scelta della Segreteria. Ancor meno per arrivare prima a commentare l’ennesima dichiarazione di Tentorio o Pirovano.
    Più semplicemente, Bergamo News mi ha chiesto perchè vado a Firenze e io ho risposto.
    Per quale ragione non ti sta bene? Dove la vedi la predica?

  82. Scritto da Maria Letizia Mortacci

    La generazione dei citrullini cresciuta a grande fratello e ragazze coccodè colpisce ancora; Renzi è interscambiabile con capezzone e alfano.Personalmente ritengo che una filosofia di vita portata avanti da uno schieramento politico superi qualunque personalismo, il berlusconismo ce lo ha fatto capire bene.Per quanto non abbiano modificato la tendenza generale dove è necessaria la partecipazione di tutta la classe dirigente le uniche cose positive le ho viste fare da Bersani e Prodi.

  83. Scritto da simona

    mi sembra che nell’articolo si parli di idee concrete più che di “chi sta con chi”. Ed è ovvio che le idee vengano portate avanti dalle persone..Io credo che il PD abbia davvero bisogno di un cambiamento ed un ammordenamento profondo. Da qualcuno dovrà pur venire questo processo, ben venga chi ha il coraggio di provare a portarlo avanti!