BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rifiuti, sindaci preoccupati: “Una stangata per i cittadini???

Come far fronte all'aumento della convenzione tra Provincia e Rea? Secondo i sindaci interpellati non ci sono alternative: sar?? necessario aumentare la tariffa rifiuti.

Tremano i bilanci dei Comuni e le tasche dei cittadini. Il prezzo della nuova convenzione per lo smaltimento rifiuti stipulata tra Provincia e Rea aumenta in modo considerevole: da 86 a 113 euro per ogni tonnellata bruciata. 27 euro in più che i Comuni dovranno accollarsi dal 1 gennaio 2012, eccezion fatta per le amministrazioni a cui scade la convenzione e che possono rivolgersi ad altri inceneritori oppure indire una gara d’appalto. Gli altri saranno invece costretti a far fronte al rincaro fin da subito. Come? Secondo i sindaci interpellati non ci sono alternative: sarà necessario aumentare la tariffa rifiuti. I tagli ai trasferimenti statali e le manovre estive pesano infatti come macigni sui bilanci comunali. Impossibile prevedere tagli ad altri servizi. “E’ molto probabile che dovremo aumentare la tariffa, purtroppo non vedo altre vie – commenta il sindaco di Cologno al Serio Claudio Sesani -. Noi stiamo valutando l’ipotesi di conferire i rifiuti in altri impianti per cercare di contenere i costi. L’aumento a 113 euro è sicuramente significativo”. Canonica e Caravaggio sono gli unici Comuni che hanno rinnovato la convenzione poco tempo fa nonostante il chiaro avviso della Provincia di aspettare la conclusione della trattativa prima di siglare l’accordo. “Abbiamo pensato di prolungare la convenzione perché ci aspettavamo costi inferiori – spiega Graziano Pirotta, primo cittadino di Canonica d’Adda -. Finora siamo sempre riusciti ad abbassare la tariffa, ora saremo costretti ad aumentarla. Sinceramente speravamo che la trattativa tra Rea e Provincia andasse meglio. 113 euro sono davvero tanti e anche le eventuali future gare non sono così semplici come cerca di spiegare Pirovano. L’inceneritore di Dalmine si muove sul mercato come se ci fosse un regime di monopolio e a tutti gli effetti le alternative sono ben poche”.
Tra le amministrazioni pronte a slegarsi da Rea a dicembre c’è Albino. Da tempo sono partite le trattative per scegliere l’offerta migliore. “Abbiamo lavorato su molte ipotesi – è il commento del sindaco Luca Carrara – e aspettavamo la definizione della nuova convenzione per capire come muoverci definitivamente. Non posso svelare i particolari perché siamo ancora in trattativa, speriamo di concludere l’operazione. Mi aspettavo un netto aumento perché lo stesso presidente in più occasioni ha parlato indicativamente di 110 euro. Però la speranza di tutti era che la Provincia riuscisse a chiudere anche a meno. Quest’anno Albino ha ridotto la tariffa del 20%, nel caso potremo ritoccarla solo leggermente”.
Dario Odelli, primo cittadino di Albano sant’Alessandro, invita tutti i Comuni a fare squadra. “Muoversi singolarmente non serve a nulla, serve un coordinamento preciso. L’unione fa la forza, soprattutto di fronte a queste cattive notizie. Finora non abbiamo mai aumentato la tariffa, spero che questa non sia l’occasione di essere costretti a farlo”. “Si parla di questioni che riguardano direttamente il portafoglio dei cittadini – spiega Alberto Mazzoleni, sindaco di Taleggio e presidente della comunità montana Valle Brembana -. Noi stiamo monitorando la situazione per capire se ci sono alternative. A nostro sfavore abbiamo i chilometri di distanza dagli inceneritori che incidono. Se condurremo una trattativa in solitaria non si va da nessuna parte, dobbiamo agire tutti insieme”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    8 giugno 2009: “Al termine dello scrutinio di tutte le 951 sezioni, Pirovano ha chiuso raccogliendo il 58,99% dei voti, avendone raccolti 365.542. La Lega Nord ha raccolto il 35,45%% dei voti (203.136)…
    Credo che a un sacco di bergamaschi (1 su 3) dovrebbero spuntare orecchie da asino. Grazie di cuore a loro. Senza offesa ovviamente.

  2. Scritto da Dea1907

    Ricordo ai “bravi” amministratori comunali a non fare tanto i moralisti che sicuramente aumenteranno la tassa rifiuti ( ma non si parla mai di cosa costa la differenziata ???? ) così come non ci hanno pensato due volte ad aumentarsi il loro compenso !!

  3. Scritto da W LA MONNEZZA

    LA CROCIATA DEL SG PIROVANO ,FALLITA MISERABILMENTE… NOI CONTINUIAMO A DIFFERENZIARE ,LORO AD AUMENTARE…BRAVI BRAVI BRAVI. BRAVI .forse ho capito se la rea non riceveva i rifiuti locali li avrebbe fatti arrivare da altre regioni…..

  4. Scritto da Sleghiamoci

    Ci hanno detto che con la raccolta differenziata si agevolavano i costi e se non la facevi cerano sanzioni, invece è ancora una bufala ai danni dei cittadini, poi quando c’è la Lega che governa a Bergamo e provincia abbiamo solo aumenti in tutto e per tutto. Sarà l’effetto del federalismo? Meglio che se ne vadano tutti.

  5. Scritto da Ezio

    @poveri noi…
    Appunto, ha risolto. :D))))
    Una salassata ai bergamaschi al grido di “Padrù a cà nosta”.
    Neache Amato è riuscito a “succhiare” così tanto sangue in una volta sola ai cittadini.

  6. Scritto da Ezio

    @meritocrazia
    Aumenterebbe comunque il prezzo al chilo del 30% .
    Loro sanno come fare gli affari a favore dei cittadini. ;)

  7. Scritto da Dario

    è chairo che l’aumento del costo dello smaltimento rifiuti da parte della REA (a carico di tutti i bergamaschi) sevirà a finanziare la costruzione e l’avvio di una nuova linea di smaltimento dove far confluire i rifiuti da tutta la regione Lombardia…aggravando ancor di più il problema dell’inquinamento dell’area di questa area..altro che stop del traffico!

  8. Scritto da Dario Movimento 5 Stelle

    Qualche alternativa sembra esserci, basta avere voglia di guardare oltre il proprio naso e soprattutto oltre i propri interessi. Noi siamo a completa disposizione delle amministrazioni e senza nessun pregiudizio. Scriveteci a: meetupbg195@googlegroups.com!

  9. Scritto da bastavolerlo

    Qualche giorno fa diversi scrissero che un gruppo di cittadini contattò i comuni a riguardo di un nuovo modo di fare riciclo, che porterebbe in pochi mesi (con l’impegno di amministrazione, cittadini, operatori) ad azzerare i costi tranne che per la movimentazione.
    Le amministrazioni che parlano e lamentano, sorde e incredule al riciclo e riuso, farebbero meglio ad informarsi NON per pagare meno ciò che bruciano, ma per impegnarsi in alternative favorevoli a cittadini/salute/ambiente. Esistono

  10. Scritto da meritocrazia

    E se si introducesse una tariffa dove il cittadino paga per i rifiuti che effettivamente produce? Non sarebbe il sistema migliore per ridurre la spazzatura?

  11. Scritto da LEGA...che impegno???Zerbinati e succubi di REA!?

    IL Sig Pirovano e la Lega si sono intrufolati bene nel sistema ,cioè in prima istanza con REA polemica e dissenso con frasi di facciata politica verso i propri elettori x tenerli tranquilli,poi nella trattativa con la REA,si arriva a definire un accordo decisamente negativo x i comuni con un aumento spropositato del costo dello smaltimento rifiuti che sicuramente ricadrà ancora sui cittadini che sono già caricati di aumenti gravosi e in alcuni casi non più sostenibili

  12. Scritto da ex elettore

    Le amministrazioni locali devono svegliarsi, devono aumentare la raccolta differenziata devono unirsi e fare delle piazzole ecologiche in proprio, se gestite bene si possono anche guadagnare dei soldi. Piu del 90 % di quello che si getta nelle immondizie si potrebbe riciclare.

  13. Scritto da ex elettore

    Al 7 sai quanta gente la butterebbe per strada pur di non pagare? Tanta

  14. Scritto da Zerorifiuti

    https://www.bergamonews.it/bergamo/articolo.php?id=47573

  15. Scritto da Pota

    Caro ” meritocrazia” usando il tuo sistema si incentiva l’abbandono della spazzatura nelle strade. Non è certemante questo il sistema.Se ti ricordi tempo addietro per conferire rifiuti ingombranti alle piazzole ecologiche si pagava e il risultato è stato un incremento dei rifiuti sulle strade. Se non conosci il mondo rifiuti , non dare consigli inutili

  16. Scritto da Mantide Religiosa

    CL+Lega=Abbraccio fatale.
    Inceneritori in lombardia e ospedale di bergamo , urge che Formigoni ci dica qualcosa, oltre che indossare camice hawaiane.
    Per altro che senso ha una tariffa valida fino al 2026 ? Coi tempi che corrono non sappiamo nemmeno cosa accadrà domani.

  17. Scritto da poveri noi...

    Daccordo con @ 8:ma il sig Pirovano,non haveva detto che avrebbe fatto e disfatto per risolvere il probblema rifiuti con la REA,poi i risultati sono questi…?

  18. Scritto da Tapiro d'oro

    Beh, per essere il primo risultato di Pirovano, non è male…

  19. Scritto da CLA

    La raccolta differenziata era stata studiata perchè il “RIFIUTO” dovesse diventare un bene da vendere per i comuni,e quindi guadagnare , chi ritira il vetro ,la carta , l’ alluminio ,il ferro, il legno, ecc… DEVONO pagare per ritirare queste materie prime.
    L’ associazione che ritira i tappi di plastica delle bottiglie, a cui settimana scorsa ho portato 4 sacchi grandi , la ditta che poi li ritira da un compeso.

  20. Scritto da CLA

    Si deve arrivare che A2A (exBAS) per far funzionare i suoi impianti di produzione di energia elettrica di acqua calda ,debba pagare la nostra immondizia.