BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Manager e professionisti nel panico per lo sciopero dell’amato Blackberry

Da un paio di giorni lo smartphone fa le bizze: posta elettronica, internet e social network non funzionano sul dispositivo. Colpa di un problema al Blackberry Internet Service.

Più informazioni su

Il primo scherzetto il nostro Blackberry ce l’aveva giocato due giorni fa. A metà tra il rilassato e il preoccupato, abbiamo notato che la luce rossa intermittente che indica l’arrivo delle mail era spenta da varie ore. Abbiamo controllato entrando nell’applicazione: tutto fermo dalla tarda mattinata. Un primo dubbio sulla possibile defaillance dell’aggeggio ci attanaglia. Andiamo in Facebook ed in Twitter: niente da fare, anche qui gli aggiornamenti si sono stoppati a prima di mezzogiorno ed è impossibile che nessuno abbia cambiato il proprio status o emesso un tweet.
Il dubbio diventa quasi un piccolo dramma perché, abituati ad avere il controllo in tempo reale su tutto, l’improvvisa recessione a tre anni fa (chiamate ed sms funzionano normalmente), in pieno giorno feriale ed in pieno orario di lavoro, ci getta nello sconforto. Infatti, un conto è starsene in vacanza (ma anche in questo caso, la tentazione di condividere su Facebook il safari in Africa, il villaggio a Sharm o la vincita di 20 dollari ai casinò di Las Vegas tramite il BB è troppo forte e di solito si cede), un conto è dover essere a contatto con clienti, azioni (forse per queste, considerato il momento, il blackout è una benedizione) e altre faccende professionali.
Che si fa? Si smanetta nelle opzioni per le connessioni, ma niente. Si spegne e si riaccende il telefono, ma nulla. Si spegne il telefono, si leva la batteria e poi la si rimette? Rien a faire. Il Blackberry è diventato un cellulare normale. Ci giochiamo la carta internet e si scopre che non siamo noi gli sfigati di turno; o meglio, siamo gli sfigati di turno in compagnia di tutti gli utenti mondiali che possiedono un telefono del nostro marchio per un guaio al Blackberry Internet Service che governa tutte le applicazioni che hanno a che fare con internet; un guaio che Research In Motion (la società che ha creato lo smartphone) sta cercando di risolvere.
Due giorni fa il servizio è ripartito in serata, da martedì un nuovo stop che continua anche nella mattinata di mercoledì (con un sussulto d’orgoglio nella nottata e la ricezione di alcune delle mail in arretrato).
Ma passi la scocciatura di non ricevere in tempo reale mail e quant’altro, il grande dramma quotidiano sono i commenti di scherno dei possessori di Iphone, considerato che tra blackberristi e iphonisti, sul piano tecnologico, non corre proprio buon sangue…
E si inizia a pensare che possa trattarsi di una macumba del compianto Jobs.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pom piat

    dai finalmente non vedremo le persone scimmiate a premere quei tastini minuscoli, schiave delle email, perchè se non rispondono il mondo finisce domani….comunque nel dubbio tra blackberry e iphone mi scelgo l’androide!

  2. Scritto da l76bg

    “il grande dramma quotidiano sono i commenti di scherno dei possessori di Iphone” ..azz, che problemi la vita..

  3. Scritto da rvv

    Sono un manager, ho il blackberry, ho avuto il blackout…. ma nessun panico!!! Anzi, stare un po’ “disconnessi” è un’opportunità per recuperare una dimensione più “umana”….

  4. Scritto da Blackperry

    Poveri schiavi dello status symbol.
    :D)))))