BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lavoro, la mobilit?? sociale come opportunit??

La Scuola di formazione all'impegno socio-politico della Diocesi di Bergamo propone un corso dal titolo: "Promuovere lo sviluppo umano integrale oggi".

Più informazioni su

Le donne ed i giovani sono al centro del programma, modulato su due corsi, della Scuola di Formazione all’impegno socio-politico promossa dalla Diocesi di Bergamo.
"Promuovere lo sviluppo umano integrale oggi. Come generare opportunità attraverso la mobilità sociale" è il tema che sarà affrontato durante il corso che si svolgerà, da ottobre a maggio, alla Casa del Giovane a Bergamo. 
"Il problema che abbiamo davanti è rompere la spirale negativa che combina rallentamento della crescita economica e aumento delle disuguaglianze, riduzione dell’iniziativa e delle aspettative individuali – spiega don Francesco Poli, direttore della Scuola di formazione all’impegno socio-politico della Diocesi di Bergamo -. L’idea di affrontare il tema della mobilità sociale nasce dalle indicazioni della Settimana Sociale dei Cattolici Italiani di Reggio Calabria del 2010".
La mobilità sociale si presta difatti a diverse chiavi di lettura, quali: individuare le principali strozzature sociali ed istituzionali che impediscono di poter ristabilire una chiara, o almeno ragionevolmente chiara, corrispondenza tra impegno individuale, riconoscimento sociale ed economico, contributo al bene comune; identificare gli interventi necessari a creare condizioni di giustizia sufficienti per garantire a tutti di mettere a frutto le proprie capacità e in questo modo di sentirsi parte di un destino comune; comprendere come ri-orientare le energie psichiche diffuse individuando obiettivi di senso e modalità di valorizzazione dello sforzo individuale in grado di motivare ad investire sul futuro.
Info: 

Centro Diocesano Pastorale Sociale: Via Conventino, 8 – 24129 Bergamo
         Tel. 035.4598550 – Fax 035.4598552 – e-mail: ufficiolavoro@curia.bergamo.it


PRIMO MODULO
Lavoro e mobilità sociale: i giovani
• Sabato 29 ottobre 2011
"Le ragioni dell’immobilità: tra accesso all’istruzione, riconoscimento sociale e flessibilità".
Relatore: prof. Dario Nicoli, Università Cattolica del Sacro Cuore.

• Sabato 05 novembre 2011

"I modelli di flessibilità: opportunità o limite? Quali modelli alternativi possibili?"
Relatore: prof. Michele Tiraboschi, Università di Modena e direttore Centro Studi Marco Biagi.

• Sabato 12 novembre 2011 (Patronato San Vincenzo)

"Dallo Statuto dei lavoratori allo Statuto dei lavori: come coniugare flessibilità e tutele".
Relatore: prof. Marco Lai, Università di Firenze e Centro Studi Nazionale Cisl

• Sabato 19 novembre 2011
"Il lavoro nella narrazione biblica"
Relatore: don Lorenzo Flori, Biblista

• Sabato 3 dicembre 2011
Tavola rotonda: "Prospettive di speranza per i giovani: esperienze a confronto". 

SECONO MODULO
Lavoro e mobilità sociale: le donne. 
• Sabato 14 gennaio 2012
"Libertà ed uguaglianza nel lavoro alla luce della dottrina sociale della Chiesa".
Relatore: don Walter Magnoni, Teologo morale e responsabile Pastorale del Lavoro Diocesi di Milano

Sabato 28 gennaio 2012
"Politiche attuate ed inattuate: conciliare tempi di vita e di lavoro nelle responsabilità genitoriali".
Relatrice: prof.sa Alessandra Servidori, Consigliera Nazionale di Parità – Ministero del Lavoro.

• Sabato 11 febbraio 2012
"Il lavoro al femminile paradigma della mobilità?"
Relatrice: dott.sa Chiara Tintori, Aggiornamenti Sociali

• Sabato 18 febbraio 2012
Tavola rotonda "Essere donna, avere opportunità: esperienze a confronto"

• Sabato 03 marzo 2012
"Lavoro e Mobilità Sociale. Una sfida per la Chiesa d’oggi".
Incontro con il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.