BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sempre pi?? centri commerciali Mapello pronto a fine ottobre A Quintano il sindaco si difende fotogallery

In dirittura d'arrivo i lavori all'ex Sobea. Mancano le rifiniture. Si chiamer?? "Continente Mapello", gi?? pronte le insegne. Nuova puntata a Castelli Calepio, il sindaco: progetto migliorato. Due interventi che trasformano 160 mila metri quadri di ex zone industriali.

I centri commerciali non si fermano più. Da un estremo all’altro della provincia di Bergamo si muovono nuove strutture di grandi dimensioni, una in fase ormai avanzatissima, l’altra ancora in fase di progetto e di approvazione. Parliamo del nuovo centro commerciale di Mapello e del progetto alle ex fonderie di Castelli Calepio, che sembra essere arrivato ad un passaggio cruciale con l’adozione di una variante nel pomeriggio di lunedì 26 settembre. In tutto nuovi negozi, tra Mapello e Quintano di Castelli Calepio, per quasi 50 mila metri quadrati, e aree trasformate (da industrie e zone commerciali) per 160 mila metri quadri.
"CONTINENTE MAPELLO" PRONTO
Al centro commerciale che ha preso il posto dell’allora Sobea mancano giusto le rifiniture. Uscendo dall’Asse interurbano sulla Briantea la nuova struttura non si può non notare. Al cemento grezzo dei mesi scorsi si sono sostituite rifiniture luminose, strisce rosse di decoro, parcheggi sotterranei ben visibili e ordinati. Da fuori sembra mancare giusto la sistemazione delle aree esterne, dove spuntano ancora tubi e allacciamenti, da mettere al posto giusto. Per il resto c’è tutto, anche le insegne principali. Il centro commerciale si chiamerà "Continente Mapello", come dicono due insegne: quella affacciata sulla Briantea e l’altra che guarda verso la nuova rotonda su via Marconi, la strada interna per Brembate Sopra e Ponte San Pietro. L’area dell’ex Sobea, circa 90 mila metri quadrati, è stata occupata per 60 mila metri dalla nuova struttura commerciale: 30 mila circa saranno dedicati esclusivamente a negozi (quindi al netto di accessi, parcheggi, spazi comuni). I lavori sono in dirittura d’arrivo e dovrebbero concludersi entro la fine di ottobre, e non è escluso che entro la fine del mese prossimo possa anche esserci l’inaugurazione di "Continente Mapello".
VARIANTE ALLE EX FONDERIE DI QUINTANO
Nuovo capitolo, invece, per il centro commerciale che sorgerà al posto delle ex fonderie di Quintano, a Castelli Calepio. Il Consiglio comunale ha infatti adottato di recente la variante a tutto il progetto. All’area delle ex fonderie sono state aggiunte altre superfici ex industriali, per circa 10 mila metri quadrati. Tutta la trasformazione riguarderà quindi 78 mila metri, invece dei precedenti 68 mila. “E’ una variante decisamente migliorativa del piano precedente – commenta il sindaco Flavio Bizzoni, della lista Patto per Castelli Calepio -. Tutta l’area diverrà omogenea, a destinazione commerciale. Ci saranno in tutto 15 mila metri quadrati di negozi, di “superficie di vendita”, più servizi e tutti gli altri spazi. Abbiamo migliorato l’impatto architettonico della struttura, che scenderà in altezza da 21 a 13 metri quadrati. A livello viabilistico, inoltre, abbiamo ottenuto che non ci sarà traffico dovuto al centro commerciale su via Moroni e via Romana, che rientra nel territorio di Palazzolo. L’operatore si è inoltre impegnato a bonificare completamente l’area dell’ex fonderia prima di qualsiasi intervento, com’è giusto che sia”. L’operatore è l’immobiliare “2Z” del gruppo Zerbini. Tra oneri di urbanizzazione, compensazioni ambientali e altre voci il Comune incasserà circa 9 milioni di euro dall’operazione “ex fonderie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paolo

    Speriamo che qualcuno paghi i debiti lasciati dalle aziende che ci hanno lavorato senza percepire un euro. Il malcontento è celato dal carattere introverso del bergamasco medio. Chi non ha perso dei soldi lo scriva in forma anonima.

  2. Scritto da fabala'lòcc

    Benvengano questi centri commerciale le famiglie alla domenica non sanno dove andare ( sempre in montagna, alle fiere ,eventi culturali giro in bici ecc ecc )

  3. Scritto da Eugenio

    E pensare che il sindaco di Castelli Calepio in campagna elettorale, era contrario al centro commerciale, poi il cambio di rotta, poveri noi…per i soldi si volta faccia!!!!

  4. Scritto da ù de mapèl

    Come giornalisti siete un po’ superficiali. Bastava chiedere e avreste saputo quando apre il Continente di Mapello. Il 27 ottobre, non il mese prossimo come avete scritto. Non limitatevi a scattare foto, fate qualche sforzo in più.

  5. Scritto da marco

    Cerchiamo di essere concreti e obbiettivi,hanno fatto bene i Sindaci e le Giunte ad approvare i due progetti,non era possibile riconvertire le aree in altro modo.Inoltre le trasformazioni portano soldi nelle casse dei Comuni e di questi tempi non è cosa da poco.I nuovi insediamenti porteranno tutti gli anni dei bei contributi ICI nrlle casse dei comuni che potranno ridurre al minimo l’aliquota e creare beneficio per tutti.Evitiamo commenti frivoli e siamo concreti.

  6. Scritto da SteBG

    @ù de mapèl ..non è certo che quella sarà la data esatta di apertura, il centro commerciale avrebbe dovuto aprire il 29/09 in contemporanea con l’inaugurazione del centro polaris di chiasso. Anche io ho sentito che aprirà il 27/10 ma recentemente mi è giunta voce che per l’inaugurazione si dovrà aspettare la fine di novembre.

  7. Scritto da Basta cemento!

    Possibile che ogni 2 paesi ci sia ormai un Centro Commerciale o un Supermercato formato gigante??
    Siamo saturi.. nessuno lo capisce??

  8. Scritto da Isot

    @ franz

    Le due Amministrazioni sono guidate da due liste civiche di centrosinistra.

  9. Scritto da franz

    Come non era possibile riconvertire in altro modo? Non diciamo scempiaggini entrambie queste due amministrazioni (di centrodestra) stanno prevedendo nuove aree industriali e artigianali sul loro territorio mangiando terreni agricoli.
    Quindi perchè non realizzare le aree industriali e artigianali nelle ex aree industriali da riconvertire? Ma le polemiche speciose si fanno solo sui muri di Bergamo, vero?

  10. Scritto da Eugenio

    Per franz: Hai ragione, tutti e due i comuni stanno facendo zone industriali nuove….piu’ obbiettivo riconvertire quelle aree dismesse. Forse , troppi interessi…….facile intuire, dietro a questa vicenda!

  11. Scritto da La Redazione

    Questo articolo vuole solo e unicamente dare informazioni sull’arrivo di due nuove grandi strutture commerciali. Non sono ben accetti commenti con riferimenti espliciti ad una data vicenda di cronaca nera e giudiziaria.

    grazie

  12. Scritto da Pluto

    Diciamo che almeno hanno risolto con un bel po di rotonde i problemi del semaforo del Sunto e degli altri incroci. Sperando che sia terminata per il 27.10 anche la bretella tra la rotonda della DB che bypassa la frazione di Barzana. Che strano! C’é sempre meno gente che trova lavoro ed aumentano i luoghi per spendere!. Boh? Italia.