BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rifiuti, accordo Provincia-Rea Dal 2012 rincaro del 30%

Nel 2011 tariffe invariate per oltre 200 Comuni bergamaschi. Ma dall'anno prossimo scatteranno i 113 euro, balzello rispetto agli attuali 88.

La Provincia di Bergamo ha comunicato "di aver siglato con la Rea di Dalmine la nuova convenzione per la termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani provinciali, convenzione che mantiene inalterata l’attuale tariffa fino al 31 dicembre 2011 e fissa la nuova fino al 31 dicembre 2026". E’ così scongiurato il rischio che per il 2011 gli oltre 200 Comuni bergamaschi che portano rifiuti alla Rea dovessero pagare una tariffa con un rincaro del 67% rispetto agli anni precedenti. Fino al 31 dicembre di quest’anno i costi di smaltimento resteranno invariati. Il presidente ha comunicato il costo della nuova tariffa stabilita con Rea: 113 euro fino al 2026, circa il 30% rispetto agli 88 attuali. "La Rea contava di recuperare la riduzione stabilita dal 2011 al 2009, circa 14 milioni di euro totali – spiega Ettore Pirovano -. E’ per questo motivo che l’anno scorso ha inviato una fattura così alta. La Provincia avrebbe potuto scegliere una risoluzione arbitrale, ma la via legale è stata messa in secondo piano perché rischiosa. Questa nuova tariffa azzera il passato, offre una garanzia ai Comuni che non avrebbero potuto variare i bilanci già approvati. Abbiamo anche chiarito che non esiste più un bacino provinciale, bensì regionale come verrà stabilito da una legge che verrà approvata tra un paio di mesi”.
Cosa faranno nel frattempo i Comuni? 65 mila tonnellate dei Comuni più grandi saranno “libere” quindi gestite con una gara. Man mano che scadranno le convenzioni le amministrazioni potranno scegliere l’offerta più vantaggiosa. Nel frattempo pagheranno i 113 euro stabiliti. Nessuna novità invece sulla terza linea proposta da tempo da Rea. “Non riguarda la Provincia, ma la Regione Lombardia – continua Pirovano – abbiamo messo fin da subito in chiaro che la convenzione era staccata da questa richiesta”. La palla passa quindi ora al Pirellone che dovrà decidere se concedere l’ampliamento alla società.
"L’accordo – prosegue un comunicato stampa della Provincia – è frutto di numerose sessioni di incontri tra provincia e Rea Dalmine necessarie al fine di raggiungere una soluzione, la più vantaggiosa possibile per i Comuni bergamaschi per quanto riguarda la tariffa provinciale di smaltimento dei rifiuti".
Soddisfazione è stata espressa anche da Rea Dalmine che, con l’accordo sottoscritto oggi ha visto nuovamente confermato il ruolo centrale svolto, oramai dai dieci anni, dall’impianto di Dalmine al servizio dei comuni bergamaschi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gio

    lega + pdl: ci rifilate tasse e tasse occulte dappertutto. Iniziate a lincenziare i vostri amici assunti a 300000 euro l’anno anziché succhiare il sangue a me

  2. Scritto da Dare ai ricchi e togliere ai poveri!?

    Rea-Pirovano.Complimenti…….proprio un bel tandem ….tante parole e promesse….risultato altra stangata x la gente…avete scelto un compromesso decisamente pessimo e oneroso…………proprio competenti………………

  3. Scritto da mirifiuto

    senza la trattativa l’aumento sarebbe stato del 68%! perchè nessuno lo nota? Eppure nell’articolo è scritto. Finito il monopolio Rea, i comuni potranno andare a gara e Rea stessa, se vorrà parteciparvi dovrà proporre trafiffe conocorrenziali. Infine, poichè l’incenerimento è solo una fase dello smaltimento è chiaro che più si differenzia e si recupera meno si porta all’inceneritore e meno si spende!

  4. Scritto da cittadino incavolato

    Ennesima dimostrazione che le province sono inutili e dannose. Confermate le tre “i” del cavaliere : Incompetenza, improvvisazione, inesperienza.
    Tanto poi i danni -costi vengono scaricati nelle tasche dei cittadini.
    Tutto logico visto che il simbolo della provincia è Arlecchino:ne combina di tutte, inventa imbrogli e burle , ma non gliene va bene una. In quanto a lavorare nemmeno a parlarne; fra Arlecchino ed il lavoro c’é una profonda incompatibilità.

  5. Scritto da De Berghem

    non consiglio di fare come i Napoletani, ma ci arriveremo anche noi a inc… contro quei quattro ladroni che governano la Provincia, ma perchè non andiamo in piazza

  6. Scritto da DALMEN

    Hanno trovato e siglato l’accordo e la pace?Gli amici,degli amici,compagni di merende(LEGA-REA).Un’accordo X,Me,con i continui tagli da parte del governo verso le Amministrazioni Comunali. Credo oneroso x tutti i comuni che confluiscono i rifiuti a DALMINE e come al solito i costi vengono x l’ennesima volta sbattuti in faccia in modo scandaloso ai cittadini che già sopportano tagli evidenti sui servizi e rincari che arrivano da tutte le parti.L’aumento previsto della tariffa è un furto evidente!

  7. Scritto da lettore

    Ma cosa ci sta a fare un Presidente di Provincia,se non e’ capace di fare ina contrattazione equa per i cittadini che rappresenta??? E noi che separiamo carta,vetro,lattine,pile,medicinali,plastica ecc..dobbiamo pagare cifre enormi per lo smaltimento?Io come cittadino che fa il suo dovere mi sento profondamente preso per i fondelli.

  8. Scritto da 081

    @11: bravo! Perchè non andiamo in piazza?

  9. Scritto da boss

    Complimanti Pirovano. +30% ? Una bella vittoria. Torna a suonare la chitarra, che forse è meglio.

  10. Scritto da Eugenio

    un aumento del 30% credo sia una vera follia di questi tempi.
    Non si capisce cosa abbiano trattato Pirovano e REA. E’ una vera e propria resa di fronte ad un monopolio della gestione rifiuti….pazzesco…+30%!!!

  11. Scritto da el zorro

    ieri parlavo del finto braccio di ferro con Rea da parte di Pirovano… e in fatti ecco l’accordo anzichè il 67% subito un 305 rateizzato ma su un tempo indefinito…. Bella intesa e pace fatta tra Lega e Cl se mai c’è stata guerra. Cosa significa che il bacino di utenza diventa regionale ? Provate a chiedervelo….l’apertura alla Terza Linea è ormai solo questione di tempo. Chi ci guadagna? Quali sono le motivazioni per cui serve aumentare la tariffa a parte far guadagnare di più la Rea?

  12. Scritto da Mannaggia li Pescetti

    Pirovano che tratta con la Rea, la Rea che tratta con Formigoni , ah ah ah ah ah ah ah .
    @18 el zorro – si salvi chi può (noi non possiamo) . Un grazie a quelli che li hanno votati.

  13. Scritto da Parapaponzi

    E vai ! beccato in pieno : vi ripropongo il mio post del 25 gennaio :

    Parapaponzi 25/01/2011
    @6- Così facendo PRIMA si prepara il terreno a un + 55 % , POI un + 30 % ti sembra poco e ti dicono che sono stati bravissimi.

    https://www.bergamonews.it/politica/articolo.php?id=36960

  14. Scritto da luciano015

    L’unico modo per fare il vantaggio del cliente è favorire la concorrenza. Tuttte le altre soluzioni sono fanfaluche, come questo caso dimostra per l’ennesima volta.
    I politici devono solo fissare gli obiettivi di emissione in aria e di inquinamento ammesso, e controllare che vengano rispettati.
    Poi chi vuole entri nell’attività e in venti la soluzione migliore e si confronti sul mercato.
    Se continuiamo a voler fare i bambinoni non dobbiamo stupirci di venir trattati da bambinoni.

  15. Scritto da el zorro

    @paraponzi.
    hai letto bene la situazione in tempi non sospetti.Saresti un veggente se il giochino non fosse noto e aihmè squallidamente attuato secondo copione…
    vedrai che non finisce qui, purtroppo anche i prossimi passi sono telefonati, manfrine , terza linea, allargamento bacino utenza, contestazione delle royalties. tuuto buono per far soldi a discapito dei poveri cittadini cornuti e mazziati, di spese e di inquinamento…

  16. Scritto da diego frazzini -partito democratico

    Lasciata scadere la convenzione il gioco era fin troppo chiaro. Altro che sollievo, i comuni invece di pagare +67% per il 2011 pagheranno +30% per 15 anni .Bell’affare!Pirovano spieghi cosa motiva l’aumento del 30% delle tariffe. .. E adesso via con la terza linea che a parole nessuno vuole come l’aumento delle tariffe e poi con il taglio delle royalties a Dalmine,immolata dalla Lega a bruciare per tutta la provincia ieri e domani,,, per un bacino regionale.Un affare colossale, ma per chi?

  17. Scritto da diego frazzini -partito democratico

    *Più 30 % fino al 2026 ( da 88 a 113), senza contare che in 15 anni il ” valore” dei rifiuti salirà, all’aumentare della raccota differenziata, come successo in tutta europa dove questo combustibile è ricercato a seguito del proliferare degli impianti….
    Sempre che l’obiettivo della provincia non sia quello di diminuire il riciclo e la differenziata a favore dello smaltimento nei termodistruttori

  18. Scritto da L.P.N.E.

    Mi sembra il giochetto fatto dalle multinazionali dell’acqua. Meno rifiuti mandi agli inceneritori più aumentano le tariffe.E chissà cosa chiederanno se dovesse partire la seconda linea.Serviranno molte più tonnellate di rifiuti per dare redditività al sistema.Stai a vedere che poi torneranno buoni anche i rifiuti del sud, alla faccia della Lega.E intanto l’inquinamento aumenta.Tutto il contrario di ciò che andrebbe fatto,ridurre drasticamente la produzione di rifiuti.SIAMO MESSI DAVVERO MALE!!

  19. Scritto da stefano rossi

    Solita vergogna e devo anche dividergli i rifiuti stare attento a cosa butto e quando compro reciclato lo pago il doppio e queste aziende continuano a crescere e ingrandirsi COMPLIMENTI AIUTIAMOL’AMBIENTE CHE VOI GUADAGNATE!!!Chissa’ quando ci sara’ il teleriscaldamento che o paghi quello che dicono o copriti con le coperte!!! Sempre meglio andiamo paga cottadino paga!!

  20. Scritto da e

    Ma questi sono pagati con i nostri soldi per far fare a terzi i soldi a spese dei contribuenti????
    Pirovano dacci una spiegazione.
    Oppure… raus!

  21. Scritto da Stefano

    Scusate ma ho appena ascoltato un servizio tv durante il quale Pirovano ha affermato “l’aumento del costo dei rifiuti sarà solo del 4%”, mentre “l’aumento del costo di incenerimento sarà più consistente” (30%) per poi concludere con “è una cosa difficile da spiegare”. Per controllare: http://www.ecodibergamo.it/videos/Video/14077/
    Pirovano, l’unica cosa difficile da spiegare è come possa ancora occupare il posto di presidente della provincia.

  22. Scritto da marilena

    questa è una presa in giro bella e buona! Per 2 mesi non c’è aumento e poi si parte con il 30% in più, pirovano a chi vuol darla a bere dicendo che è un accordo conveniente? I cittadini non sono stupidi e spero si faranno sentire…

  23. Scritto da usiamo il cervello

    aumento del 30% è “la tariffa più vantaggiosa possibile”?

    Se c’era bisogno di una sola ragione per abolire le Provincie Pirovano ce l’ha messa su un piatto d’oro..
    Io differenzio, faccio il composter, cerco di produrr emeno rifiuti possibili e voi mi aumentate la tariffa sulla base dei mq e non della produzione di rifiuti

    Ma chi pensate di prendere in giro???

  24. Scritto da il polemico

    mah,quando una società privata,con arroganza cerca di imporre delle tariffe che per molti comuni potrebbero essere delle mazzate di bilancio,che poi ricadrebbero sui cittadini,non capisco perchè la provincia,piuttosto che impuntarsi con eventuale bloccaggio delle licenze e usare pugno duro,accetti di sottomettersi agli aumenti, e per quale motivo,un giudice in eventuale causa,possa pretendere che il cittadino paghi più tasse per dare più utili ad una società privata?

  25. Scritto da Dario

    https://www.bergamonews.it/bergamo/articolo.php?id=47573

  26. Scritto da sergio

    questo è un doppio furto legalizzato…
    aumentano le paghe meno dell’inflazione e aumentano i costi dei servizi al di sopra del mille per cento…
    grazie lega di lotta e di governo in bergamo ladrona..