BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

AlbinoLeffe, esame non superato Il Livorno sbanca il Comunale 4-0 fotogallery

L???eloquente risultato finale inquadra nel modo migliore la disastrosa prestazione della squadra di Fortunato: inconcludente in avanti, a tratti comica in fase difensiva.

Più informazioni su

 

ALBINOLEFFE-LIVORNO 0-4 (0-2)
RETI: 13′ pt Piccolo (L), 15′ pt Schiattarella (L), 2′ st Belingheri (L), 11′ st Belingheri (L).
ALBINOLEFFE (4-4-2):  Tomasig; Daffara, D’Aiello, Bergamelli, Piccinni; Cristiano, Laner, Hetemaj (33′ st Previtali), Foglio (19′ st Girasole); Torri (19′ st Germinale), Cisse. All.: Fortunato.
LIVORNO  (4-1-4-1):  Mazzoni; Perticone, Bernardini, Miglionico, Lambrughi (8′ st Salviato); Genevier; Piccolo (21′ st Bigazzi), Luci, Belingheri,  Schiattarella (25′ st Barone); Paulinho. All.: Novellino.
ARBITRO: Mariani di Aprilia

 


Se la partita contro il Livorno doveva essere un esame di maturità, l’AlbinoLeffe ne esce con un (zero a) quattro in pagella.
L’eloquente risultato finale inquadra nel modo migliore la disastrosa prestazione della Celeste: inconcludente in avanti, a tratti comica in fase difensiva. Dopo l’illusoria vittoria sul Padova, che ha fatto un po’ montare la tesa in Val Seriana, la squadra di Fortunato è tornata a mostrare in modo impietoso tutti i sui limiti. A spianare la strada all’organizzata squadra di Novellino sono proprio un paio di disattenzioni della difesa. Prima una generale, con gli uomini in maglia celeste che restano a d osservare come statuine gli amaranto in grado di far arrivare alla conclusione vincente Piccolo con una fitta serie di passaggi di prima. Poi una tutta made in Tomasig, con il portiere seriano che si rende protagonista di un’uscita da mandare a “Mai dire gol”, che permette a Schiattarella di insaccare a porta sguarnita. Due gol subiti, e per di più in questo modo, taglierebbero le gambe a chiunque. Non fa eccezione l’AlbinoLeffe di oggi, che prova quantomeno a dare segnali di vita. Ma nulla di concreto ed efficace. Lo schieramento a due punte, Cisse e Torri (con Cocco in tribuna ufficialmente per problemi fisici), non porta i frutti sperati. Il primo prova ad inventarsi qualcosa ma fine a se stesso, il secondo dopo mesi in panchina nemmeno si vede. A centrocampo, con Previtali dimenticato nuovamente in panchina, il Livorno ha vita facile e può gestire la partita come meglio crede. Tanto che a inizio ripresa decide di sferrare l’assalto decisivo e non trova ostacoli sul suo percorso. Anzi, Daffara e Cristiano si scordano di Belingheri che può insaccare battere ancora Tomasig. Lo stesso esterno labronico, poco dopo, è tutto solo in area e può ribattere in rete sugli sviluppi di un corner. Per fortuna nel finale gli ospiti decidono di non infierire, su un AlbinoLeffe che può contare almeno su una classifica ancora decente, ma che con altre prove del genere rischia di aggravarsi presto.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da così non va bene......!!

    inizio a credere che Mister Fortunato abbia sbagliato mestiere!
    ha stravolto la formazione vincente di mercoledi con 2 punte là davanti senza gioco sulle fasce ed un Pacelli, unico in grado di saltare l’uomo, perennemente in panca………
    TORNA EMILIANO………