BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Orio, no a sviluppo incontrollato: comitati in corteo

Legambiente: “Il Ministero dei Trasporti metta ordine: serve trasferimento dei cargo a Montichiari e una nuova valutazione ambientale"

Più informazioni su

“L’attenzione della Regione Lombardia, invece che dedicarsi inutilmente allo sviluppo di Malpensa, dovrebbe orientarsi ad est di Milano”. E’ questo il commento di Dario Balotta, responsabile trasporti di Legambiente Lombardia, in merito alla situazione di emergenza ambientale che stanno vivendo gli abitanti che risiedono nei pressi dell’aeroporto di Orio al Serio. Da Malpensa stanno fuggendo numerose compagnie aeree infatti lo scalo della brughiera ha perso l’1% dei passeggeri in agosto rispetto allo scorso anno mentre Linate è cresciuto dell’11% e Orio al Serio del 9%.
“E’ giunta l’ora di programmare seriamente il ruolo, le funzioni e la sostenibilità ambientale di Orio al Serio, da sempre trascurata. L’aeroporto sta collassando – prosegue Balotta – con 220 voli giornalieri, non può gestire contemporaneamente voli low cost, charter, il cargo notturno e adesso anche i voli business per l’Hub intercontinentale di Francoforte. Ciò è anche in contrasto con le specializzazioni degli scali indicate nel piano degli aeroporti dal Ministero dei trasporti. Stretto dalle case in periferia di Bergamo per lo scalo orobico c’è bisogno di fare delle scelte di sostenibilità. La prima – insiste Balotta – è quella di trasferire i voli cargo a Montichiari (cancellando quelli notturni) e la seconda di dotarsi di una valutazione ambientale strategica per mettere un freno a questo sviluppo caotico incompatibile con il territorio e con la salute dei cittadini dell’intorno aeroportuale”.
Per protestare contro questa difficile situazione, Legambiente da appuntamento a tutti sabato 8 ottobre alla manifestazione organizzata insieme al comitato aeroportuale di Bergamo (Colognola Campagnola e Malpensata), al Comitato di Cassinone, rappresentante di Bagnatica e Seriate, e i Comitati di Azzano, Orio al Serio, Stezzano, Lovate e Grassobbio. Il ritrovo sarà alla Malpensata, presso la sede di Legambiente Bergamo alle 16, per procedere con striscioni e fischietti per le vie don Bosco, Bonomelli, Papa Giovanni, fino a raggiungere il Comune e la Provincia.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da arda ché

    http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf
    @40
    avanti mi faccia vedere lei dove c’è scritto il limite! Avanti! Me lo trovi! Così almeno la finite di parlare a vanvera voi noOrio

  2. Scritto da ...da strapaz?

    @41 Londra ha 5 aeroporti, compreso LCY e Berlino ha Tegelhof e due hub ha la Germania, che non avedo malpensa, economicamente va strabene, perché non ci sono pesi economici che gravano sulle tasche dei tedeschi.
    E non ci sono i fanatici noOrio, perché in Germania i matti non sono ammessi. Capito, redaz?

  3. Scritto da madbuster

    @42 krapa de lègn
    buon viaggio!

  4. Scritto da mitiar1

    …….. mah… chiudiamo gli aeroporti, le aziende, i centri commerciali, gli stadi, i bar la sera, le discoteche… e perchè no, le discariche e le centrali . i treni fermiamoli all’ora di cena e le auto a mezzanotte e chi più ne ha più ne metta.
    poi troviamo tutti un lavoro a 200 Km perchè ovviamente a furia di chiudere non resta lavoro che per pochi… e la sera per bere una birra facciamo altri 100 km… e dopo poco facciamo un corteo perchè mancano i servizi…

  5. Scritto da Giorgio

    E’ colpa dei Comitati vari se i responsabili di Sacbo non realizzano investimenti programmati da anni (parcheggio multipiano, ampliamento lato arrivi, interventi di mitigazione ambientale , piano di sviluppo per una nuova autorizzazione su numero di voli) e preferiscono tenere inutilizzati 40milioni di euro per la gioia dei banchieri presenti nel C.E.?
    E per avere qualcosa di cui discutere, cambiano la pelle al leghista Mentasti per triplicargli lo stipendio anche a tempo indeterminato

  6. Scritto da paci paciana-no-grazie

    L’AEROPORTO COSI E’ FUORI LEGGE, HA SFORATO I LIMITI A SUO TEMPO IMPOSTI, STA INQUINANDOCI TUTTI PER FAR GUARDAGNARE POCHI

  7. Scritto da tusso

    @9 e non pensi che chi usa l’aeroporto lo fa per lavoro? o sei così bergamasco da non capire?

  8. Scritto da salutista

    Per Olmo: non è una scusante usare l’auto per lavoro, usa la bici che ti fa bene alla salute

  9. Scritto da @10 mitiar1

    Con il tuo ragionamento si arriva alla legalizzazione della mafia, visto che non possiamo permetterci di mettere in discussione la più importante -per fatturato e numero di dipendenti- impresa italiana.
    Il tuo consenso acritico alla società odierne spiana la strada a gente che ci sta facendo sprofondare in questa crisi strutturale. Per loro (che si arricchiscono alle tue spalle) sei il gonzo giusto al posto giusto.

  10. Scritto da Olmo

    @ salutista,
    Magari potessi usare la bici, piacerebbe molto anche a me. Anche solo per risparmiare un sacco di soldi.

  11. Scritto da gigi

    si all’aereoporto, lo sviluppo incontrollato è una panzana dei pseudocomitati. ma in mezzo a tante chiacchere uno che mi dica NUMERICAMENTE quanti sono gli aderenti dei comitatoni .

  12. Scritto da d.o.

    A chi insulta (citrulli ecc.) rispondo cosi: il limite di sviluppo di Orio sono 10.000.000 passeggeri l’anno, oltre il quale, probabilmente, si fermerà.

  13. Scritto da Olmo

    @13
    Segui il labiale, non è difficile da capire: nessuno ha detto di chiudere l’aeroporto, ma di limitarlo e di fargli rispettare le regole di convivenza. Per rimanere all’esempio dell’auto usata per lavoro, io la uso perchè comoda (come è comodo l’aereo), ma la uso nel rispetto delle regole: viaggio sulle strade e nei limiti di velocità. Cosa che l’aeroporto non fa, sforando i limiti concessi: è questo il nocciolo della questione: lo vuoi tradotto in dialetto?

  14. Scritto da uno qualunque

    Una riflessione politica (perdonatemi per questo): molte persone che usano Orio sono di sinistra, compreso me (saccopelisti, studenti ecc..) eppure proprio i nostri compagni nostrani che vanno in giro a professare il mondo libero e senza frontiere non voglio Orio: andate a casa!

  15. Scritto da l'evidenza

    Il piano aeroporti è stato pubblicato da Il Sole 24 Ore e Balotta non lo conosce, perché secondo quel piano Orio è strategico. E’ in atto, a livello mediatico, un manipolare l’informazione. Ma ci sono anche quelli che sanno le cose. Basta che un tale dichiari una cosa a mezzo stampa che tutti ci credono. Un altro esempio? in campagna elettorale Tintorio ha detto che c’è il tetto dei voli nel VIA, (cfr http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf)

  16. Scritto da John Locke

    @10 mitiar1: ti quoto.
    I dipendenti che ragionano come il padrone…….

  17. Scritto da 13

    @olmo
    impara a capire, poi a leggere e a scrivere
    tu usi l’auto, per il fatto stesso che la usi inquini. Sei capace d’intendere?
    l’aereo inquina
    o tu ti preoccupi che l’aereo sia nel codice della navigfazione aerea?
    forse prima devi imparare a dicernere le cose

  18. Scritto da Arturo

    Ma ‘ndì a scuà ‘l mar col spassetì di décc.I comitati egistici sono la rovina della bergamasca.dopo aver eliminato tutto(aerei,inceneritori centrali elettriche,auto,aziende rumorose e inquinanti,secondo loro,locali pubblici che non chiudono alle 9 di sera,treni,ecc.)non avremo più niente.Nasceranno comitati che vorranno più vita la sera,possibilità di viaggiare nel mondo senza partire da lontano,più corrente per le case,ecc. Il lavoro naturalmente non ci sarà più,spostato da altre parti.

  19. Scritto da a

    Se hai una negozio nel cui piano della sicurezza è previsto che tu debba tenere un estintore, e ti dimentichi di regolarizzarne la prevista verifica sull’apposito cartellino, ti becchi una denuncia e sei multato.
    Per Orio che ha fatto volare gli aerei FUORI DALLA LEGGE E che va sempre più inquinando non colgo la stessa rigidità e fermezza da parte degli Enti preposti nel salvaguardare la salute, non di un negozio, ma di un vasto territorio.

  20. Scritto da fuori giri

    turismo ignorante del degli anni 2000 cancro del mondo.

    10euro per andare ad AMSTERDAM, 100euro per una seratina a luci rosse o peggio in paesi esotici del secondo e terzo mondo.

  21. Scritto da Guga

    Vorrei capire perchè così tanto si arrabbiano e difendono Orio a qualsiasi costo come se tutto andasse bene così come è. Mi spiegano cosa cambierebbe a loro se gli aerei anzichè passare sopra le case passassero sopra i campi? Questo non viene fatto perchè così si allunga la rotta e costa di più alla compagnia aerea. 10.000.000 di passeggeri? Ok, allora togliamo i voli cargo. Non tutti e due! Regolarizzare Orio non vuol dire chiuderlo, ma volare contenendo i danni ambientali il più possibile

  22. Scritto da aris

    l’ aeroporto non fa crescere l’ economia e non fa l’ interesse di tutti ma solo dell SACBO e azionisti. Lo sviluppo indiscriminato di Orio blocca l’ espansione della città (possibile solo nella zona sud). Tutto il sistema voli lombardo va ripensato con logica, se vogliamo che l’ economia locale (+ nord Italia) attragga investitori e lavoro. Nel N. Italia non abbiamo un aeroporto internazionale (Malpensa è deserto) e 4 bergamaschi “nazionalisti” si attaccano a Orio strapieno. E’ da ripianificare

  23. Scritto da silvio

    . Economia? orio tracina l’economia? se ma solo i guadagni di sabco ma se uno fa vacanze low cost farà anche compere low cost,traduco ,
    al ga mia i solc per u bigliet del aereo che magari al dovra quindes de al an cosa olet che al compre in berghem ,negot .
    Dopo quando facciamo un viaggetto in toscana ci stupiamo della tranquillità

  24. Scritto da Mitiar1

    Non é riprensibile il sistema aeroportuale. Non ci sono immense praterie dove piazzare aeroporti nuovi. E se i fossero nascerebbero i comitati dei no perché si toglie l’unico polmone verde ecc ecc. E se si facesse poi si farebbero strade nuove e quindi zone industriali nuove e quindi zone commerciali nuove e infine zone residenziali nuove!! E questi si riunirebbero in comitato per spostare l’aeroporto….. Comunque oggi abbiamo l’aspettativa di vita piú alta di sempre… Forse non viviamo nella

  25. Scritto da Olmo

    @13
    Cara, non esiste un codice di navigazione aerea, ma uno Studio Impatto Ambientale che regola la coesistenza tra aeroporti e centri abitati. Sai, si tratta di distanze tra pista di decollo e abitazioni, misurazione di decibel nei quartieri, orari per i decolli ed altre questioni che vanno normate in quanto un aeroporto arreca un inquinamento atmosferico ed acustico non comune, altrimenti la regione lombardia non lo prevederebbe. Si chiamano regole di convivenza, non vivi nella giungla, sai?

  26. Scritto da Dubbio

    Ma i commentatori-ultras dell’aeroporto hanno a fine anno un dividendo Sacbo, gestiscono un parcheggio in zona Orio o sono dei pirla?

  27. Scritto da Andrea Centro

    tutto giusto, bisogna trovare uno spazio per manifestare, ma perchè stavolta non all?ORIOCENTER invece che in centro a bergamo.
    Orio inquina, gli studenti manifestano, caspita ma
    sempre tutti quà in centro a manifestare, marcialonga,marciacorta,corse in bici,cassette di sapone,manifestazioni ogni sabato e domenica ce n’è 1 mi sento sequestrato in casa, caspita ma pago le tasse come tutti, perchè non
    andiamo all’ORIOCENTER a manifestare c’è tutto lì NO?

  28. Scritto da Stefano

    E’ allucinante che vengano stanziati fondi per mettere i doppi vetri e i condizionatori! Cosa dobbiamo fare starcene tutti rintanati in casa come se fosse scoppiata una centrale nucleare per non respirare cherosene??
    Grazie tante amministratori locali per le belle idee che avete e per come pensate al benessere dei cittadini

  29. Scritto da franco

    @30 Non si tratta di piazzare un nuovo aeroporto, ma di regolare quelli che già ci sono. E’ così difficile da capire? Se possiedo un bilocale, non posso pretendere di farci vivere 15 persone. Idem per l’aeroporto: voli limitati in orari che rispettino il riposo dei cittadini, tetto massimo di questi, decolli in fondo alla pista, ma che te lo dico a fa’?

  30. Scritto da franco

    Questa questione la facciamo risolvere al Trota.

  31. Scritto da silvio

    @36 io sono per una regolamentazione dei voli anzi una diminuzione .
    non credo che chi fa scalo ad orio si fermi in bergamasca anzi l’aereoporto di orio sfrutta la bergamasca ,In percentuale penso che le ricadutre negative siano maggiori di quelle positive derivanti dai ricavi dell’aereoporto.

  32. Scritto da gigi

    ma lasciateli manifestare tanto contano zero, orio avanti cosi e non badare a loro

  33. Scritto da usiamo il cervello

    per d.o. @17
    il limite di sviluppo dell’aereoporto previsto dal VIA e certificato da una Delibera dell’Amministrazione Provinciale di Bergamo (Bettoni, noto comunista e ambientalista sfegatato) è di 6.230.000 Unità di Traffico (somma di passeggeri e merci equivalenti)
    Oggi siamo quasi a 10.000.000 in barba a tutte le leggi e gli impegni
    Secondo i lVIA la popolazione “esposta” sopra i 60 db deve essere max 1350 persone mentre oggi sono decine di migliaia

  34. Scritto da gigi

    Orio strategico per l’economia bergamasca?
    Berlino Tempelhof è stato chiuso, London City ridimensionato e soggetto a precise limitazioni, pur avendo meno problemi ambientali di Orio.
    Eppure l’economia tedesca e inglese vanno meglio di quella italiana
    For5se in Burundi ci sono persone che la pensano come i difensori ad oltranza di Orio

  35. Scritto da giuan de ghisa

    Trasferiamo a Montichiari tutta la Provincia e con un cargo esiliamoli al polo nord (poveri orsi polari). E se avanza posto ci mettiamo anche chi vuole l’interporto a Treviglio Caravaggio.

  36. Scritto da Buonsenso

    A Montichiari bisognerebbe trasferire la parte Cargo insieme a quella follia di interporto previsto a Treviglio-Caravaggio . La Provincia di Bergamo ha esaurito gli spazi , alla malora gli interessi “politici” locali, sono del tutto privi di senso .

  37. Scritto da enrico

    La vicenda dell’aeroporto mi ricorda le industrie tessili in val seriana negli anni ’60-’70: enormi complessi costruiti sui fiumi nei quali riversavano ogni scarto e liquame, portandoli alla morte biologica. Anni dopo, con una normativa ambientale adeguata, abbiamo riscoperto che i fiumi non sono solo una pattumiera. Tra qualche anno ci renderemo conto che con Orio siamo diventati la discarica dei voli del nord Italia, solo per il guadagno dei soliti quattro gatti.

  38. Scritto da Olmo

    A Napoli hanno scoperto molte discariche di rifiuti tossici. A Orio invece i voli tossici sono sotto gli occhi di tutti. Ma noi ci sentiamo migliori: io dico che siamo solo un po’ fessi.

  39. Scritto da salutista

    Olmo: anche tu inquini con la tua auto, la colpa è sempre degli altri?

  40. Scritto da d.o

    Alle chiacchere seguiranno i fatti: a breve inizieranno i lavori della nuova aerostazione degli arrivi e del nuovo parcheggio multipiano al fine di soddisfare il crescente aumento di passeggeri. Con l’arrivo di Lufhansa si potrà creare uno scalo alterntivo a Linate.
    Speriamo che nei prossimi anni si possa allungare la pista verso seriate con copertura del fiume serio.

  41. Scritto da Già che ci siamo

    @5 – Non dimentichiamo l’opzione di spostare il letto del Serio, si potrebbe spianare anche un pò di città alta ……

  42. Scritto da pido

    pattumiera dei voli del norditalia? Che esagerato E Malpensa? e Linate? e Verona? e Treviso? e Venezia? e Torino? e Trieste? e Bologna? e Firenze? e Pisa? e … e!

  43. Scritto da usiamo il cervello

    per 4 e 5
    naturalmente per voi il rispetto della legge è un optional
    Gli abitanti di Redecesio hanno vinto la causa contro la SEA per l’inquinamento di Linate, quindi la merda è giusto spostarla a Bergamo, dove ci sono i citrulli
    Facciamo guadagnare SACBO e paghiamo la cassa integrazione a Montichiari e Malpensa (e prox anche Linate)
    Non ci sono i soldi per far andare i pendolari a Milano e li usiamo per coprire il Serio
    Davvero dei geni

  44. Scritto da Olmo

    @4. Vengo forse a sgommare e sgasare con la mia auto sotto casa tua svegliandoti? Io purtroppo non ho alternative all’uso dell’auto per il lavoro. Ma un aeroporto può essere limitato o dislocato. Certo, chi ci guadagna da Orio non sarà contento, ma i cittadini con gravi disagi sono molti di più. Siamo in una democrazia in cui ogni cittadino vale quanto un altro, non dove il ricco conta più del povero. Quest’ultima frase, ovviamente e tristemente, è una battuta.