BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Creberg Teatro, la nuova stagione tra musical e risate

Da Crozza a Sabina Guzzanti a Paolo Rossi, e poi "Happy days", "Biancaneve" e "Alice". Con una chicca: Peppe Servillo che canta Adriano Celentano

Più informazioni su

Un programma di tutto rispetto. E di tante risate, di tanto musical, un po’ di classico e un pizzico di impegno. La stagione teatrale del Palacreberg di Bergamo che da quest’anno ha cambiato gestione passando alla Promoberg, annuncia un calendario davvero all’altezza. Durante la conferenza che si è tenuta al teatro Donizetti, il sindaco Franco Tentorio ha introdotto la presentazione del programma teatrale annunciando: "Quella che sta per cominciare si presenta come una stagione culturalmente impegnata e con tanti momenti di divertimento. Il Creberg vuole proporsi come luogo di promozione culturale a Bergamo, accanto al Donizetti e al teatro Sociale”.
La stagione aprirà il 15 novembre con il tango argentino di Miguel Angel Zotto, ballerino e coreografo di fama internazionale. Ma da novembre ad aprile sono davvero tanti gli appuntamenti interessanti: la satira pungente di Maurizio Crozza è attesa per il 23 marzo, mentre il 2 dicembre è la volta di Sabina Guzzanti che calcherà le scene con lo spettacolo dal titolo: “si! Si! Oh, si!”, in cui saranno presi nel mirino tutti i politici e i personaggi pubblici che da vent’anni a questa parte hanno scandito la storia del nostro paese.
Il 19 novembre andrà invece in scena la lirica con lo spettacolo intitolato “Arie” con Lella Costa, già nota dal pubblico bergamasco ma sempre molto amata (regia di Giorgio Gallione).
Per quanto riguarda la danza, ce ne sarà per tutti i gusti: dalla danza classica con lo Slovak National Ballet accompagnato dalla musica di Tchaikovski (23 dicembre) fino alla performance del formidabile Ballet de Cuba (3 dicembre), che presenterà nuovi talenti della danza e della musica cubana. Novità anche lo spettacolo di danza della compagnia Parsons Dance (29 febbraio). Mentre un classico resta la “Carmen” di Antonio Gades, che rivoluzionò la visone del flamenco, in scena il 22 febbraio.
Interessante anche il corpo di ballo di Trokadero (10 marzo), compagnia composta da ballerini uomini professionisti di danza classica che si sono posti all’attenzione internazionale.
Grande novità di quest’anno, per il pubblico più smaliziato sarà lo spettacolo di Burlesque “An evening of Burlesque” (28 gennaio), per la prima volta a Bergamo , con un cast di eleganti showgirl che balleranno in costumi stile retrò.
Per quanto riguarda invece il musical, da anni genere privilegiato del Creberg, quest’anno avremo “Biancaneve” (29 gennaio),“Alice nel paese delle meraviglie” (17 e 18 dicembre) e “Aladin” (17 e 18 marzo), con una maggiore attenzione anche al pubblico più giovane, per finire con “Un americano a Parigi”(3 febbraio) ed “Happy days”(15 gennaio) con la compagnia della Rancia per la regia di Saverio Marconi.
Davvero singolare, inoltre, l’esibizione circense del gruppo Mother Africa (15 marzo) diretto da Winston Ruddle che porterà con i suoi 40 artisti tra ballerini, contorsionisti, trapezisti, la magia del circo in teatro.
Per gli spettacoli comici, anche qui nomi noti al grande pubblico con Teresa Mannino (8 marzo), già molto amata e nota al pubblico di Zelig e per le parti comiche recitate al cinema nei film di Vanzina.
Come non ricordare, inoltre, la classica sit-com degli anni ’80 “Tre cuori in affitto” (10 febbraio) di cui viene presentato il remake a teatro, con un cast composto da Paolo Ruffini nel ruolo maschile e Arianna Bergamaschi e Justine Mattera per i ruoli femminili.
Tra gli attori più illustri, il 19 gennaio andrà in scena il monologo di Marco Paolini “Itis Galileo”, in cui si indagherà sui temi di fede, ragione e superstizione.
Per gli appassionati del teatro popolare il 4 febbraio ecco: “Povera gente” con Paolo Rossi e la sua compagnia fondata due anni fa. Tentativo dello spettacolo quello di dar voce ai poveri eleggendoli a “unici protagonisti della società di ieri e di oggi”.
Per i cultori dei grandi classici il 25 febbraio è la volta di  “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare.
Imperdibile lo spettacolo “Memorie di Adriano”con Peppe Servillo che insieme al resto della compagnia si accosterà al repertorio del molleggiato, Adriano Celentano, l’11 febbraio.
Ancora musica il 18 febbraio con Elio e le storie tese, proponendo uno spettacolo in cui ai vecchi successi del gruppo si alterneranno le ultime novità.
Per chi ama la ginnastica ritmica andrà in scena il 3 marzo “Lo sport diventa spettacolo”, in cui danza, musica, nastri e colori si alterneranno in un mix davvero speciale.
Tra gli spettacoli più impegnati: “Amnesia totale” di Marco Travaglio con la partecipazione di Isabella Ferrari, in scena il 21 aprile.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.