BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo ospedale, il conto della Dec “Chiesti 157 milioni in pi??”

In commissione regionale il direttore generale Carlo Nicora e il direttore amministrativo hanno elencato costi ed extracosti: l'appaltatrice ha aperto due contenziosi, da 140 e 17 milioni.

Più informazioni su

(leggi la trascrizione dell’audizione in Regione)

Una cifra è spiccata più di altre, oggi in commissione regionale Sanità, tra quelle elencate dal direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo e dal direttore amministrativo Peter Assembergs, "interrogati" dai consiglieri regionali sul nuovo ospedale di Bergamo: costi, opere da realizzare, infiltrazioni d’acqua, ritardi sui tempi previsti.
La cifra è di 157 milioni di euro e l’ha messa sul tavolo il direttore amministrativo su richiesta del dg Nicora. "Nel 2010 – ha spiegato Assembergs – i due appaltatori dei due bandi principali (si tratta di appalto integrativo e principale, vinti entrambi dalla capofila Dec) hanno aperto due contenziosi in tribunale, sulle cosìddette riserve. Il primo per 140 milioni, il secondo per 17 milioni di euro".
Le riserve, vale a dire tutta quella serie di interventi che la Dec ritiene di aver eseguito in corso d’opera ma che non erano richiesti nei due appalti iniziali. Lavori che andavano fatti, secondo l’azienda, o che in alcuni casi sono stati chiesti espressamente dall’azienda ospedaliera, o dall’Asl, dopo sopralluoghi al cantiere.
Certo, svelare le proprie "riserve" a lavori quasi ultimati è una pratica comune, per qualsiasi impresa edile. Quel che impressiona è la cifra messa in campo dalla Dec. 157 milioni sono più di un terzo del valore dei primi due appalti e sono soldi che vanno comunque a sommarsi ai 340 milioni di euro messi in gara, ai successivi 73 milioni (che hanno portato la spesa per il nuovo ospedale a 413 milioni) e ad una parte degli 85 milioni di euro stanziati ulteriormente quest’anno dalla Regione, parte dei quali dovrebbero proprio servire per coprire i risultati del contenzioso in tribunale aperto dalla Dec.
Una cifra altissima, ma forse in questi casi si spara altissimo per ottenere quel che si vuole. Le indiscrezioni dicono che l’azienda ospedaliera sarebbe disposta a concedere "riserve" non oltre i 50 milioni di euro, dopo una serie di stime che hanno coinvolto anche la direzione lavori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paradise

    @20 Arturo- La stampa dice che “è molto presente nell’edilizia pubblica ed ecclesiastica”

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/07/23/news/san_raffaele_200_milioni_o_fallimento_il_documento_che_fa_tremare_il_vaticano-19507588/

  2. Scritto da Pluto

    Dai ragazzi facciamo una risata ( tragicomica): recuperiamo i 157 milioni con una riduzione percentuale delle pensioni ai Bergamaschi. Tanto la figura dei fessi la dobbiamo sempre fare noi, quindi già che ci siamo…

  3. Scritto da cittadino incavolato

    Ulteriore conferme delle famose tre ” i ” del cavaliere così aggiornate
    Incompetenza
    Inefficienza
    Incapacità
    di tutta la classe politica .
    Tanto chi paga è sempre e comunque il solito cittadino e loro insensibili a tutto non sentono il clima di disgusto e di indignazione che sale dal resto del Paese

  4. Scritto da giampi

    Grazie Lega!!!!!!!! Bela figura
    E noi Bergamaschi ancora a votare lega? Mai e mai più.
    Errare è umano perseverare è da deficienti!

  5. Scritto da MAURIZIO

    Le “riserve” sono normali per ogni impresa edile italiana che lavora in un mercato malato come quello italiano. La colpa è di chi ha commissionato l’ospedale. Se avessimo dato la progettazione a 2 architetti, a 2 ingegneri e a 2 geometri neodiplomati onesti e di buon senso pratico, l’ospedale non avrebbe avuto nessun problema.
    Propongo dimissioni per chi ha commissionato l’opera e cause risarcitorie contro i progettisti.

  6. Scritto da Arturo

    non è che c’era da aspettarsi qualcosa di diverso,visto che la gara per il progetto l’aveva vinta in francese,che Bergamo probabilmente non l’ha mai vista,e l’appalto di costruzione l’ha vinta un’azienda barese con tanti operai extracomunitari e non in regola.A Bergamo abbiamo le migliori imprese di costruzione d’italia,che però la qualità la fanno giustamente pagare,ma si regalano lavori a Bari(perchè costa meno),ma con i problemi che oggi vediamo tutti.Il solito trucco degli aumenti in opera.

  7. Scritto da de Berghem

    Perchè la Provincia non utilizzia le penali, perchè la DEC fa pagare le penali se non consegni a programma e a contratto, siamo stufi di tirare fuori i sghei, e poi chi se ne frega di un ospedale nuovo, ce ne sono già abbastanza al nord, fateli al sud, vai DEC vai al Sud
    bye

  8. Scritto da carmelo

    Cose da ladri con i guanti

  9. Scritto da ezio

    E’ la conferma che abbiamo a che fare con una stragrande maggioranza di incompetenti i 157.000.000 di Euro sono pari a 347 MILIARDI di vecchie lire che forse fa più effetto e sottolinea l’incapacità della direzione lavori.

  10. Scritto da ezio

    mi sono dimenticato di far notare che lo stadio di Torino della IUVE è costato 110.000.000 di Euro qui invence abbiamo lavori extra per 157.000.000. di euro. E’ assurdo forse sarebbe meglio indagare.

  11. Scritto da Terones de Berghem

    Ma da qualche parte verrà licenziato qualcuno o si multa soltanto chi fa accattonaggio ?

  12. Scritto da Zanzibar

    La Dec è quella che dovrebbe prendere un bel pò di milioni dal San Raffaele ?
    https://www.bergamonews.it/lombardia/articolo.php?id=47520

    A occhio mi sembra meno impervio portarli a casa a bergamo che non a milano.

  13. Scritto da Osvaldo

    E Formigoni cosa dice ?

  14. Scritto da Fabrizio

    Mi chiedo come si possa sbagliare un progetto in questo modo…..

  15. Scritto da Beppe

    E io pago……altro che sud Italia….Bergamo terra della Lega…..alla faccia

  16. Scritto da paolino

    semplicemente vergognoso………………………..mi vergogno di esserebergamasco e magutt

  17. Scritto da e

    però!, sono morigerati nei prezzi.
    Lasolita storia: lo Stato vacca da mungere?

  18. Scritto da val brembana

    solo sei giorni fa Belotti diceva che tutti i problemi erano risolti,parola di galantuomoì

  19. Scritto da sergio

    Mi viene un forte dubbio: ma è veramente uno sbaglio o è una scelta pragmatica? Visto i precedenti in materia di finanziamenti per le opere pubbliche …

  20. Scritto da il polemico

    @1.beh,quando i calcoli d’opera sono in mano a gente che ok sarà pure laureata,ma che non sanno fare bene il loro lavoro,chiaro che poi succedono ste cose.se poi ci aggiungiamo che una ditta,pur di vincere l’appalto ,preventiva prezzi stracciati,sapendo poi che con l’avanzare dei lavori,i costi sono quasi sempre destinati ad aumentare,il risultato è questo…..157 milioni appunto

  21. Scritto da Tuditanus

    La cifra che si prevede di realizzare con la vendita degli attuali Ospedali Riuniti è pari a circa 80 milioni, la metà dei soli extra-costi richiesti per la cosiddetta nuova sede.
    Un bilancio a dir poco geniale, non c’è che dire.
    Bisogna bloccare la svendita all’asta di largo Barozzi.
    In una situazione come l’attuale, se l’asta dovesse essere comunque indetta, finirà con il diventare materia della Magistratura penale.