BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carenza di personale e non solo: poste in sciopero

Dal 3 al 30 ottobre gli impiegati di Poste Italiane protestano per il modo di gestire l'azienda, attraverso il blocco delle prestazioni straordinarie per evidenziare i difetti e costringere a migliorare il servizio.

Più informazioni su

Si preannuncia un ottobre critico per i servizi delle Poste Italiane in Bergamasca (come in tutta Italia): gli addetti degli uffici postali ed i portalettere incrociano le braccia a livello nazionale dal 3 al 30 ottobre. Anche se più che di sciopero, si parla di non fare più di quanto dovuto: l’obiettivo della protesta – che verrà accompagnata da manifestazioni ed assemblee – sono infatti le prestazioni straordinarie. I sindacati di categoria di Bergamo – Slp-Cisl, Uilpost, Confsal, Com e Ugl – hanno diffuso un comunicato per spiegare i motivi della protesta e le sue conseguenze sui cittadini, che andranno inevitabilmente incontro a disagi: “Con la vertenza in corso e con il rispetto del proprio orario di lavoro da parte di tutti i dipendenti di Poste che porterà ad evidenziare le carenze negli organici, sono a rischio: il regolare recapito della corrispondenza nelle zone prive di titolare, il recapito dei quotidiani al sabato (che in molte realtà viene effettuato con gli straordinari) e lo smaltimento delle code agli sportelli negli orari di chiusura al pubblico”. Lo scopo della protesta è quindi quello di evidenziare le debolezze di Poste Italiane, che – sempre nel comunicato – viene definita “incapace di dare risposte in un mercato in forte evoluzione che sta portando gravi demotivazioni fra i lavoratori per il mantenimento dei livelli occupazionali e riguardo alle prospettive future”. Una volta che tali fattori negativi verranno messi in luce dalla protesta, si auspica di raggiungere “una migliore offerta dei servizi al pubblico, trovando una soluzione ai molti problemi che attualmente ne frenano lo sviluppo e creano disagi ai lavoratori di tutti i settori aziendali ed alla clientela”. Con riferimento al territorio bergamasco, si fa notare una grave carenza di organico: gli uffici orobici hanno una carenza di 160 lavoratori, tra impiegati e consulenti (85) ed addetti al recapito ed alla ripartizione della corrispondenza (75). Questo difetto di personale ha varie conseguenze, come spiega il comunicato: “i lavoratori sono costretti giornalmente a subire distacchi in altre sedi per assicurare l’apertura giornaliera ed i servizi alla clientela (spesso senza che l’azienda provveda al pagamento delle spese di trasporto e di trasferta). Inoltre i portalettere, obbligati ad effettuare oltre al proprio lavoro anche quello di colleghi assenti per diverse ragioni, vedono aumentare il proprio impegno giornaliero, cosa che evidentemente mette a rischio la consegna quotidiana della corrispondenza”. La nota diffusa dai sindacati puntualizza altri gravi difetti di Poste Italiane, quali “gravi e continue inadempienze in merito alle disponibilità immobiliari, ai mezzi di trasporto ed alla sicurezza” ed “una piattaforma tecnologica non adeguata”, mentre si diffonde il fenomeno del pensionamento anticipato accompagnato da una mancanza lunga 10 anni nella copertura del turn-over. Lapidario il giudizio finale mosso dai sindacati nei confronti dell’azienda, che mostra una “doppia verità: una esterna che sbandiera utili di bilancio ed una interna dove, invece, vengono manifestate difficoltà economiche e di ricavi che portano ad una continua riduzione degli organici (con perdita di qualità dei servizi) e degli investimenti”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dipendente postale

    i dipendenti delle poste sono fannulloni!!! io lavoro e parecchi miei colleghi passano le giornate in internet o lavorano a ritmi ridotti!!!!
    è ora che ci svegliamo!!!!
    la maggior parte delle persone si affida a DHL e spedizionieri privati… costano qualcosa di più ma il servizio è differente!!!

  2. Scritto da IC

    Eppure ci sono domande di assunzione ai sensi della legge 68/99 che non ottengono risposta.

  3. Scritto da postino

    con tutti i tagli che l’azienda ha fatto è gia’quasi un miracolo che la posta venga consegnata anche se molto male e non sia saltato ancora tutto…

  4. Scritto da stefano rossi

    Tutti protestano non erogano servizi e il cittadino la piccola impresa subisce!!!!!! LAVORATE COME TUTTI QUANTI E BASTA!!!!!!!!!! e’ ora di finirla che a pagare dei disservizi per gente che lavora al ritmo di una lumaca basta!!

  5. Scritto da MARIA INFO@MARIA

    non c è carenza di personale, c è carenza di voglia di lavorare, quando vai in posta ti alzi in punta di piedi per vedere se cè il solito impiegato, che non ti ostia se sbagli e che si sbatte per gli altri 4 che girano a vuoto aiuto brunettaaaa….