BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche Moody’s declassa l’Italia

Dopo Standard&Poor's il nuovo 'schiaffo' arriva da Moody's che declassa l'Italia da Aa2 ad A2. Berlusconi: andiamo avanti.

Più informazioni su

Dopo Standard&Poor’s il nuovo ‘schiaffo’ arriva da Moody’s. Poco meno di 2 settimane dopo il taglio del rating sul debito italiano da parte di S&P, è la volta di Moody’s a declassare da Aa2 ad A2 il ‘voto’ sull’Italia. Con l’aggravante di un outlook, cioé una prospettiva futura, negativo. A pesare su una valutazione che vede Roma unica capitale del G7 così in basso, sono – spiega l’agenzia americana – "le incertezze economiche e politiche" che mettono a rischio il raggiungimento da parte del governo degli obiettivi di risanamento del bilancio.
"C’é una crescente incertezza per il governo nel raggiungere gli obiettivi di consolidamento di bilancio – spiega infatti Moody’s – Più della metà delle misure di consolidamento sono basate sulla crescita delle entrate, i piani sono vulnerabili per l’elevato livello di incertezza intorno alla crescita economica in Italia e ovunque nella Ue. Inoltre – proseguono gli analisti della agenzia di rating – il consenso politico sui tagli aggiuntivi alla spesa può essere difficile da raggiungere. Ne consegue che il Governo potrebbe trovare difficile generare quell’avanzo primario necessario per ridurre sostanzialmente il trend del debito pubblico e degli interessi". L’economia italiana, inoltre, continua ad essere caratterizzata da "debolezze strutturali", ostacoli alla crescita "che non possono essere rimossi velocemente" e che rendono il Paese più "suscettibile" agli shock finanziari. Il "rischio di default" – osserva Moody’s – "é remoto", ma "la vulnerabilità è aumentata".
Il downgrade dunque "riflette il peso di rischi crescenti" nonostante "alcuni aspetti positivi", tra cui "la mancanza di significativi squilibri nell’economia o di forti pressioni sui bilanci del settore finanziario privato e non privato, così come le azioni intraprese dal governo dopo l’estate". Immediata la reazione del Governo. "Andiamo avanti, si lavora sulle misure per la crescita e proprio oggi l’Europa ha approvato quello che stiamo facendo", ha commentato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Mentre una nota di palazzo Chigi ha fatto sapere che "la scelta di Moody’s era attesa" e che "il Governo sta lavorando con il massimo impegno per centrare gli obiettivi di bilancio pubblico". Obiettivi "che sono stati oggi accolti positivamente e approvati dalla Commissione europea".
E altrettanto immediato il commento del principale partito di opposizione, il Pd. "Il declassamento – dice infatti il segretario Pierluigi Bersani – è una mazzata. L’Italia è meglio di quel rating, ma se non c’é un cambiamento la sfiducia rischia di tirarci a fondo". Gli occhi ora sono tutti puntati sull’apertura dei mercati. Mercati che, non riuscendo a intravedere una soluzione alla crisi della Grecia e con il settore finanziario particolarmente sotto pressione, in questi giorni stanno segnando performance particolarmente pesanti. L’attesa, il timore, si chiama effetto-Italia.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rello76

    @5 se sei tranquillo tu, siamo tutti + tranquilli …

  2. Scritto da andrea

    il fatto che moody ha declassato l italia non mi preoccupa minimamente,anzi…
    moody è quella società che il giorno prima della crisi americana ha dato una tripla a alle banche americane e poi conosciamo come andò a finire,meno male che ha penalizzato l italia sono molto meno preoccupato.

  3. Scritto da rello76

    @3 : Ma infatti, non guarda chi governa, ma come va l’economia nel paese … Essendo pero’ il governo che traccia le linee guida dell’economia di uno stato, si puo’ dire che il duo PDL-LEGA (al potere da 20 anni) ha svolto male il suo lavoro. Ma siccome e’ IMPOSSIBILE che abbiano lavorato male, la colpa deve essere per forza dei comunisti di Moody’s che non capiscono bene quanto di buono Lui abbia fatto per l’economia del paese in questi anni.

  4. Scritto da fiore

    bella la battuta del n.1, la realta’ è diversa, Moody aggiunge o toglie punti rating senza guardare chi governa, sinistra o destra. Questo è quanto, poi se vogliamo ridere lo stesso…ah ah ah ah

  5. Scritto da rello76

    Maledetto Moody’s comunista ! e’ cascato anche lui nella trappola dei pm di sinistra e dei giornali di sinistra e delle escort di sinistra !
    non e’ che facciamo schifo… e’ che gli altri sono comunisti !

  6. Scritto da Achille Aiace

    Bravo rello76 l’hai detta giusta!!