BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prefabbricati Cividini, i sindacati dal Prefetto

Nella mattinata di marted?? 4 ottobre i sindacati Cgil, Cisl e Uil insieme alle Rsu dell'azienda sono stati ricevuti in Prefettura.

Più informazioni su

A rischio ci sono 146 posti di lavoro, per questo motivo i dipendenti della Prefabbricati Cividini non abbassano la guardia e nella mattina di martedì 4 ottobre i rappresentanti dei sindacati confederati e le Rsu sono stati ricevuti da Prefetto di Bergamo, Camillo Andreana.
L’incontro si aggiunge a quelli avvenuti nelle settimane scorse con i rappresentanti di Provincia, Comune di Osio Sopra e Regione Lombardia e con i funzionari del Ministero dello Sviluppo Economico. Il messaggio è sempre lo stesso: "l’azienda non deve chiudere".
Mentre Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, insieme alle Rsu, discutevano negli uffici della Prefettura, in via Tasso i lavoratori dell’azienda che rischia la chiusura e la perdita di tutti i 146 posti di lavoro hanno tenuto un presidio. I dipendenti sono arrivati attorno alle 10.30 con un pullman direttamente dallo stabilimento di Osio Sopra e sono rimasti davanti alla Prefettura fino a mezzogiorno.
"In tempi molto rapidi dalla nostra richiesta di incontrarlo, il Prefetto ci ha ricevuto" spiegano i rappresentanti dei sindacati degli edili provinciali Angelo Chiari della Fillea-Cgil, Mario Colleoni della Feneal-Uil e Silver Facchinetti della Filca-Cisl.
Ci ha dimostrato il proprio interessamento e ci ha garantito che seguirà l’andamento della vertenza Cividini di concerto con le altre istituzioni locali e le organizzazioni datoriali – aggiungono i sindacati di categoria -. Come già gli altri rappresentati delle istituzioni che abbiamo incontrato in queste settimane, anche oggi in Prefettura abbiamo raccolto la sorpresa e le perplessità per la decisione di chiudere un’azienda come Cividini".
Per sostenere la vertenza e tenere alta l’attenzione sulla vicenda, venerdì 14 ottobre è in programma un concerto della Famiglia Rossi: l’appuntamento è a partire dalle 20 nell’area feste di Osio Sopra (con servizio di bar e pizzeria). 
Lunedì 17 ottobre alle 17, si terrà, poi, un seminario pubblico nella sala del Consiglio della Borsa Merci, organizzato dai tre sindacati Uil, Cisl e Cgil.
Sono stati invitati i parlamentari bergamaschi, i segretari dei partiti provinciali, Confindustria, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, l’assessore provinciale Enrico Zucchi e il direttore dell’ufficio diocesano per la Pastorale sociale, del lavoro e dell’economia, don Francesco Poli.
Un secondo incontro pubblico è in calendario per mercoledì 19 ottobre, alle 20.30, ad Osio Sopra, nell’auditorium del Comune. Al centro della discussione, proprio il tessuto produttivo di Osio, tra le crisi di Cividini e Trocellen.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.