BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ma il Pd cosa dice sull’articolo 8?”

Il segretario lombardo della Fiom Cgil, il bergamasco Mirco Rota, interviene nel dibattito sull'addio di Marchionne a Confindustria e lancia una provocazione al Partito democratico.

Più informazioni su

Il segretario regionale lombardo della Fiom Cgil, il bergamasco Mirco Rota, interviene nel dibattito sull’addio di Marchionne a Confindustria e lancia una provocazione al Partito democratico.

Gentile redazione,

scrivo per proporvi una riflessione sull’

uscita di Marchionne da Confindustria

e sulle conseguenze politiche di questa decisione. Abbandonando l’associazione degli industriali, l’amministratore delegato della Fiat non sarà più tenuto ad applicare gli accordi con Cgil, Cisl e Uil e nemmeno i contratti collettivi nazionali.

Questo significa che deciderà da solo, ricattando i lavoratori, la gestione degli orari e delle retribuzioni, con un pericoloso e reale rischio di perdita dei diritti conquistati in decenni di lotte e contrattazioni

. Un colpo di mano che rischia di cancellare l’intera storia del movimento dei lavoratori.

Come Fiom Cgil avevamo previsto questo scenario già un anno e mezzo fa

, mettendo tutti in allerta e facendo tutto quel che potevamo per cambiare il corso degli eventi.

Ora, di fronte alla decisione di Marchionne, al grave declino del mercato del lavoro, inserito in una crisi che, nonostante le molte rassicurazioni e i pomposi annunci dei mesi scorsi da parte del governo, è molto lontana dal finire, ci chiediamo: che cosa intende fare la politica? E quando parliamo di politica ci rivolgiamo in particolare al Pd, principale forza politica di opposizione a questo scandaloso e irresponsabile governo.
Dopo lo sciopero del 6 settembre scorso, attorno al quale c’è stato un grande dibattito anche con l’opposizione (ricordiamo l’inspiegabile spaccatura all’interno dello stesso Pd per l’adesione alla mobilitazione promossa dalla Cgil), ci troviamo con un governo che ha inserito nella manovra finanziaria il vergognoso e ingiusto articolo 8 che di fatto consente alla contrattazione aziendale di derogare alle regole in materia di licenziamento disciplinate dall’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, fino al punto di non applicare i contratti nazionali di categoria. Non si può certo dire che questo articolo serva per rilanciare l’economia. E non è servito nemmeno a far restare Marchionne nella Confindustria.
Chiediamo quindi al Pd: se questo governo cadrà, e noi ovviamente ci batteremo per fare in modo che questo avvenga il prima possibile, vi prenderete l’impegno di con i lavoratori di cancellare questo articolo? Oppure anche su questo ci sono titubanze?
Vorremmo una risposta chiara ed efficace al riguardo. Non credo, infatti, che si possa dire di essere all’opposizione di un governo come questo – colpevole di totale incapacità nel rilancio dell’economia e dell’occupazione italiana – senza impegnarsi a fare qualcosa di concreto.

Mirco Rota
Segretario Generale
FIOM – CGIL Lombardia
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Hllucination

    @18 Carolus, secondo me i funghi messicani dovrebbero proibirli .

  2. Scritto da Carlo

    20) Allora Bersani lo farà cancellare l’art. 8 se andra al Governo? speriamo…. Alle prossime elezioni? noi saremo in pochi ma voi se continuate così farete la fine di Milano e Napoli………

  3. Scritto da Carlo

    Luciano hai ragione il vero alleato di Bossi non è che D’Alema. La Lega una costola della sinistra: esemplare.

  4. Scritto da luciano015

    Sono questi bambinoni estremisti che mantengono i Berlusconi alla guida di questo paese.
    Pronti a discutere, a patto gli si dia sempre ragione.
    Parlano del 2011 come se fossimo nel 1811.
    Interpreti di un mondo postindustriale con criteri da società agricola medioevale.
    Quando si sveglierannno, sarà sempre troppo tardi.
    E forse potrà essere un po’ meglio per quanti si affidano loro.
    In realtà il loro alleato naturale, in quanto rivolti al passato, è la Lega di Bossi.

  5. Scritto da Carlo

    Ma Rota non ti sei ancora accorto di cosa è il PD? ma se su Mirafiori e su Pomigliano hanno detto di votare SI al referendum pro Marchionne..

  6. Scritto da Marcello

    Marilena, il PD è un partito di permalosi. Vorrebbero governare il paese senza che nessuno gli possa fare mezza critica e mezza osservazione. Non hanno mezza idea di cosa fare per chi lavora, si fanno vedere una volta ogni 4 anni davanti a 3 fabbriche e solo per questo pensano di essere IL PARTITO DEL LAVORO. Ma la gente non è fessa. Sono ormail inseriti a pieno titolo nel sistema e per lavoro intendono, Marchionne, Della Valle, Unipol ecc….questi sono i loro referenti.

  7. Scritto da Rossi&Turigliatto

    Come al solito , la “provocazione” la lanciano al PD, che per altro sul tema si è già espresso.
    Chissà perchè .

  8. Scritto da alberico

    il PD è un partito nuovo, che non vuole farsi dettare la linea dalla FIOM.
    Con Rota e Bresciani vogliamo dialogare, ma nel rispetto dei propri ruoli. La lettera di Rota (iscritto a SEL) era una provocazione politica. Solo questo volevo dire.

  9. Scritto da Carlo

    15) si è già espresso il PD? dove? quando? E poi certo che la Fiom si rivolge all’opposizione perchè quello che pensa il Governo è chiaro. Ha fatto la legge, quindi è tutto chiaro. Ma è dall’opposizione che uno si aspetta qualche cosa di diverso. Altrimenti che opposizione è? opposizione a chi a che cosa per quale obbiettivo. Dai facciamo una ragionamento serio una volta.

  10. Scritto da Carolus

    Qualunque cosa dica il PD è frutto di una visione del mondo finita con il crollo del comunismo e dell’URSS.
    Solo in Italia i compagni continuano nella loro marcia di demolizione della democrazia che per loro è rappresentata solo dal partito unico. il PCI.

  11. Scritto da Cicce Fraina

    Il comunismo è fallito ed ha lasciato la mano tutto sommato in modo abbastanza incruento.Il capitalismo “alla Berlusconi” sta finendo e la tragica situazione che c’è fa pensare che andrà a finire male.Se il comunismo distribuiva bene la ricchezza ma non sapeva crearla il capitalismo crea ricchezza ma non sa distribuirla.Speriamo di riuscire a liberarci di Berlusconi e dei suoi fanatici prima che sia troppo tardi e di tornare ad essere una repubblica democratica vera come siamo stati prima di lui

  12. Scritto da Rossi&turigliatto

    @17 Carlo, non fare il furbo, ti basta fare un giro su internet , Bersani era in piazza contro l’art.8 . Alle prox elezioni meno siete e meglio è per tutti. Non voglio altri 20 anni di berlusconi.

  13. Scritto da Alessandra

    Sarebbe utile sapere cosa fara’ il PD quando sara’ al Governo. Certo che qualche cosa di diverso deve fare rispetto a Berlusconi altrimenti perche’ votarlo. O no?

  14. Scritto da Enzo

    L’unica voce chiara e’ stata la CGIL e la Camusso. Bersani non si e’ ancora espresso……. Vediamo se ha qualche idea sull’art. 8 dopo la decisione FIAT.

  15. Scritto da Gaetano Bresci

    marchionne fa il suo lavoro di capitalista tatcheriano, è il sindacato che con la logica della concertazione e della delega ha annichilito l’ iniziativa e l’autodeterminazione operaia e ora mendica consensi da una “sinistra” liberista ormai aggregata al capitale.

  16. Scritto da Tiberio Cron

    @2 Sig.PIO Io ero un tecnico direttivo in azienda manifatturiera privata,a 27 anni ero già direttore di stabilimento (senza raccomandazioni..casi della vita).Qualche lazzarone c’è sempre dappertutto ma il “tutti lazzaroni” non esiste.Chi comanda deve essere d’esempio per tutti i suoi sottoposti altrimenti la fabbrica non gira.I sindacati hanno anche loro molte responsabilità sulla situazione attuale ma,mi creda,il fattore umano è sempre il più importante e così non va bene cancelliamo Marchionne

  17. Scritto da Carlo

    1) Nel PD comandano gli iscritti. E’ gia’ una notizia……..ma il PD e i suoi iscritti vogliono cancellare l’art 8 oppure sono concordi con Sacconi? Per mantenerlo?? Tutto qui almeno alle elezioni chi vota lo sa e si regola…..

  18. Scritto da roberta

    Berlusconi è ossessionato dalla patonza.
    Rota è ossessionato dal PD.
    Ognuno si sceglie le manie che preferisce…

  19. Scritto da alex

    Rota, ma prima di scrivere vatti a rileggere lo stesso bergamonews!!
    Eccolo qua, cosa dice il PD sull’articolo 8.
    Evidentemente hai tanto tempo che ti avanza…

  20. Scritto da alex

    scusate, ecco il link:
    https://www.bergamonews.it/bergamo/articolo.php?id=46830

  21. Scritto da Alvaro

    Io votero’ chi nel programma dira’ che e’ contro il colegato lavoro e contro l’ art.8 cioe’ contro Marchionne e chi vuole farmi lavorare come un pezzente.

  22. Scritto da marilena

    per 1 alberico. spero che lei non sia del pd e se invece lo è, allora capisco ancora di più perchè questo partito non è più di sinistra….lei vuole chiudere la bocca alla gente!

  23. Scritto da PIO

    Domanda a Mirco Rota ma vorrei capire la confindustria,confartigianato,ecc,ecc,confcommercio,dove io ero iscritto non ho ben capito a cosa servono perchè non ho mai ricevuto nessun aiuto,privilegio,agevolazione,ecc,ecc anzi l’opposto.
    Rota lei non pensa che sia colpa dei sindacati se migliaia di lazzaroni sono annidati nelle aziende a parassitare lo stipendio?
    GRAZIE

  24. Scritto da alberico

    ma a te Rota cosa interessa cosa dice il PD? Non risulta che tu sia iscritto al PD quindi non fare tanto la voce grossa che nel PD comandano gli iscritti e gli elettori (con le primarie).
    La CGIL che dà gli ordini è cosa del passato, almeno lo spero.