BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Jannone: Cartiere Pigna fuori da Confindustria

Lo annuncia il bergamasco Giorgio Jannone, presidente e amministratore delegato, nonch?? parlamentare di maggioranza e presidente della commissione di controllo sugli enti previdenziali.

"Cartiere Paolo Pigna Spa, azienda leader in Italia nel settore cartotecnico, fondata nel 1870, uscirà da Confindustria". Lo annuncia il bergamasco Giorgio Jannone, presidente e amministratore delegato delle Cartiere Pigna, nonché parlamentare di maggioranza e presidente della commissione bicamerale di controllo sugli enti previdenziali. Dopo la Fiat, dunque, anche un’altra importante azienda del Nord lascia l’associazione di viale dell’Astronomia. "Confindustria – spiega Jannone – deve rappresentare tutti gli iscritti, senza assumere posizioni marcatamente politiche, e senza porre ultimatum al governo, senza avallare candidati politici o annunci a pagamento. Poiché mi trovo, unico in Italia, a essere nel contempo parlamentare di maggioranza e presidente di una grande industria iscritta a Confindustria da oltre un secolo, ritengo che la nostra uscita, dopo quella di Fiat, possa rappresentare un segnale non privo di significato". L’imprenditore ricorda che "Pigna è tra le aziende che fondarono Confindustria ed è una delle più antiche industrie d’Italia, essendo stata costituita nel 1870. Credo che tutti conoscano il nostro marchio e che anche la Marcegaglia abbia studiato sui nostri quaderni, come buona parte degli italiani. Crediamo di meritare più rispetto e per questo dal 1 gennaio 2012 non parteciperemo più a Confindustria, la cui iscrizione, tra l’altro, rappresenta un onere per tutte le imprese italiane non indifferente, essendo parametrata sul monte salari. Quando si parla di costi e di tagli, forse è bene farlo per primi in casa propria, anche nel mondo delle associazioni".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pippo

    Il problema e’ culturale. Fintanto il povero pensa che eleggendo il ricco diventerebbe più ricco anche lui, la truffa rimarra. Perché e’ insita nella credenza che chi sta già bene si accontenti quindi si occuperebbe dei meno abienti. Quando invece il senso di responsabilità e’ grande ci si sceglie sulla base della verifica dei risultati.

  2. Scritto da fm

    Adesso le preferenze sono un male mentre la lista bloccata sulla base dei desiderata di un capo partito è una garanzia di buon governo? Di fronte alla testa di certa gente viene voglia di prendere e andarsene finchè c’è tempo per farlo. Che è quello che fa Marchionne, per chi non ci fosse arrivato. Marchionne ha fatto una scelta: la FIAT E’ UNA MULTINAZIONALE e come tale va dove HA LE CONDIZIONI CHE RICHIEDE. Altrimenti cambia paese. Non ha più interesse a “costruire” un Paese. SVEGLIA!!!!

  3. Scritto da FV

    @fm condivido il tuo commento. In Jannone si vede nettamente il conflitto di interesse tra politico del PdL e imprenditore.

  4. Scritto da Luigi Val seriana

    L’Italia e Bergamo meritano di piu’ questa confindustria! C’e ‘ molto da fare e secondo me jannone ha ragione per ubi e per Confindustria. Forse pero’ non e’ il momento per le polemiche !

  5. Scritto da Preferenze=clientele

    @49 vuol dire che si torna alla prima repubblica quando venivano eletti solo i ricchi o gli sponsorizzati da quanche industriale che ovviamente poi presentava il conto! Lo sanno anche gli asini il motivo per cui quel sistema è stato sotterrato! e poi pensa che i condidati da sottoporre a preferenza li scelga il popolo? Utopia.

  6. Scritto da carlo

    cmq ha avuto coraggio!

  7. Scritto da nn

    Marcegaglia smettila di pensare alle pensioni a alla politica e fai l’imprenditore. Se nei sei capace!

  8. Scritto da de che del Sere

    @43 per raccogliere le preferenze ( mi spieghi perchè i deputati devono essere calati dall’alto in base alle simpatie dei capi ) i deputati devono andare sul territorio, in mezzo alla gente a parlare di problemi e di proposte. E dopo 5 anni tornare a chidere il consenso in base a quello che hanno fatto, non hanno fatto o hanno omesso di fare per il terrirorio che li ha mandati a Roma; non le piacciono le preferenze? si facciano le primarie quelle serie però e Jannone starà comunque a casa!

  9. Scritto da Maurizio

    Perchè ? L’uscita Pigna non è politica visto che il capoccia è pure rappresentante del PDL ?

  10. Scritto da Matteo80

    Confindustria si dovrebbe occupare soltanto delle aziende, e non certo di politica. Se sono le riforme che le interessano, dovrebbe pensare a proporre qualcosa di serio. Bene hanno fatto Jannone e Marchionne che si sono sganciati da una realtà che va dove tira il vento, senza avere di mira dei progetti concreti per il futuro.

  11. Scritto da de che del Sere

    Iannone è uno di quei parlamentari che se venisse reintrodotta la preferenza e non la designazione dall’alto, starebbe a casa.

  12. Scritto da Rossodentro

    Vedere i padroni che littigano tra loro e anche divertente. Peccato che loro divisioni scompaiono quando c’è da massacrare i lavoratori. La Marcegaglia e Marchionne hanno in testa la stessa cosa: estendere a tutti i lavoratori il modello Pomigliano. La Marcegaglia in modo graduale e, se possibile, con l’accordo dei sindacati. Marchionne lo vuole fare da subito. Tutto ciò dimostra che la Fiom aveva ragione. I lavoratori devono difendere i propri diritti e non affidarsi alla “bontà” dei padroni.

  13. Scritto da ma per favore

    per socio furiuso: ma guardi solo il grande fratello e Emilio fede? adesso i commenti sono tutti di una mano sola? tutti comunisti anche i lettori dei Bergamo news vero? e poi poco credibili i nostri commenti? Certo credibile è Jannone, il piano Robinson, 20 anni di forza italia, gli spread sui titoli di stato italiani. Parli di credibilità: tutti i giornali del mondo parlano di un paese governato da gente non credibile.

  14. Scritto da nicola r

    finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire la verità ! ma come si fa a organizzare l’assemblea all’aeroporto, con quali costi ? perchè a così breve distanza dall’altra assemblea di bergamo ? vengono create queste inutili e costose vetrine con i soldi di noi iscritti !!!
    ha ragione da vendere jannone !!!

  15. Scritto da ConfPdl

    Anch’io aspetto con ansia che esca finalmente da tutto , soprattutto dalla politica dove prende soldi anche miei.
    Come tutti coloro che sono parte integrante di una maggioranza parlamentare che ha portato alla rovina l’italia .
    Sciò.

  16. Scritto da domanda schietta

    Ma confindustria in effetti a cosa serve?

  17. Scritto da giovanni

    Lo Jannone? Chi quello che ha fatto le sue fortune in politica candidato in collegi blindati in cui non si è mai fatto vedere dai cittadini? Cavolo da che pulpito il sermone.
    E poi reintroduciamo le preferenze e vediamo se i gli Jannone saranno rieletti, io scommetto di NO!

  18. Scritto da Amilcare

    Jannone in 20 anni di politica non ha mai fatti nulla ne’ per Bergamo ne’ per l’Italia pero’ predica…La povera Marcegaglia ha tentato di smuovere le coscienze di questi incapaci politici e l’accusano di fare politica. Ora capiamo perché l’Italia e’ così mal ridotta.
    Auguri a tutti quelli di buona volontà…

  19. Scritto da fm

    Grazie Jannone.
    Hai ben chiarito qual’è la tua scelta con un esempio che vale più di mille parole: la tua scelta è la politica e tutto il resto le è funzionale. Quindi, caro Giorgio, è questo che ci dobbiamo aspettare anche dal tuo progetto in UBI? Una sana posizione politica anche nella banca? Cosa faresti? Taglieresti i fidi a chi non appoggia il PdL? Se si parla contro il governo si alza lo spread del 2%?
    Se i Bergamaschi hanno le orecchie e occhi aperti hanno capito dove si va a parare.

  20. Scritto da Davide

    Confindustria o non, io spero che Jannone esca dal parlamento italiano perchè non lo considero la persona giusta al posto giusto.

  21. Scritto da birillo

    Un imprenditore parlamentare che esce da Confindustria mi fa pensare che di politica capisce poco e che ha una visione molto miope della realtà attuale. In questi momenti bisogna esserci e non scappare!

  22. Scritto da marco r leffe

    molto intelligente e astuto ha avuto uno spazio enorme su tutti i media italiani e stranieri ed ha stoppato la marcegaglia. lo seguiranno in molti e complimenti anche per il coraggio nell’andare contro i poteri forti ( e vecchi) di bergamo

  23. Scritto da Preferenze Bufala

    @37 hai ragione, probabilmente gli Jannone non saranno rieletti con le preferenze, quello che mi preoccupa e che saranno eletti tanti Penati!!! Preferenze=Clientele Lo slogan voto chi conosco è pura fantasia e vale solo nei comuni!

  24. Scritto da Preferenze=clientele

    @44 non esiste il sistema perfetto…ma le preferenze proprio mi paiono un brutto ritorno al passato. Condivido sulle primarie.

  25. Scritto da Anna

    Ma Jannone è quello che ha fatto togliere i cartelli pubblicitari della pigna per mettere quelli di “azionisti ubi”? chi li paga quei manifesti? Ancora la pigna? e poi: Se ci tieni tanto al prodotto pigna, perché togliere la pubblicità e mettere quella per cui avrai – forse – una banca in mano se non per interesse? Jannone, tutto, tranne che un politico che ha con il territorio un rapporto.

  26. Scritto da e

    @45 “brutto ritorno al passato” le preferenze? E che vul dire?
    Certo che ogni sistema ha le sue pecche, ma tra quello passato e questo attuale non ho dubbi: le preferenze.
    Se uno vuole può chieder conto a chi ha votato.

  27. Scritto da venezuelano

    Infatti meglio iscriversi all’unione industriali di Caracas.

  28. Scritto da ex PDL

    operazione prettamente politica,per non usare termini più appropriati diciamo una sviolinata al GOta del PDL.

  29. Scritto da silvio abete

    Confindustria? Cribbio, un altro covo di comunisti! Dopo i magistrati rossi, dopo i vescovi rossi, individuata un’altra tana di sovversivi.

  30. Scritto da darkl

    Da un “imprenditore” politico arriva questa lezioncina?
    Jannone ma credi che siamo tutti fessi ?
    Allocchi?
    Ciucci?
    E meno male che qualcuno ti ha stoppato sulle tue “preoccupazioni” per Ubi….

  31. Scritto da RISPETTO??

    “meritare più rispetto” ma Jannone quanto prenderai di pensione da parlamentare alla fine della tua gloriosa carriera politica? cioè tra pochissimo???? Più rispetto per i cittadini e i lavoratori che pagano le tasse per mantenere certi privilegi!! ma per favore che rispetto per le persone per bene avete avuto voi di forza italia?? ci lasciate un paese quasi fallito. Ma è incredibile parla.. di rispetto….

  32. Scritto da ISCRITTO A CONFINDUSTRIA

    Finalmente una bella notizia. Sentivo un certo disagio a condividere il mondo associativo con certa gente. Bene Emma picchia duro contro la casta!

  33. Scritto da gio

    anziché continuare a dare soldi pubblici agli imprenditori , perché cribbio non li fate fallire, così l’Italia si risolleva radrizzate le finanze in 3 mesi.

    poi questi andranno a Caracas per corrompere e fare affari sulla pelle dei morti di fame. Questo fa senso, domenica andate a messa, ma ricordatevi domani sarà un giorno più vicino alla morte

  34. Scritto da lavinia

    potete spiegare in modo approfondito quali siano e vantaggi e gli svantaggi dell’appartanenza all’associazione di confindustria ed i costi di adesione. grazia

  35. Scritto da marco

    parliamoci chiaro: ma confindustria che benefici porta realmente alle aziende? critica ora cercando di mettersi dall’alatra parte e perchè è comodo farlo, ma la realtà e che fa parte e ha fatto parte di questo tessuto che ora cerca di scucirsi a tutti i costi dal petto!

  36. Scritto da Luca

    Di certo si risparmia un bel pò di soldi inutilmente spesi.

  37. Scritto da giovanni

    La cosa non mi appassiona molto, ma vorrei solo far notare a questo “signorino”, che quando D’Amato, Fossa, ecc, da presidenti della Confindustria sparavano a zero contro i governi Prodi o D’Alema, gli industriali applaudivano.
    Siamo tutti bravi a fare i capitalisti con il denaro pubblico!!!

  38. Scritto da BASTA!!!!

    Attendo con ansia di poter commentare un articolo che annuncia che Jannone è fuori da tutto, non solo da Confindustria……

  39. Scritto da !

    E il bello di questo personaggio è che noi tutti,lo paghiamo e molto. Quando finira sta storia?!

  40. Scritto da gh1

    Jannò ma te ne porti dietro di nemici eh? E te ne fai sempre più!

  41. Scritto da andrea

    adesso cosa farà ?
    creerà il sindacato azionisti confindustria? e cercherà di scalare quella ? visto che con UBI sta fallendo (sperem)

  42. Scritto da Gibba

    jannone ha ragione al 100%.. non sarebbe male la nascita di “confindustria nord”…

  43. Scritto da Benintendi

    Jannone ha colto la palla al balzo, sia per pesare davanti ai big del pdl, sia per mettere sulla bilancia di una eventuale retromarcia la testa di Zanetti-UBI Banca. Mi pare tutto molto chiaro: prima l’associaz degli azionisti ubi, Poi le pressioni su Confindustria. Usa soggetti diversi con il solo scopo di mettere le mani su Ubi. Il gruppo dirigente di Ubi non e’ certo immune da critiche, ma in questo momento deve pensare a ben altro che ai tentativi di scalata di un imprenditore/politico.

  44. Scritto da DEMETRIO

    Povera PIGNA… se lavorassi in questa azienda, avrei grossi timori…

  45. Scritto da marco

    finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire la verità su confindustria !!!

  46. Scritto da giorgio57

    come alsolito il metodo berlusconi; chi protesta va demolito ha fatto così con fini, sta facendo così con tremonti, confindustria critica il governo, ordina ai suoi di uscire da confindustria.

  47. Scritto da g

    in cerca di visibilità a tutti i costi…
    ieri con ubi … oggi con pigna …
    domani che t’inventi?

  48. Scritto da Giovanni leffe

    Io ero iscritto a Confindustria e mi sono cancellato. Troppi soldi spesi per convegni e pochi fatti . Non e’ una questione politica , ma di sprechi !

  49. Scritto da socio furioso

    La sempre più scarsa credibilità di questi commenti è evidenziata dalla completa somiglianza degli uni con gli altri, si capisce benissimo che sono scritti da un’unica mano, da chi è contro un personaggio che, mettendoci la propria faccia, cerca di andare contro i “veri poteri forti” di Bergamo.
    La determinazione di noi azionisti DA UBI TRADITI, è pari alla voglia dei disfattisti di denigrare cose in cui non sono coinvolti o, forse, da cui sono stati, a ragione, “estromessi”.

  50. Scritto da lavoratore pigna

    cartiere fallite sovvenzionate dallo stato …….e fa pure il duro e puro…….

  51. Scritto da Vittorio

    Anagrammando ” Confindustria” si ottiene ” fasci nord unti “

  52. Scritto da francy68

    Incredibile sta gente qua: ricchi, privilegiati sin dalla culla, poco lavoro e soldi a go-go…. Ma è Confindustria che deve staccarsi da certa gente… Parla del governo come se si trattasse di una cosa seria: ridicole comparse sostenute da parlamentari a libro paga. Ma ci faccia il piacere…