BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il comportamento di Doni troppo grave per uno sconto di punti

Nonostante l'assoluzione di Manfredini sono stati confermati i sei punti di penalizzazione per l'Atalanta: ecco perch??.

Più informazioni su

Non solo le sentenze legate ai perché della conferma della squalifica di Doni e dell’assoluzione di Manfredini,martedì è anche il giorno in cui viene spiegato il motivo della conferma di sei punti di penalizzazione per l’Atalanta, nonostante la nuova posizione del difensore rispetto al primo grado quando si guadagnò uno stop di tre anni.
“Se è pur vero che l’assoluzione del Manfredini potrebbe, ad un superficiale esame, indurre a ritenere che la responsabilità oggettiva debba essere proporzionalmente compressa, in realtà la gravità del comportamento del calciatore Doni è comunque tale da convincere, operando le opportune compensazioni, circa la congruità della misura della sanzione inflitta in primo grado”, si legge sul documento.
Quindi: pensavate che con l’assoluzione del centrale c’era uno sconto sui punti di penalizzazione? Ragionamento sbagliato perché Doni ha comunque compiuto un fatto talmente grave da confermare la penalizzazione (per responsabilità oggettiva) di sei punti.
In un passaggio precedente viene spiegata ancora meglio la penalizzazione. Nelle carte si fanno giudizi molto duri per la partita Atalanta-Piacenza in cui si parla di illeciti, non solo di Doni, ma di “altri tesserati della società orobica” e di “contorni nel loro complesso francamente inquietanti, alieni da ogni corretto principio sportivo ed in grado di minare la credibilità del fenomeno sportivo calcio, con modalità dunque che non possono non riverberare ai danni della società calcistica coinvolta”. Ovvero l’Atalanta.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da michele

    la gravità del comportamento??? cioè segnare o alzare la testa dopo la rete??? ma dai, tirate fuori queste xxxo di prove e almeno ne arriviamo a uno, oppure cambiate mestiere che l’è mei!!!

  2. Scritto da pippo

    Gioppinata all’Itagliana !
    colpire i piccoli senza “santi” in paradiso e salvare il c…o a quelli di squadre”Big” o più “coperti”….solita Itaglianata…niente di nuovo, tutto vecchio ! come chi comanda alla figc e soci.
    FORZA ATALANTA
    FORZA PP

  3. Scritto da solodea

    Se Colantuono avesse tenuto un comportamento in mezzo al campo come quello che ha tenuto Ranieri (anche se ragionevolmente con diritto, ma di certo non consono alla figura di un allenatore) e se Percassi avesse detto quanto ha detto “pubblicamente” Moratti … saremmo tutti qui a leccarci le ferite che sarebbero state ben altre, e l’unica colpa (?) che abbiamo è che non siamo l’INTER (fortunatamente !!!!) ma ci vantiamo e con orgoglio di essere l’ ATALANTA !!!!

  4. Scritto da Marino Foletta

    Perché nOn fanno nomi e cognomi “degli altri tesserati” e non squalificano anche loro? E perché non ci spiegano gli inquietanti contorni? Sembra scritta da un bambino di tre anni…. E’ così perché si…. E gli don serviti 3 mesi per scrivere quest insieme di parole che non dicon niente??

  5. Scritto da andrea

    e allora tirino fuori i nomi degli altri tesserati coinvolti, e squalificateli. ma che motivazioni sono????