BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Malpensata, Angeloni (Pd): “Chi amministra dovrebbe trovare soluzioni”

Il consigliere comunale Giacomo Angeloni interviene sul sequestro di un capannone utilizzato come luogo di culto.

Più informazioni su

Carissimo Direttore,

letta la notizia del sequestro delle chiese nella zona di via Cabrini le esprimo alcune considerazioni.
Sicuramente, e ne ho avuto la conferma visitando una domenica mattina l’area con alcuni residenti, è palese che quelle chiese erano nel luogo sbagliato: i canti corali, le preghiere ad alta voce e la frequentazione di molti fedeli creavano rumore a volte difficile da tollerare la domenica mattina per chi vive nei caseggiati adiacenti ai capannoni.
Rifletto anche sul perché molti cittadini migrati in terra bergamasca trovano come punto di riferimento le liturgie di queste “nuove Chiese”. L’altra domenica sul posto ne ho parlato a lungo con Habhit, nigeriano ventinovenne con un lavoro sicuro e una famiglia arrivata dall’Africa (mentre chiacchieriamo Genny, la figlia più piccola, gioca con il mio cellulare): "Sono cristiano cattolico, battezzato, l’ingresso in questa Chiesa per me è avvenuto quasi per caso. Nei primi mesi in Italia ormai 8 anni fa mi sentivo smarrito dal punto di vista religioso, le nostre liturgie sono diverse dalle vostre… qui ci sembra di pregare come pregavamo quando eravamo in Africa".
L’immigrazione porta con se tanti interrogativi a chi si occupa di integrazione e tra questi vi è anche quello religioso. So che la Curia, insieme al segretariato Migrantes, sta iniziando un lavoro con sacerdoti cattolici provenienti da paesi africani per garantire le celebrazioni con i riti di provenienza anche a Bergamo.
Quanto alle esultanze della Lega, temo che siano le solite trovate di pura propaganda e ne spiego i motivi: viene dato tanto risalto alla chiusura di una moschea all’interno del complesso industriale nei pressi della Malpensata, che ospitava almeno 12 differenti chiese. In realtà la moschea era piccola e frequentata meno rispetto ad altre in città.
Evidentemente per la Lega tutto fa brodo e nella sua propaganda utilizza sempre e comunque la religione Islamica come spauracchio. Mi soffermo invece su quanto dichiarato dall’assessore: continuo a non capire quali risultati utili possa avere il seguitare ad utilizzare metodi coercitivi e non dialoganti con l’alterità.
Un buon amministratore, prima di esultare su un provvedimento come questo dovrebbe riflettere se il problema è realmente risolto. Io ho la certezza che questo problema invece sia stato solo spostato o rimandato. Chi governa una città ha l’obbligo di trovare soluzioni ai problemi: tra qualche mese in altri capannoni le comunità, sgomberate oggi, si incontreranno e il problema riemergerà.
Ribolla e Invernizzi della lega sanno che la Costituzione italiana, all’articolo 19, riconosce in modo ampio la libertà di religione? Essa viene intesa come libertà di fede religiosa per evidenziare il diritto di ogni individuo di professare la propria fede e di farne propaganda. La libertà di religione viene intesa inoltre come libertà di pratica religiosa, perché comporta il diritto di esercitarne in privato o in pubblico, cioè di svolgere e di prendere parte a preghiere e riti religiosi.
Assessore Invernizzi non abbia paura di chi è diverso da lei. Se avesse voluto essere un buon amministratore avrebbe dovuto incontrare i pastori e i religiosi  di queste chiese e trovare con loro soluzioni idonee, magari con il supporto di chi studia e lavora da anni con questi fenomeni.
Trattare da delinquenti i fedeli di una chiesa è assurdo!
Spostare un problema non vuol dire risolverlo con buona pace di chi come la Lega pensa di governare bene.

Giacomo Angeloni

Consigliere comunale Pd

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Egregio Giacomo Angeloni e’ inutile negare che al giorno di oggi gli amministratori cercano di curare il loro giardinetto e fanno abuso di potere per agevolare la zona a loro piu’ comoda con i pochi soldi disponibili
    I problemi vanno vissuti e risolti ,ricordo un suo “attacco” a Marzo rivolto ad un inefficace Trotta ed un inesperto Invernizzi.

  2. Scritto da cattivo pd

    ANGELONI SCRIVE COME CONS. COMUNALE. LA CARITAS NON è NEPPURE NOMINATA.
    VI ARRAMPICATE SUI VETRI!

  3. Scritto da Dio vede e Dio provvede ...

    solo adesso scopro da chi è gestita la cosiddetta caritas e mi spiego perchè il suo comportamento è affetto da strabismo. Vede solo chi gli fa comodo (stranieri regolari e non) fregandosene dei bergamaschi. Gli ex compagni sono diventati caritatevoli a pagamento!!!

  4. Scritto da alberto

    Tutte le varie Amministrazioni Comunali si sono disinteressate del problema “Musulmani”. In via Cenisio da oltre un decennio esistono gli stessi inconvenienti della Malpensata ma nè destra nè sinistra li hanno risolti. Disinteresse “bipartisan”!

  5. Scritto da luciano015

    Una buona amministrazione si preoccupa di far rispettare le leggi, ma aiuta anche i cittadini a godere di quelli che si chiamano “Diritti dell’uomo”. Perchè far in modo che tutti possano esercitarli è la migliore garanzia che anche noi possiamo reclamare i nostri.
    L’esultanza della Lega dimostra solo che costoro hanno la lungimiranza di un coccodrillo.

  6. Scritto da Candide Padano

    Il signor Angeloni, che oltre che consigliere PD è responsabile di un ufficio Caritas (guarda caso), scorda (guarda caso) che l’amministrazione ha agito su indicazioni della magistratura. Non mi risulta inoltre alcuna normativa che obblighi un’amministrazione comunale a impegnarsi per cercare luoghi in cui i cittadini esercitino la loro fede religiosa. Preferisco infine che l’amministrazione comunale dia priorità alla fornitura di servizi sociali piuttosto che a quella di luoghi di culto

  7. Scritto da Candide Padano

    Ho deciso di convertirmi al “pastafarianesimo”, culto nato in Kansas nel 2005 col nome originario di “flying spaghetti monster”.
    Mi domando se pure il sottoscritto, insieme ai numerosi correligionari, avrà diritto ad un luogo di culto gentilmente messo a disposizione dall’amministrazione comunale :-))))

  8. Scritto da kappero

    per il candido (?) padano: abbiamo capito tutti che sei un amico dei leghisti che amministrano Bergamo. Anche se cerchi di argomentare senza argomentazioni, le tue idee si riassumono con un semplice e razzista: via tutti quelli che non mi piacciono. Fai prima a scrivere così