BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo-Milano, viaggio d’ordinaria follia

Lunedì mattina, segnalano i pendolari, il treno delle 7.02 per Milano era composto da pochissime carrozze: viaggiatori stipati, molti a Verdello han rinunciato.

Più informazioni su

Lunedì mattina, segnalano i pendolari, il treno delle 7.02 per Milano era composto da pochissime carrozze: viaggiatori stipati, molti a Verdello han rinunciato. "Assessore Cattaneo dopo avere pubblicamente dichiarato che le nostre condizioni di viaggio sono le peggiori in Lombardia si decide ad agire di conseguenza?".

Stamattina il treno delle 7.02 da Bergamo per Milano, a detta di TreNord uno dei più frequentati se non il più frequentato treno della linea, era composto da 5 carrozze.
Risultato: passeggeri in piedi prima ancora della partenza da Bergamo e scene da esodo estivo a Verdello con assalto al treno, decine di persone in piedi e qualcuno che rinunciava al viaggio. Ovviamente lo stesso si ripeteva a Pioltello.
Fortunatamente (?) un po’ di persone non sarà riuscita a salire su quel treno a causa della lunga coda alle biglietterie che alle 6.45 quasi usciva dalla stazione.
Regione Lombardia e TreNord: non sono queste le risposte che i pendolari vogliono alla raffica di aumenti che ci avete imposto. Il presidente Moretti che minaccia tagli e reclama prezzi dei biglietti "europei" ci dia dei treni almeno lontanamente paragonabili a quelli europei.
Assessore Cattaneo dopo avere pubblicamente dichiarato che le nostre condizioni di viaggio (qualità dei treni) sono le peggiori in Lombardia si decide ad agire di conseguenza e fornirci un servizio degno di questo nome?

Salvatore Vassallo del Comitato Pendolari Bergamaschi









Sinceramente non ho contato quante carrozze fossero sul 7:02, mi è bastato vedere che la penultima era "fuori servizio".  Abbiamo viaggiato peggio delle pecore su un carro bestiame…eppure paghiamo anche il biglietto (sempre più salato).
Vergognatevi sia per questo, sia per le prese in giro, sia per il costante e assordante silenzio di chi, inevece, dovrebbe dare delle risposte.
Moretti parla di standard europei? Interessante…andatelo voi a spiegare ai turisti inglesi, tedeschi, spagnoli che viaggiano sui nostri treni, che il servizio offerto da Trenord è pari a quello che hanno nei loro Paesi. Quando li vedo boccheggiare increduli sui nostri rottamoni, vorrei sotterrarmi…

Alessia


 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    si, certo, pretendete treni ordinari decenti… ma come farebbero a pagare il TAV se dovessero dissipare risorse per dei poveri prolet che nell’attuale congiuntura economica valgono il classico due di picche con la briscola a cuori.

  2. Scritto da Narno Pinotti

    @8
    Le dò una notizia: l’usare tutti un solo distributore è una bufala che è in rete da anni e non ha mai funzionato: nessuno l’ha mai applicata.

    Sui treni: la Regione paga il servizio per tutto l’anno, che i treni viaggino vuoti 15gg non cambia niente. I biglietti coprono

  3. Scritto da Andrea Lombardi

    Mi chiedo come mai il treno delle 7.27 di Verdello, diretto a P. Garibaldi, da qualche tempo ha il vizio di arrivare qualche minuto in anticipo

  4. Scritto da roberta

    Leggo scandalizzata i resoconti di viaggio dei pendolari, che oramai sono trattati sempre più spesso come se fossero un carico di bestiame. Io non sono una pendolare dei mezzi pubblici perchè per fortuna vado a lavorare a piedi, però avete tutta la mia solidarietà. Perchè voi pendolari per una volta in vent’anni non provate a smettere di votare sempre gli stessi (perlomeno i due terzi di voi, stando ai risultati elettorali dal 1994 ad oggi)?

  5. Scritto da Ezio

    Bisognerebbe prendere i nostri politici, soprattutto bergamaschi e metterli per una settimana giorno e notte in stazione insieme ai pendolari.
    Altro che auto blu, devono viaggiare per mesi in vagoni lerci e stipati come bestie durante il trasporto dall’allevamento al macello.
    Cari politici, imparate a meritarveli i soldi che guadagnate.

  6. Scritto da sergio

    Inutile sottolineare che la responsabilità è ideologica; abbiamo votato sempre i soliti idioti per il “sogno” irrealizzabile di una Terra promessa, dove tutto è perfetto e le tasse non si pagano. Inutile sottolineare che i responsabili delle nostre ferrovie sono soprattutto leghisti, che di giorno urlano contro chi governa in italia, in lombardia e in provincia, mentre di notte si spartiscono il bottino, in italia, in lombardia e anche in provincia. Votiamo chi è capace di mantener le promesse!!

  7. Scritto da Narno Pinotti

    @3 sergio
    Ricordo bene che l’inverno e la primavera scorsi, proprio qui su BgNews, fioccavano lettere e articoli di fuoco sui treni e pendolari, e in particolare sull’assessore regionale ai trasporti Cattaneo. Poche settimane dopo la giunta regionale fu confermata per un quarto mandato, quasi con la stessa percentuale delle tre volte precedenti.
    Si vede che chi prende il treno non vota, oppure vota più o meno come tutti i lombardi. In entrambi i casi, vuol dire che gli va bene così.

  8. Scritto da bellacanna@tin.it

    Come è ormai evidente, non si può più fare affidamento sui politici. Sono pavidi nel prendere qualsiasi decisione, non attenti ai problemi della gente e soprattutto incapaci di risolverli. è arrivata l’ora di una democrazia partecipata i cui devono essere le delegazioni degli stessi cittadini a trattare i problemi. Ci si faccia sentire, si organizzi un blocco dei treni tramite i social forum.

  9. Scritto da e

    @4. Caro Pinotti, il voto è una cosa, denunciare i disservizi non è per forza la stessa.
    Ognuno deve fare la sua parte: giornali e politici la loro. Forse, prima o poi, anche gli elettori comprenderanno….sul nuovo ospedale, per es. penso che qualche elettore dell’attuale governo, abbia cominciato a nutrire qualche dubbio.
    Non dimentichiamo che i prezzi di viaggio sono aumentati oltre il 20 per cento.

  10. Scritto da CIAO

    capisco non sia semplice mettere tutti uniti contro le ferrovie però io penso che se tutti i pendolari prenderebbero tutti le ferie in un determinato periodo anziche ad agosto e lascerebbero i treni deserti per 15 giorni penso che qualcosa possa cambiare spero.

    come la benzina andiamo tutti in un solo distributore a fare benzina è vero che è un cartello di speculazione ma i propietari dei distributori non sarebbero contenti a stare con la cassa vuota almeno proviamoci
    FORZA PENDOLARI.