BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Manovra: tagli alle riduzioni sulla prima casa

Arriva il ???massacro??? sulla prima casa. Cos?? il Sunia definisce le norme contenute nella legge di conversione della manovra economica,

Arriva il “massacro” sulla prima casa. Così il Sunia, sindacato nazionale degli inquilini e degli assegnatari, definisce le norme contenute nella legge di conversione della manovra economica, che penalizzano le detrazioni fiscali sugli immobili. Erano state introdotte per alleggerire il carico sulle famiglie che avevano acquistato da poco casa, per quanto riguarda ad esempio gli interessi sul mutuo. Ma adesso a lamentarsi è sia chi prende la casa in affitto sia chi l’ha comprata per mantenerne la proprietà.
I tagli ai benefici fiscali riguardano, infatti, sia gli inquilini che i proprietari e le ristrutturazioni edilizie. In generale, nella manovra approvata dal governo queste riduzioni delle aliquote deducibili ammontano al 5% a partire da gennaio 2012 e al 20% dall’anno successivo.
Mannaia fiscale anche sulle detrazioni di cui beneficiano i genitori degli studenti fuori sede in affitto: stesse percentuali e tempi per i tagli.
E sul fronte dei proprietari, addio alle agevolazioni per chi affittava la casa in suo possesso tramite contratti concordati (stesso meccanismo: 5% in meno di detrazione dal 2012, 20% in meno dal 2013).
Quanto ai mutui, la stessa ghigliottina (prima al 5% e poi al 20%) viene messa sulle detrazioni agli interessi che i cittadini pagano alle banche, oltre alla reintroduzione della contestatissima Irpef sulla prima casa, con medesime percentuali, riferite però alla rendita catastale: pagheremo quindi un’imposta del 5% della rendita catastale dal prossimo anno e del 20% dal 2013.

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da calore

    questo governo ha o no la maggioranza?? non ha aumentato le tasse, non ha messo le mani nelle tasche degli italiani, bla, bla, bla,
    Siamo nelle Repubblica di Giopinia

  2. Scritto da Sleghiamoci

    altra evasione fiscale….

  3. Scritto da bertoli_g

    Ma cosa deve succedere perche’ agli italiani venga concesso di tornare alle urne ? Dobbiamo fare uno sciopero generale di una settimana ??? Basta PDL e Lega ! La gente non vi sopporta piu’ !
    C’avete messo alla canna del gas ! Andatevene !

  4. Scritto da Ezio

    “Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani!”.
    Non hanno mai smesso di farlo, ma adesso hanno deciso di scendere più in basso.
    Più giù, sempre più giù.

  5. Scritto da angelo

    Grazie silvio. Quando, nel ’94, sei entrato in politica, le tue aziende erano indebitate fino al collo, mentre ora hai i soldi da regalare a nani e ballerine che ti leccano i piedi la sera. Noi siamo invece messi peggio di 17 anni fa: è evidente che le mani nelle nostre tasche ce le hai messe tu.