Bocconi avvelenati ai cani, è giallo L'allarme del sindaco di Torre Boldone - BergamoNews
Il caso

Bocconi avvelenati ai cani, è giallo L’allarme del sindaco di Torre Boldone

Un anonimo misterioso lascia pezzi di salame vicino al palasport, avvelenati. Il sindaco: "L'ultimo episodio venerdì?, il cibo portato all'Asl. L'anno scorso ci hanno lasciato le penne due animali. Idiota..."

"E’ di sicuro un cattivo idiota, che torna a colpire ad ogni mese di settembre e sempre nella stessa zona, vicino al centro sportivo": con queste parole il sindaco di Torre Boldone Claudio Sessa commenta quanto sta avvenendo nel suo paese negli ultimi anni, sempre a settembre e sempre nei pressi del palasport o di piazza del mercato.
Accade che un ignoto e sadico killer di animali lascia bocconi avvelenati sui prati, sulle aiuole. "Venerdì 16 settembre l’ultimo caso. E’ venuta da me una coppia, disperata, che aveva appena portato il cane da un veterinario, in condizioni disperate. Il cane aveva solo dato una leccata ad un pezzo di salame per terra. Dopo un po’ non è più riuscito a muoversi. Spero si sia salvato. La polizia locale ha sequestrato il pezzo di salame che è stato portato all’Asl, per capire come è stato avvelenato".
Fosse solo un episodio, invece è l’ultimo di una lunga serie. "Sono tre anni, ovvero dal 2009, che questo soggetto anonimo getta bocconi avvelenati, sempre a settembre e sempre lì in quella zona. Ricordo che l’anno scorso almeno due animali sono morti, per colpa sua. Speravo non accadesse anche quest’anno e invece è tornato. Adesso abbiamo messo dei cartelli per avvertire la cittadinanza. Speriamo che non si ripeta nulla del genere".

Chiunque avesse segnalazioni utili è pregato di inviarle tramite i commenti

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it