BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maison Calderoli ovvero un look da ministro

Guido Quaranta dedica la sua rubrica settimanale "Banana Republic", sull'Espresso, al ministro bergamasco, in particolare al suo strampalato modo di vestire.

Più informazioni su

Guido Quaranta dedica la sua rubrica settimanale "Banana Republic", sull’Espresso, al ministro bergamasco Roberto Calderoli, in particolare al suo strampalato modo di vestire.

Il senatore Roberto Calderoli (bergamasco, 55 anni, atticciato e rubizzo ministro per la Semplificazione) non si veste: si copre. Ogni tanto, per esempio, si copre tutto di verde-mela. Se c’è qualche raduno, rito o festa del carroccio (dove i dirigenti del partito, Umberto Bossi in testa, si recano disciplinatamente in divisa), il senatore vi accorre e addobbato con una camicia verde, con pantaloni verdi e con un fazzoletto, pure verde, attorno al collo.
E’ chiaro che, quando s’acconcia così, assume un aspetto alquanto comico, da attore di vaudeville. Ma il senatore Calderoli evidentemente non se ne cura. O, forse, non se ne accorge.
Tant’è vero che si copre anche fuori dalle feste comandate. Di solito si presenta a Palazzo Chigi, per le sedute del Consiglio dei ministri, con jeans grigio o pantaloni blu cobalto, su un doppiopetto verde-limone, senza calze (d’estate) e, a volte, con scarpe da ginnastica. Oppure compare in Parlamento esibendo un altro brioso capo di vestiario: brache rosso-carminio, simile a quelle indossate nell’Ottocento da rugantino (la famosa maschera romanesca) e, in televisione, dallo showman Luca Giurato.
Una volta il ministro ha concesso un’intervista abbigliato così: giacca blu-mare, cravatta verde smeraldo e short di tela bianca a mezza gamba. Raffinato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ?

    @ 8 it:l’Espresso non scrive solo questo,ma tanto tanto altro ancora. Leggilo ogni tanto, non è peccato; Calderoli non è quello che abbatte muri di cartone e redige leggi porcellone?

  2. Scritto da et

    ah beh se lo dice l’espresso….ormai voi di bgnew avete gettato la maschera mi sembra

  3. Scritto da l'apparenza inganna

    Bravo calderoli,fai capire alla gente che l’abito non e’ cosi importante,sono le idee che contano.
    Italiani maniaci del vestirsi bene e poi quando si parla di valori veri ,niente,ipocriti superficiali.

  4. Scritto da Beppe

    @3 Il problema è che Calderoli, oltre che a vestirsi come un gioppino, non risolve e non sfiora nemmeno il pbl degli italiani

  5. Scritto da TEX

    “non e’ l’abito che fa il monaco”

  6. Scritto da problemi

    I problemi italiani solo altri… al posto di vestirsi come gli altri pinguini… meglio un calderoli verde che un comunista in doppio petto…

  7. Scritto da qi

    pur di vestirsi da detrattori, alcuni omuncoli si arenano su questi articoli da strapazzo..
    perché i pantaloni rossi e gialli, le magliette original e tanto altro, lo vediamo addosso a tanti, anche del jetset..
    ma se le mette Calderoli, apriti cielo..
    ironizzare sulla Lega sembra l’esercizio più abusato..
    ma guarda, passa e non ti curar di “loro”, da Dante in poi, funziona sempre…

  8. Scritto da Ma va là

    Per me è una tattica, attirando l’attenzione sull’abbigliamento la distoglie dalle stupidaggini che dice e fa (ma solo un pochino, sono talmente tante e grosse che nzomma….. non si può fare granchè),

  9. Scritto da marilena

    anch’io penso che si vesta così per distogliere l’attenzione da ciò che dice. Per 4: ci vuole del coraggio a paragonarlo a dante

  10. Scritto da Wids

    Ridicolo giudicare un uomo dal modo di vestirsi, politica sempre più alla frutta

  11. Scritto da cavadenti

    I francesi direbbero: villageois
    i bergamaschi : paisà

  12. Scritto da Cavallo

    Póta… effettivamente il look Calderoliano lascia un impronta nella memoria di chi lo vede,chissa che non sia un sistema per farsi ricordare. Che bél ómén…