BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo ospedale, ecco i conti: costerà 126 milioni in più rispetto agli appalti

Già 67 milioni erano stati aggiunti al conteggio nell'inverno scorso. Ora il direttore generale fornisce il dettaglio degli 85 milioni in arrivo dalla Regione: 59 sono extracosti.

Più informazioni su

Ci scusiamo dell’inconveniente tecnico: per alcune ore della mattinata di giovedì 28 luglio questo articolo non era visibile.

Il direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo Carlo Nicora fornisce il dettaglio della spesa prevista con gli 85 milioni di euro che la Regione ha stanziato martedì per il nuovo ospedale di Bergamo. Ne emerge un quadro di nuovi extracosti, per 59 milioni di euro. Ed è quindi il caso di ricapitolare quanto è costato finora e quanto costerà infine il nuovo ospedale.
Si era partiti dagli appalti, con una cifra complessiva (tra realizzazione, progettazione, collaudo e tutte le altre voci) di 340 milioni di euro.
L’inverno scorso era stata invece comunicata la prima e accertata lievitazione: altri 67 milioni, per arrivare a 407.
Martedì il Consiglio regionale della Lombardia ha invece stanziato gli 85 milioni di euro che erano stati annunciati dal dirigente della Sanità del Pirellone Carlo Lucchina. E in quegli 85 ci sono altri 59 milioni di extracosti.
Il conteggio totale è quindi di 340, più 67, più 59: 466 milioni contro i 340 preventivati. Costi lievitati, tra opere non previste, contenziosi in cantiere, e altro, del 37%.
Ma ecco, nel dettaglio, la lista della spesa con gli 85 milioni di euro: 23 milioni di arredi, segnaletica, attrezzature, apparecchiature, informatizzazione, 16,7 milioni (extracosti), per “migliorie richieste dall’azienda ospedaliera”, 2,5 milioni per opere (extracosti) richieste da enti terzi (non si specifica quali, ma sono parapetti, “opere per accreditamento”, “opere per agibilità” e adeguamento a nuove norme), 2,5 milioni per opere realizzate in variante (sedi associazioni, Casa dei frati, gestione del verde), 2,6 milioni per le infiltrazioni (extracosti) tra cui la trincea a 1,2 milioni di euro, 4 milioni per la progettazione delle opere che non riguardano gli appalti (extracosti), 33,7 milioni per eventuali contenziosi e imprevisti (extracosti).
Il direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo Carlo Nicora fornisce il dettaglio della spesa prevista con gli 85 milioni di euro che la Regione ha stanziato martedì per il nuovo ospedale di Bergamo. Ne emerge un quadro di nuovi extracosti, per 59 milioni di euro. Ed è quindi il caso di ricapitolare quanto è costato finora e quanto costerà infine il nuovo ospedale.
Si era partiti dagli appalti, con una cifra complessiva (tra realizzazione, progettazione, collaudo e tutte le altre voci) di 340 milioni di euro.
L'inverno scorso era stata invece comunicata la prima e accertata lievitazione: altri 67 milioni, per arrivare a 507.
Martedì il Consiglio regionale della Lombardia ha invece stanziato gli 85 milioni di euro che erano stati annunciati dal dirigente della Sanità del Pirellone Carlo Lucchina. E in quegli 85 ci sono altri 59 milioni di extracosti.
Il conteggio totale è quindi di 340, più 67, più 59: 466 milioni contro i 340 preventivati. Costi lievitati, tra opere non previste, contenziosi in cantiere, e altro, del 37%.
Ma ecco, nel dettaglio, la lista della spesa con gli 85 milioni di euro: 23 milioni di arredi, segnaletica, attrezzature, apparecchiature, informatizzazione, 16,7 milioni (extracosti), per “migliorie richieste dall'azienda ospedaliera”, 2,5 milioni per opere (extracosti) richieste da enti terzi (non si specifica quali, ma sono parapetti, “opere per accreditamento”, “opere per agibilità” e adeguamento a nuove norme), 2,5 milioni per opere realizzate in variante (sedi associazioni, Casa dei frati, gestione del verde), 2,6 milioni per le infiltrazioni (extracosti) tra cui la trincea a 1,2 milioni di euro, 4 milioni per la progettazione delle opere che non riguardano gli appalti (extracosti), 33,7 milioni per eventuali contenziosi e imprevisti (extracosti).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da avatar

    Credo che due anni fà i nostri politici nostrani volevano inaugurare quest’opera…..
    Non ci sono parole perchè oltre il ritardo i maggiori costi… che il cittadino comune paga.
    Quando finirà questa storia ?

  2. Scritto da aluraaa

    io mi chiedo.. ma a Bergamo, alla popolazione di città e provincia, serviva proprio sto ospedale?
    e poi, non voglio nemmeno immaginare i costi annui di gestione!! mi piacerebbe proprio sapere cosa “ipotizzano” possa costare ogni anno mantenere una “città” del genere!

  3. Scritto da Icomarch

    @ 1. Quando si fa un appalto pubblico vengono predisposti dei documenti di gara con tutte le specifiche dei lavori da realizzare (capitolati, disegni, elenchi prezzi ecc.) e all’interno di questi documenti sono specificate tutte le lavorazioni, gli oneri e le spese ecc. a carico dell’appaltatore. Lo sconto non c’entra proprio nulla, che sia del 1% o del 50% si fa quel che c’è nel progetto posto a base di appalto. Il gioco è un altro, le imprese fanno forti sconti per poi cercare di recuperare…

  4. Scritto da Icomarch

    … i minori ricavi derivanti dallo sconto cercando di far pesare le mancanze che vengono individuate nel progetto. Si spiega pertanto l’elevato peso dei nuovi prezzi e delle varianti. Chiaro che se il progettista ha presentato un progetto lacunoso e se la direzione lavori non è in grado di gestire la situazione, l’impresa ha gioco facile nel recuperare la differenza derivante dallo sconto, anzi in alcuni casi recupera anche più del dovuto… sarà questo uno dei casi??

  5. Scritto da atalo

    ormai lo sanno tutti : questo ospedale era inutile , solo la solita cattedrale (non nel deserto ma su una bella faldona acquifera ..) che ha portato tanti ma tanti soldoni ai soliti (i)gnoti ..

  6. Scritto da sergio locatelli

    Scusate, l’articolo dov’è? Io trovo solo il titolo. Ho un problema al computer o c’è qualcosa che non va?

  7. Scritto da Question Time

    E Formigoni cosa dice ?

  8. Scritto da La Redazione

    c’è stato un problema tecnico per la visualizzazione del testo dell’articolo. Ora dovrebbe essere risolto per tutti. Ci scusiamo per l’inconveniente.

  9. Scritto da Magna magna

    Come mai da privato se costruisco una casa il costo resta quello preventivato prima dell’inizio lavori? Come mai nei lavori pubblici questo non accade mai? Perchè è tutto un magna magna, e poi ci si chiede come mai l’Italia stia andando sempre piu velocemente verso il default.

  10. Scritto da expaul

    se ne costruiva uno nuovo con queste sorprese…

  11. Scritto da ing. rossetti

    questi extra costi sono dovuti, oltre alla mal gestione, al gioco del ribasso che fanno gli enti in fase di gara d’appalto. Invece di guardare solamente al totale bisognerebbe valutare l’intera offerta, valutare quali prestazioni non sono comprese. Invece no, costi meno, il lavoro è tuo! Questa è la mentalità dell’italiano medio…e poi chi paga? sempre noi.
    Son contento quando sento queste cose!

  12. Scritto da Sleghiamoci

    E’ tutto questo che fa crescere il debito pubblico e dimostra anche quanto sia alta l’onestà di chi votiamo e continuino a chiedere soldi al popolo senza nulla in cambi…Se poi gli si rivolta contro come è già successo fanno anche i finti moralisti. Una cosa non capisco quando un cittadino esprime il propio dissenso è penalizzato ad esprimerlo, ma quando un ministro lo fà guai a chi lo tacca e li paghiamo noi sta gente.