BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caro Saffioti, facciamo insieme il partito “del merito”

Lettera aperta di un giovane del Pdl, che elenca le parole chiave del neo segretario nazionale Alfano. "Obiettivi ambiziosi, da raggiungere insieme".

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta al coordinatore provinciale del Pdl Carlo Saffioti da parte di un giovane del partito, Andrea Moriggi, 19 anni, di Pagazzano.
 
Caro Carlo Saffioti,
gentile redazione,

le riflessioni proposte nei giorni scorsi dal Ministro dell’Istruzione Gelmini e dal neo-segretario nazionale del Pdl, Angelino Alfano, fanno presagire un cambiamento radicale e uno stavolgimento nell’organigramma di partito innescando reazioni da parte dei "poltronissimi" che, spaventati per la paura di perdere il loro posto, si sono messi sull’attenti. Ma ormai sembra essere troppo tardi; alea iacta est.
Riepilogo qui di seguito un codice etico, che io – e credo anche gli altri giovani militanti del Pdl – vorrei venisse adottato dal nostro partito.
Innanzitutto, in una fase così buia per la politica italiana, dove farsi prendere da emozioni di antipolitica sembra più facile che trovare soluzioni concrete, il punto più importante del "partito che vorrei" è (come ha ben detto Angelino Alfano al Consiglio Nazionale), «un partito degli onesti». Perchè è proprio l’onestà, quella di cui la politica ha bisogno. Nel presente immaginario collettivo italiano, politica è sinonimo di corruzione. Se nel futuro prossimo, noi giovani, rappresentanti delle future amministrazioni, riusciremo a porre in essere una politica davvero onesta e corretta, metafore simili saranno solo vaghi ricordi del passato.
Un secondo punto prioritario, è il "cambio generazionale" che spetta ai giovani. Non quello che ognuno sbandiera in campagna elettorale per accaparrarsi qualche preferenza in più, ma quello dei fatti. Un giovane non serve solo per attaccare i manifesti. Anche Alfano, sempre nel suo discorso inaugurale, disse «Vorrei un partito dove un giovane, possa diventare il nostro segretario, perché il partito gli ha dato la possibilità di diventarlo, dando lo spazio a chi ha merito!»
 Con una colorita metafora, si descrive un altro punto che giudico considerevole: il merito. «Dobbiamo costruire un partito nel quale un figlio di papà un po’ asino e scemo, non possa battere un ragazzo intelligente e squattrinato». Non lo dico io, lo dice Angelino Alfano. Non è però sufficiente essere giovani per essere i migliori. Il merito va tutelato. E’ straziante per un ragazzo meritevole, vedersi sorpassare dall’incapace "raccomandato", o – ancora più grave – dal parente di turno, è il modo migliore per distruggere la nuova classe dirigente. Quindi: che si faccia il cambio generazionale tanto auspicato da Alfano e Gelmini, ma si rispettino i criteri di merito e democrazia che sono i valori fondanti del nostro partito.
Un partito della gente. Un partito popolare con una vocazione democratica ed europeistica, ispirata al liberismo e alla laicità, ma non senza una vocazione cattolica. Anche Benedetto Croce, lo scrisse: persino il più accanito laico non può non dirsi cristiano. Un partito della buona amministrazione, aperto e non ideologico, che abbia come parola d’ordine "meno Stato più Società civile", più sussidiarietà e meno dirigismo. Ne ha fatto ampio riferimento anche il ministro Gelmini, alla festa Provinciale di Ghisalba.
 Democrazia: coordinatori eletti democraticamente. Non nominati, ma scelti dalla gente, dal basso. Come disse la Gelmini «sul metro dell’impegno, delle capacità e della passione», senza che i congressi siano l’occasione per una resa dei conti tra personalismi.

In sintesi, i valori che un qualunque giovane di 19 anni desidererebbe per una buona politica e che chiede all’attuale classe dirigente, sono quelli di onestà, merito e democrazia. Nulla di più. Si può fare?
Caro Carlo, sono certo che lavorando tutti insieme riusciremo a raggiungere questo ambizioso obiettivo! Buon lavoro!

Andrea Moriggi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rino Belotti

    Ma angelino Alfano è un giovane ministro che si è fatto dal niente, o pure lui è un raccomandato?
    Se si è fatto dal niente, allora il giovane pdl che blatera a fare? Si dia da fare e smetta di piangere. Se invece Alfano si è fatto perchè raccomandato, allora è inutile prendere sul serio le sue parole.
    A meno che vale la regola dei preti: fate quello che dico ma non quello che faccio.

  2. Scritto da leo cat

    L’onestà (dal latino honestas) indica la qualità umana di agire e comunicare in maniera sincera, leale e trasparente, in base a princìpi morali ritenuti universalmente validi. Questo comporta l’astenersi da azioni riprovevoli nei confronti del prossimo, sia in modo assoluto, sia in rapporto alla propria condizione, alla professione che si esercita ed all’ambiente in cui si vive.
    L’onestà si contrappone ai più comuni disvalori nei rapporti umani, quali l’ipocrisia e la menzogna.
    Ma per piacere!

  3. Scritto da Aculei di ponteranica

    Come mai il Saffiottone non risponde? O è in difficoltà, oppure sarà troppo impegnato ad adulare ed elogiare i “ministri, rappresentanti della regione, parlamentari e consiglieri provinciali” invece di pensare alla gente comune come noi. Basta vederlo qua… http://www.youtube.com/watch?v=Hpao7P84Rjk&feature=player_embedded
    che roba!

  4. Scritto da Luca

    Saffiotti, allora devi cambiare partito e fondarne uno nuovo.

  5. Scritto da Simone

    Tutto quanto è stato scritto in questa lettera ricorda molto quando i politici parlando dei valori della destra e della sinistra …
    Per essere breve: il PDL si regge sul berlusconismo, non certo sulla destra …le vere persone “di destra” (uno su tutti: Indro Montanelli) si sono guardati bene dal restare a farsi manovrare da Silvio Berlusconi
    Il PDL si regge su interessi ad personam: è la storia che lo dimostra
    Resta il fatto che è un piacere vedere un giovane politicamente impegnato

  6. Scritto da @il giudice

    Io credo di conoscere meglio Saffioti di te, e ti dico che se non ha ancora risposto è perchè evidentemente non si riconosce nei valori del segretario nazionale e del ministro dell’istruzione e credo anche che di risate non se n’è fatte nemmeno un po’. Dovrà renderne conto al congresso quando prenderà 2 preferenze: la sua e di Oriani. E dovrà ricordarsi che li si, che c’è la democrazia che questo giovane chiede.

  7. Scritto da @numero 32

    Sono stra d’accordo. Ma non è colpa di Moriggi, è colpa di chi in questo momento è al vertice del partito, se ciò che qui viene augurato è mera utopia. Perchè volendo, si fa. Le cose basta volerle, dicevano una volta…

  8. Scritto da U de Berghem

    Moriggi Non perderti d’animo leggendo i commenti negativi. Chi pensi che li abbia fatti? Sono quelli del tuo partito! Gli altri, democratici e non, antiberlusconiani e non, ciellini e non, non possono che essere d’accordo con ciò che dici…

  9. Scritto da il giudice

    A 19 anni si va a ragazze, non si lanciano messaggini a Saffioti, anche perché lo conosco da anni e penso che sia svenuto dalle risate.

  10. Scritto da enrico

    Giovane e volenteroso pidiellino, sarò breve:
    ci sei o ci fai?

  11. Scritto da Favole della politica

    E’ bello scoprire che ci sono ancora quelli che credono alle favole !

  12. Scritto da Gianluca

    I valori che scrivi sono quelli del Partito Popolare Europeo. Certamente un partito
    con dei valori “veri”. Che per ora, nel Pdl non mi pare di intravedere.
    Se davvero riuscirete a realizzarli, sarete la nuova democrazia cristiana e resterete
    al governo per cinquant’anni!

  13. Scritto da lvca

    Onesta meritocrazia a parole, tant’e’ che il Pdl Bergamo ha messo d’Aloia (che e’ sicuramente un personaggio nuovo, estraneo alla “casta” politica bergamasca) presidente di Uniacque…..non si poteva mettere un giovane laureato intelligente ma squattrinato? Questi sono i fatti.

  14. Scritto da gigi

    avete già rinunciato a fare il partito degli onesti ?? forse perchè vi sareste dimezzati ??

  15. Scritto da pm

    Ben vengano l’idealismo e un (bel) pizzico di giovanile ingenuità, ma mi pare che proporre il riconoscimento del merito nel pdl abbia le stesse probabilità di successo del proporre il veganismo ad una sagra del maiale.
    Forse avrebbe più senso cambiare lidi, se davvero si cerca qualcosa di pulito e meritocratico.

  16. Scritto da gino

    Moriggi se vuoi tutte queste cose cambia partito o in alternativa cambiate saffioti ma la vedo dura. Comunque notevole.

  17. Scritto da Simone

    Non posso non condividere. Qualunque persona intelligente, sa che questo è un discorso
    neutro che nessuno potrebbe negare. spero che in questi valori tu ci creda davvero… Sperem…..

  18. Scritto da Luca Maffi

    Grande! Se o si fa il Pdl così, o si muore, oserei dire. E’ lo spirito giusto

  19. Scritto da Robert

    Moriggi vivi nel mondo dei sogni? se non fai daloia di cognome do pensi di andare?

  20. Scritto da Fede

    Chi non è d’accordo con un progetto del genere? Hai usato le parole giuste e i toni giusti. Ambizioso, perchè è ambito.
    Perchè non sarà facile…

  21. Scritto da daniele

    Saffioti ascolterà forse, perchè le idee sono finalmente propositive. Perchè quando sono i giovani a parlare è impossibile non ascoltarli. Avete dato un’idea bellissima, di un partito di giovani puliti e onesti.

  22. Scritto da Paolo Pili

    Permettetemi di dire, conosco Andrea da tempo: beh è un gran bell’articolo dove ha dimostrato la sua maturità e soprattutto la tua intelligenza. Tenetevelo stretto

  23. Scritto da idvconvinto

    eh eh eh , o moriggi non capisce niente o la lettera è una presa in giro a saffioti.

  24. Scritto da Unoqualunque

    Questo articolo, messo sotto quello delle nomine degli intrallazzati da piena visione di come la politica bergamasca ci sia conciata. C’è bisogno di giovani leve, che devono avere dei buoni maestri, che certamente non sono quelli che ho visto elencati nell’articolo sopra. I propositi che qui vengono descritti sono idilliaci, forse utopistici. Però, ragazzo, volere è potere. Daga det!

  25. Scritto da un altro giovane pdl

    Onesta e meritocrazia belle parole, vai pero’ a leggerti l’articolo delle nomine negli enti cosi ci rendiamo conto di come questi bei principi vengono messi in pratica e vedrai come il Pdl abbia nominati ai vertici delle societa pubbliche tutti giovani laureati intelligenti …
    Il cambiamento i giovani devono conquistarlo facendosi largo a forza non confidando negli “aristocratici” che ci sono adesso.

  26. Scritto da Calabrisella

    Deprimente , il tedoforo sarebbe la Gelmini ?

  27. Scritto da Lorenzo

    Grande Andrea! Sono obiettivi per i quali ci dobbiamo impegnare a fondo, tutti e insieme! E’ ora di tornare alla Politica vera e appassionata!

  28. Scritto da ByeByeVecchi!

    Hai espresso il pensiero di tutti i giovani che da tempo si sbattono per il pdl e che spesso non ne ricevono un riconoscimento. anzi peggio ancora il riconoscimento se lo pigliano quelli che non fanno nulla, per il lavoro degli altri. li hai chiamati poltronissimi, hai fatto benissimo, perchè è proprio quello che per loro importa. Continuiamo su questa linea! E’ la strada giusta. Il partito della gente, ascoltiamo e parliamo alla gente

  29. Scritto da che ridere

    scusi signor moriggi ma lei ha letto l’articolo sulla parentopoli bergamasca???? non ci faccia ridere…..

  30. Scritto da julius

    che insieme di parole retoriche e melense…
    dette poi a saffioti, che risponderà “concordo e stiamo lavrando per questo”
    attendiamo fiduciosi i baci sulla bocca, i tarallucci e il vino di craxiana memoria
    già la memoria, non perdiamo la memoria!

  31. Scritto da Neonato

    Credi a chi queste cose le ha già viste. Diranno tutti che i propositi sono buoni (come negarlo…) ma poi tornerà come prima o peggio resterà tutto com’è.

  32. Scritto da orso balù

    Moriggi chi te le ha dette queste belle cose? Sorte?

  33. Scritto da basta cialtroni

    Bravissimo! Facciamo qualcosa per scollarceli di dosso. Ha ragione Julius, Saffioti interverrà con un “concordo e stiamo lavorando per questo”. Cambiamo la nostra classe dirigente. onore ai meritevoli, e cipolle ai cialtroni

  34. Scritto da Per Favore !

    Ormai è definitivo e irreversibile, si è perso persino il senso del ridicolo. Il concetto di RESPONSABILITA’ non esiste più ? Avete avuto quasi 10 anni a disposizione combinando un disastro epocale, economico, istituzionale ed etico . I giovani Pdl se sono rimasti lì sono totalmente corresponsabili con i vecchi , non c’è ombra di dubbio . Basta favole.

  35. Scritto da Trevigliese

    Grande Morig! Continua così, su questa strada. Alla fine viene premiato chi le cose le fa onestamente e bene. Degli altri non si ricorderà nessuno. Non mollare, anche quando li avrai contro tutti, perchè uno che ha delle idee del genere non può non accaparrarsi inimicizie. i migliori di solito li sbattono fuori per paura di essere superati. Vai !!!!!

  36. Scritto da Joshua

    @17 – I giovani che “hanno lavorato tanto” per QUESTO Pdl è meglio che si dedichino al lavoro dei campi.

  37. Scritto da raffaele

    Caro Andrea, il lavoro e l’onestà intellettuale, così come il senso di appartenenza e la vera militanza, appartengono a pochi e non pagano nel breve periodo ma, alla lunga, emergono e danno la giusta soddisfazione. Vai avanti e impegnati come stai facendo

  38. Scritto da Guzzantone

    Persino un comunista o un fascista potrebbero entrare in un partito con questi requisiti. E’ il partito “dreaming” che tutti vorrebbero. Alfano e Gelmini lo sanno bene, e a parlare sono molto molto bravi

  39. Scritto da Tiberio

    Più leggo articoli del genere e più penso viva la gioventù che almeno certe cose è in grado di pensarle e sognarle. Noi più grandicelli, ormai abbiamo perso tutte le speranze nella buona politica.

  40. Scritto da @Per favore

    Elargire frasi impregnate di demagogia sulla militanza, su cosa è la politica e bla bla bla bla di tizi che commentano con nomi falsi perchè hanno paura di metterci la faccia, fanno capire come invece Andrea che la faccia ce l’ha messa nello scrivere l’articolo, sia una persona corretta e che non teme i giudizi di perbenisti come voi. Mi rivolgo in particolare ai signori che hanno commentato ai numeri 23 e 25

  41. Scritto da mario

    Carissimi giovani, provate a lasciarli soli questi personaggi, invece di correre sempre ad ogni richiamo per qualsiasi manifestazione, perchè alla fine la bella figura la fanno sempre loro, noi vecchi militanti Voi giovani sopratutto veniamo utilizzati solo per il loro futuro politico.Questo vale per Saffioti, Pagnoncelli, Raimondi ecc.ecc.
    Spero che nel prossimo congresso Provinciale si elegga un Giovane,

  42. Scritto da Per favore !

    @29 – ma quale demagogia e blablabla, apra il sole 24 in uno qualunque di questi giorni e veda un pò come siamo messi . O preferisce il financial times di (se non erro) venerdì della scorsa settimana. Sta scherzando ?
    Con il parlamento che si occupa di “processo lungo” con un paese con un’enormità di problemi. Per la prima volta al mondo siete riusciti a riunire confindustria, banche e sindacati per un appello a fare qualcosa !! E quel qualcosa mi sembra piuttosto chiaro …..

  43. Scritto da ex PDL (felice della scelta)

    D’accordo con il n.17.
    Caro Andrea, le tue sono considerazioni nobili, che seguono la scia di molti altri tuoi coetanei per una politica vera, onesta e di merito.
    Dalla mia esperienza prima in Forza Italia e poi nel PDL…posso assicurarti che tutto ciò che auspichi è mera utopia!
    Non credo cambierà qualcosa, partendo proprio dall’esempio dai vertici provinciali che si sono succeduti in questi anni e delle beghe tra di loro. Per non parlare poi delle varie correnti interne…