BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sacbo ricorda Testa: “Instancabile protagonista”

Ad un anno dalla scomparsa il presidente Miro Radici ricorda l'ex amministratore delegato: "Ha lasciato un segno indelebile". Messa a Dalmine.

Sacbo e l’Aeroporto di Orio al Serio ricordano con affetto e gratitudine la figura di Ilario Testa a un anno dalla scomparsa, il 28 luglio 2010:

"Per quindici anni alla presidenza della società di gestione aeroportuale, dal 1993 al 2008, ha segnato con la sua attività manageriale gli anni del rilancio e del definitivo successo dello scalo bergamasco, contribuendo alla crescita dell’infrastruttura sotto l’aspetto professionale e della qualità dei servizi – scrive Sacbo in un comunicato -. Nell’anniversario della scomparsa Miro Radici, presidente di Sacbo, ne testimonia le straordinarie doti facendosi portavoce del sentimento del personale aeroportuale e delle migliaia di persone che hanno potuto apprezzarne lo stile e le capacità gestionali, riconosciute dal conferimento della laurea honoris causa da parte dell’Università degli Studi di Bergamo. “Una persona attenta e scrupolosa, instancabile protagonista di una lunga stagione, che con la sua perspicacia e scelte oculate ha contribuito a creare una dimensione organizzativa assurta a modello nel campo del trasporto aereo a livello nazionale ed europeo – afferma Miro Radici – Ho avuto modo di verificare come Ilario Testa abbia lasciato un segno indelebile, contribuendo a formare in ognuna delle figure professionali che operano in ambito aeroportuale una profonda coscienza e senso di partecipazione alle strategie operative indirizzate a garantire efficienza e qualità dei servizi”.
“Ho sempre ammirato di Ilario Testa la capacità di valorizzare le risorse umane – prosegue Miro Radici – così come di creare in ogni circostanza le opportune sinergie per ottenere risultati che sono puntualmente maturati e hanno permesso di impostare i progetti di adeguamento delle infrastrutture accompagnati da crescita occupazionale anche sotto forma di indotto”.
“L’opera di Ilario Testa consente oggi a Bergamo e al suo territorio, e più in generale alla Lombardia, di vantare una delle migliori realtà operative aeroportuali e quella che viene giustamente definita una porta di ingresso da e per l’Europa, indispensabile per la mobilità di persone e merci, strategica per il turismo e l’economia” – conclude Radici.
Alle 18 di giovedì 28 luglio, al cimitero centrale di Dalmine, dove Testa riposa, si terrà una Messa in suffragio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.