BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Promatech: cassa in deroga fino al 31 dicembre

Nell'accordo vengono inseriti significativi incentivi all'esodo; la tutela dei lavoratori disabili e un percorso di outplacement.

Più informazioni su

Si è chiusa mercoledì sera con la sottoscrizione, da parte di Fim e Uilm, di un accordo disgiunto la trattativa sulla mobilità Promatech.
La vicenda che era iniziata con la richiesta aziendale in data 13 maggio 2011 di messa in mobilità di 104 persone si è risolta con il sindacato che è riuscito a concordare un percorso che allunga ulteriormente gli ammortizzatori con una “Cassa in Deroga” fino al prossimo 31 dicembre .
L’intesa raggiunta permetterà a circa 50 persone di uscire volontariamente entro agosto; un altro numero significativo ha espresso la disponibilità di chiudere i rapporti allo scadere della cassa in deroga. Nell’accordo inoltre vengono inseriti significativi incentivi all’esodo; la tutela dei lavoratori disabili e un percorso di outplacement.
“L’uso degli ammortizzatori – ricorda Giancarlo Carminati, della segreteria Fim Cisl di Bergamo – è iniziato con la crisi del settembre 2007 e si concluderà con il dicembre del 2011. Nella drammaticità dell’ inizio nessuno avrebbe immaginato un percorso così tortuoso, complesso e difficile, ma come sindacato abbiamo svolto un azione efficace di tutela per i lavoratori coinvolti.In questi 4 anni siamo riusciti a creare le condizioni affinché circa 600 lavoratori siano usciti dall’azienda con il massimo delle tutele contrattabili. Purtroppo, per alcuni di loro, da dicembre ci sarà la mobilità senza che abbiano trovato una soluzione professionale, ma il prolungamento sul 2012 degli ammortizzatori sociali ha visto l’impossibilità di una condivisione con l’azienda. Ringrazio i funzionari della Regione Lombardia per l’opera di mediazione svolta e i delegati della Rsu Fim per il lavoro assiduo e attento operato in questi 4 anni. Da settembre – conclude Carminati – riprenderemo in azienda la normale attività sindacale. Molte cose in questi 4 anni sono state accantonate per dar la priorità alla gestione della crisi ed è giusto dedicare loro la giusta attenzione”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.