BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piazza Affari in calo, UBI -5,10%

I timori di un default degli Usa mettono in crisi i titoli del comparto bancario. UBI Banca tra i peggiori scende fino a 3,274 euro.

Più informazioni su

Il debito pubblico statunitense e il rischio default per gli USA fanno soffrire le borse mondiali.
A Piazza Affari, che perde circa il 2% rispetto alla giornata di martedì, i titoli peggiori sono quelli del comparto bancario.
La maglia nera tocca a UBI Banca che in mattinata finisce anche a -5,10% a 3,274 euro. Il titolo UBI negli ultimi sei mesi ha perso il 49% del suo valore, anche se ha affrontato una capitalizzazione di un miliardo di euro. 

I titoli bancari alle 13.30
UBI Banca                                 – 4,81%  (3,284 euro)
Intesa Sanpaolo                          – 4,35% (1,584 euro)
Unicredit                                     – 3,67% (1,232 euro)
Banco Popolare                          – 3,28% (1,387 euro)
Mediobanca                                – 3,34% (6,37 euro)
Banca popolare di Milano            – 1,97% (1,49 euro)
Monte dei Paschi di Siena            – 0,96 % (0,5175 euro)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vago

    perdo un patrimonio onestamente guadagnato con sacrifici anche dei miei genitori e sono piu’ che preoccupato . mi piacerrebbe che i vertici UBI avessero la decenza di dire qualcosa.

  2. Scritto da venezuelano

    Sicuramente le polemiche create ad hoc , di qualche socio , non aiutano…….

  3. Scritto da gio

    di ai superdirigenti ubi pagati con le commissioni dei clienti,
    di ……. andare a zappare la terra ,

  4. Scritto da gio

    E’ vero che l’investimento in titoli azionari è a rischio e pericolo di chi lo effettua, ma è anche vero che i comportamenti del titolo in questi ultimi tre mesi sono tali da indurre a pensare che abbia prevalso l’interesse di poche persone (coloro che hanno la possibilità di manovrare il titolo), rispetto all’ineteresse dei molti (i più o meno piccoli azionisti). Penso che i vertici della banca abbiano il preciso compito di tutelare i loro azionisti e nella fattispecie non lo abbiano fatto.