BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcioscommesse, forse salva la serie A Doni e Manfredini a rischio squalifica

Dal 3 agosto al via la requisitoria, poi spazio agli avvocati della Difesa. La promozione della squadra nerazzurra non sembra pi?? a rischio, mentre il capitano e Manfredini rischiano anche un lungo stop.

Più informazioni su

La tanto attesa decisione sui deferimenti del giudice Palazzi è arrivata nella mattinata di martedì 26 luglio L’Atalanta, e i suoi dure tesserati Cristiano Doni e Thomas Manfredini, sono stati deferiti dal procuratore federale Stefano Palazzi. Una decisione ampiamente prevista, in casa atalantina. 
Le prossime tappe. Ora la palla passa alla Commissione Disciplinare Nazionale che dovrà emettere le sentenze sul caso. Il 3 agosto inizierà la requisitoria. Prima il procuratore federale illustrerà quanto emerso dagli interrogatori effettuati, dopodiché gli avvocati della difesa avranno modo di illustrare la loro tesi per cercare di scagionare i loro assistiti. 
Cosa rischia l’Atalanta. Alla luce di quanto emerso finora la pena per la squadra nerazzurra dovrebbe andare da un minimo di un’ammenda economica ad un massimo di una penalizzazione di punti da scontare nel prossimo campionato di Serie A. Sempre che gli avvocati difensori non riescano addirittura a scagionare completamente l’Atalanta. A questo punto comunque, scongiurata la responsabilità diretta (quella più grave), la Serie A non dovrebbe essere più a rischio. 
Cosa rischiano Doni e Manfredini. Diversa, e ad oggi più grave, la situazione dei due giocatori nerazzurri. D
eferiti per illecito sportivo (ma non per scommesse) "per aver cercato di alternare il risultato della partita riuscendovi", entrambi rischierebbero una pena massima di tre anni di squalifica. Ma bisognerà comunque aspettare il processo e la tesi difensiva dei loro avvocati. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da deluso e arrabbiato

    Vorrei essere felice come altri tifosi, è vero dovremmo restare in A.
    Ma il Siena ne esce pulito, sulla nostra testa c’è una spada di damocle e sarà dura per doni e manfredini evitare la squalifica. Se sono DEFERITI, significa che la procura crede a quelle che tutti NOI dicevamo dicerie o sentito dire.
    Qualcosa c’è. Non ne usciamo puliti come dice percassi.

  2. Scritto da ocio prima de parlà!

    Dico il mio modesto parere: Percassi ha sbagliato ad anticipare alcune mosse di mercato (marino-lucchini-masiello).
    Perchè lucchini e masiello vengono se poi si viene retrocessi?
    Avranno avuto delle forti garanzie?

  3. Scritto da dubbio e amarezza

    Oltre alla giustizia sportiva, io voglio anche vedere come ve a Cremona, dove l’inchiesta è molto più approfondita. Lì si stanno analizzando telefoni e pc, per vedere finalmente chi ha parlato con chi. E, nel frattempo, ci lascino pure la serie A, ma io non esulto e non metto piede allo stadio. Voglio vedere come va a finire.

  4. Scritto da bruno

    non credo a una virgola alle accuse mosse ai due giocatori, l’ Atalanta non aveva certo bisogno di vincere per forza col Piacenza (gia’ allora avevamo buon margine sulla terza) e poi in quella partita l’ arbitro ci ha dato 2 rigori, c’entra anche lui allora ?

  5. Scritto da rf

    Leggo in molti commenti fiducia, a mio avviso mal riposta, nella preparazione giuridica dei ns giornalisti.
    La retrocessione in B è la pena più grave applicabile in caso di responsabilità oggettiva, ma sentenze passate in giudicato precedenti dimostrano che ben difficilmente potranno essere applicate al ns caso. Non lo dico io lo dicono avvocati cmpetenti intervistati, come Di Cintio. Il fatto è che scrivere “rischia la B” fa più titolo che scrivere “rischia una pena limitata”. Sveglia scecc !

  6. Scritto da Guido

    Ora Percassi deve predere le distanze da Doni e Manfredini e chiedere i relativi danni!

  7. Scritto da rf

    Guido, magari una cosa del genere è da fare dopo che si ha una sentenza, magari passata in giudicato. Non ti pare? A cosa servono i processi? Altrimenti possiamo tornare al pollice verso dell’Imperatore nell’Antica Roma o laciar decidere al popolo come fece Ponzio Pilato. Potrebbe essere una idea per la famigerata “riforma della giustizia” e sono sicuro che B. sarebbe d’accordo.

  8. Scritto da giampi

    per rf un conto è il processo penale un altro conto e ben diverso è la giustizia sportiva, solo l’esistenza di scommesse da parte di tesserati è punibile ed esiste la responsabilità oggettiva per la società (che non esiste nel procedimento penale); un fatto può non essere reato ed essere un illecito sportivo e la procedura è sommaria (non si possono aspettare anni); se Doni e Manfredini vengono ritenuti colpevoli di illecito sportivo questo non può non ripercuotersi sull’Atalanta

  9. Scritto da FF

    La giustizia sportiva opera in maniera diversa. Sono doni e manfredini a dover provare la loro estraneità e la chiacchierata da palazzi non deve aver convinto la procura. infatti sono deferiti. Non credo a una penalizzazione in b. sarebbe ridicola. faranno partire l’atalanta con una penalizzazione in a. 10 punti ed è retrocessione certa………

  10. Scritto da Guido

    @rf Hai ragione, ovviamente mi riferivo una volta concluso il tutto fino all’ultimo grado. Vorria mai di tornare ai tempi di Ponzio Pilato.

  11. Scritto da ma una volta non c'era lo slogan

    No al Calcio moderno, questo calcio ci fa skyfo etc?Beh sta volta tocca direttamente noi di Bg non capisco perche coloro che per anni hanno predicato male ora razzolano male difendendo coloro che hanno scommesso sulla fede di tanti di noi. Anche io faccio parte di coloro che non mettera mai piu piede dentro uno stadio ormai questo calcio e di plastica una vera patacca. e basta difenderli se hanno sbagliato che paghino e che a bergamo non si facciano piu vedere

  12. Scritto da sherwood

    GIU’ LE MANI DALL’ATALANTA !

  13. Scritto da mario_arzago

    Presidente apra la campagna abbonamenti che voglio rinnovare.
    A testa alta.

  14. Scritto da Paolo S.

    Ha ragione quel lettore che per paradosso ringrazia Moggi e la Juve oggi. Se Calciopoli non si fosse riaperta e tanti non avessero capito che anche l’Inter era coinvolta, Palazzi sarebbe andato giù duro. Difficile colpiscano ora le società se l’illecito è dei giocatori.

  15. Scritto da livio

    corrire web in questo momento : la Dea rischia di rimanere in B, ognuno evidentemente dice la sua

  16. Scritto da Piga

    X rispondere a Livio.. Il Corriere dice rischia di restare in serie B, ma l’Atalanta è in serie A al momento e se arrivano dei provvedimenti che la condannano va in serie B, non ci resta.. X dirne una delle tante che ho sentito dalle 11 di oggi a questa parte.. Comunque ora lasciamo lavorare le difese, aspettiamo che ci sia un giusto processo e quando ci sarà un verdetto si faranno tutte le dovute considerazioni!!

  17. Scritto da matteo

    No tutto il mondo dice che si rischia grosso la B. Solo i poveri giornali di Bergamo fanno propaganda positiva! Ciao

  18. Scritto da matteo

    livio hai ragione, scorrendo i siti web che parlano dei deferimenti si nota come neppure i giornalisti abbiano le idee chiare. Ognuno dice la sua, sta di fatto che a questo punto le pene che possono esserci inflitte vanno dall ammenda pecuniaria alla retrocessione in b.

  19. Scritto da luca

    restiamo in serie A baby..fatevene una ragione.XD

  20. Scritto da W_Atalanta

    su ansa si dice che rischiamo la B !

  21. Scritto da guido da bg

    I giocatori sono accusati di illecito sportivo, cioè il compimento di atti ad alterare il risultato di una gara, (art.7 CGS ) vale per Manfredini per Ascoli-Atalanta e per Doni per Atalanta-Piacenza.
    L’art. 7, comma 5, determina una squalifica per MINIMO tre anni, se provato l’illecito, MEGLIO ERA ESSERE ACCUSATI DI SCOMMESSE:
    Non esiste alternativa, beccano TRE anni oppure niente, se l’illecito non viene provato.

  22. Scritto da guido da bg

    Continuo, detto dei giocatori, di cui non frega niente a nessuno, personalmente sono convinto che Doni e Manfredini siano più scommettitori, che organizzatori di illeciti, tra l’altro sono entrambi accusati recidivi, Doni se la cavò con la Caf, Manfredini prese sei mesi se non erro.
    L’Atalanta se viene accertata la responsabilità oggettiva viene punita in base alla gravità del fatto, art.7 comma 4.
    Sarà dura scindere la società, da quanto commette il Suo capitano.
    Quindi o tutti assolti o ..

  23. Scritto da guido da bg

    Continuo.
    Se l’Atalanta non riesce a dimostrare l’estraineità agli atteggiamenti dei suoi giocatori, ripeto parliamo di aver tratto vantaggio da un illecito fatto dai suoi giocatori , prende le sanzioni previste dall’art.18, comma g e h.
    Penalizzazione di uno o più punti, comma g, oppure punto h retrocessione all’ultimo posto in classifica del campionato di competenza.
    Forza avvocati…..

  24. Scritto da e-e-e-vair

    C’è poco da tirare il fiato. A Siena sì possono festeggiare. Qui si diceva che l’Atalanta era sullo stesso piano dei toscani. Il procuratore Palazzi non la pensa così. Vedo nuvoloni neri all’orizzonte, amici miei.

  25. Scritto da anonimo

    Certo che i giornalisti di bg news sono forti..fino a ieri che non esisteva nulla di concreto l’atalanta rischiava la b..oggi che ci sono conferme con un rinvio a processo..allora salva la a!

    Querenti come pochi

  26. Scritto da LoveDea

    x luca: cit. Magnus Troest?? Ahah comunque noi restiamo in serie A non ce la toglie nessuno!!!!

  27. Scritto da Malgrado tutto, forza Atalanta

    Le acrobazie verbali della Grande Stampa Nazionale sono esilaranti. A inizio vicenda la Gazzetta partì in quarta pubblicando pagine intere e sputando sentenze (si ipotizzava addirittura la Lega Pro per la Dea). Oggi che la Gazzetta, minacciata da Doni di querela, sbatte tutto nelle pagine interne e parla di misere penalizzazioni o addirittura ammende, è il Corrierone Nazionale a ipotizzare la serie B. Queste peripezie verbali nascondono IL NULLA di una vicenda basata sul “sentito dire”

  28. Scritto da Malgrado tutto, forza Atalanta

    E non parliamo della giustizia sportiva che, velocissima ai tempi della farsa chiamata Calciopoli (in un mese e mezzo sono state deferite, processate e condannate le squadre italiane più prestigiose e una marea di dirigenti), per una vicenda decisamente meno importante e meno grave di Calciopoli ci mette DUE MESI (due mesi !!!) per arrivare ai deferimenti, e ci metterà un altro mese per emettere sentenze a campionati probabilmente già iniziati. Se non è una farsa questa …..