BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pezzoni: “Dovevamo contrattare prima”

Tra il coro unanime dei paesi interessati dalla Brebemi, ecco la critica del Primo cittadino di Treviglio: "Per le tangenziali dovevamo trattare nel 2006, ora ?? tardi".

Più informazioni su

Non solo lodi e consensi per la Brebemi. Tra il coro unanime ed entusiasta dei sindaci delle zone interessate dal nuovo progetto viabilistico spicca la critica di Giuseppe PezzoniIl Primo cittadino di Treviglio, in carica dallo scorso maggio, avrebbe voluto una negoziazione più aperta, in particolare per quanto riguarda la questione delle tangenziali: “Avremmo dovuto sederci al tavolo già nel 2006, prima che l’opera partisse –le parole di Pezzoni- e non solamente ora che siamo già a metà del progetto. Adesso ormai dobbiamo subire il tracciato così come è stato progettato, senza poter dire la nostra, e delle direttive che ci sono state imposte”. Più fiducioso Giuseppe Prevedini, sindaco di Caravaggio, che fa anche parte del Comitato di Controllo dell’opera: “Si tratta di una scommessa che ho visto partire personalmente nel lontano 2001 –le parole di Prevedini- e che non sapevamo non sarebbe stata facile da mantenere. Abbiamo avuto qualche problema con la questione dei coltivatori diretti, ma alla fine le quote che abbiamo proposto sono state accettate da tutti. Ora aspettiamo solo la risposta dal Cipe per quanto riguarda la tangenziale esterna di Milano, per poi ultimare una struttura viabilistica che sarà da esempio anche per le altre regioni italiane”. Tra i membri del Comitato di Controllo della Brebemi c’è anche Michele Lamera, primo cittadino di Romano: “Il nostro comune non è interessato direttamente dal passaggio della nuova strada, ma siamo comunque uno dei poli attuatori. Penso che ci sarà un certo impatto ambientale sul territorio, ma allo stesso tempo grosse occasioni da sfruttare. L’importante sarà saperle cogliere con piani adeguati. Per quanto riguarda i tempi, posso dire che si sta facendo il possibile per cercare di mantenere quanto promesso”. Tra i paesi interessati direttamente dalla Brebemi c’è Calcio, che avrà anche un casello proprio nelle vicinanze: “E’ un opera molto importante, che potrebbe rappresentare una svolta positiva per la nostra zona e non solo –commenta Pietro Quartini, sindaco di Calcio– andrà a eliminare molti problemi che ci sono ora a livello viabilistico, e ciò potrebbe rappresentare un motore per un nuovo sviluppo economico”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luciano015

    Malcostume tipico italiano: solo qui si fa finta di opporsi a opere che nel resto del mondo tutti farebbero a gara per avere. E così i progetti spesso vengono caricati di iniziative fantasiose da parte dei Comuni (o altri analoghi enti). Questo spiega perchè il costo per Km delle opere italiane è il doppio e anche più di altre analoghe nel mondo.
    Poi i costi in corso d’opera crescono ulteriormente, perchè un po’ tutti “apprezzano” questo concetto di greppia. E alla fine si da la colpa ai politic

  2. Scritto da ambientalista

    Appunto, Contrattare cosa?

  3. Scritto da Mah ?

    Pezzoni non ci dice cosa avrebbe voluto. Così il suo commento è ….gratis