BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Penati lascia gli incarichi e si dimette dalla Regione

"Ribadisco la mia totale estraneit?? ai fatti - afferma Penati -, ma faccio due passi indietro perch?? la mia vicenda non crei ulteriori problemi al partito".

Filippo Penati, ex responsabile della segreteria politica di Pierluigi Bersani, indagato nell’inchiesta sulle tangenti per le aree Falck di Sesto San Giovanni, ha scritto una lettera al segretario del Pd nella quale annuncia la sua autosospensione da tutte le cariche di partito (tra le quali quelle in Direzione nazionale, regionale e nell’assemblea nazionale) e l’intenzione di trasformare l’autosospensione dalla carica di vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia in dimissioni.
"Ribadisco la mia totale estraneità ai fatti – afferma Penati nella nota, diffusa anche sul suo sito www.filippopenati.it -, ma faccio due passi indietro perché la mia vicenda non crei ulteriori problemi al partito".
Filippo Penati, ex responsabile della segreteria politica di Bersani dopo averne seguito la campagna per il congresso del Pd del 2009, è indagato dalla procura di Monza per corruzione e concussione, nell’ambito di presunti illeciti della gestione dell’area Falck di Sesto San Giovanni, oltre che per illecito finanziamento ai partiti.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rita beretta (contento ora?)

    Semperboni, cerchi di spostare l’attenzione sulla firma. Ma rimane il tema di fondo, a destra non di dimettono mai, i giudici fanno il loro lavoro, indagano anche a sinistra come vedi. Ma la differenza è enorme: i tuoi pupilli restano attaccati alle poltrone e si continuano a pigliare i nostri soldi. Grazie a quelli come te che li difendono sempre

  2. Scritto da teo

    Certo che,al di là,della questione su chi si dimette e chi no,pare che la ciccia piaccia a tutti,di destra o di sinistra.Sarebbe bene ricordare
    che l’uomo politico di destra o di sinistra, è prima di tutto uomo coi suoi soliti difettucci; il resto è chiacchiera ideologica…

  3. Scritto da Ciro Treboni

    Semperboni se vogliamo che l’Italia vada avantiè meglio venire giù dal caco e guardare la realtà delle cose. A destra non si dimette mai nessuno e si cerca sempre di delegittimare la magistratura. Con Prodi avete perfino cercato di dimostrare che era una spia del KGB (con scarso successo e siete ancora lì purtroppo) cambiate musica e dimostrate di essere in regola altrochè “IL PARTITO DEGLI ONESTI” o “IL PARTITO DELL’AMORE” ci mandate in rovina

  4. Scritto da Monsieur De La Palice

    @6 Dai Semperboni non volevo dire più niente per non confermare la prima legge sul dibattito di Murphy ma mi ci tira proprio. Qui si parla di cose serie, se Paperino dice che Berlusconi crede che Ruby è nipote di Mubarak l’ha letto sui giornali che lo ripeta paperino o l’incredibile Hulk non cambia le cose, qui il problema è che a sinistra si dimettono (Marrazzo, Del Turco, adesso Penati) a destra mai e strepitano sempre su presunti complotti di toghe rosse che (però) indagano anche a sinistra.

  5. Scritto da walter semperboni

    Vedremo se manterrà la decisione,ciò non toglie che se fossero realtà le accuse rivoltegli,dovrebbe pure dimettersi dalla vita sociale ew ritirarsi in un eremo a meditare!!!

  6. Scritto da Monsieur De La Palice

    xSemperboni Aspettiamo la stessa cosa chiesta da lei da qualcuno di destra , non so, Scaiola, Milanese, Papa, Bertolaso, Romano, Cosentino se vado avanti non c’è abbastanza spazio disponibile. Certo lì di solito si dice che c’è una persecuzione e se proprio non si può dire altro si dice che il magistrato non capisce niente perchè porta le calze azzurre. Poi c’è sempre qualcuno come lei pronto a difenderli comunque. La saluto e mantengo il proposito di fermarmi qui per non valorizzare Murphy

  7. Scritto da ritab.

    certo i destrorsi quando li beccano non si dimettono. MAI

  8. Scritto da walter semperboni

    No caro 2,noi di destra se sbagliamo e anche no,abbiamo il fiato sul collo dei giudici,pensano loro a Noi!!!

  9. Scritto da walter semperboni

    Finchè la gente che la pensa diversamente da me è come te,non mi vergognerò mai di essere di destra;ti ripeto di imparare ad avere coraggio delle tue azioni firmandoti,cosi sei solamente un quaraquaqua

  10. Scritto da sergio

    io lo chiamo “metodo penati” e vediamo se la destra, super esperta in “metodo boffo”, è capace di imitare, in quanto sa sempre e solo gridare al complotto comunista quando viene beccata con l’osso furtivo in bocca..