BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo ospedale, in Regione si vota per altri 76 milioni L’Idv: sospendere ogni decisione

Marted?? 26 luglio il Consiglio regionale affronter?? lo stanziamento di 76 degli 85 milioni destinati a Bergamo. Il gruppo d'opposizione: "Serve trasparenza sulla destinazione di quei soldi".

Più informazioni su

Il Consiglio regionale affronterà il 26 luglio un passaggio fondamentale per il nuovo ospedale di Bergamo. Andrà ai voti, infatti, lo stanziamento di 76 milioni di euro (che rientrano in un gruzzolo di 85 milioni, 9 dei quali già stanziati a giugno) da destinare al nuovo “Beato Papa Giovanni XXIII”. Un’erogazione di risorse di cui si è appreso solo settimana scorsa, grazie alla notizia diffusa da una serie di consiglieri regionali di centrosinistra (Gabriele Sola, Idv, Maurizio Martina e Mario Barboni, Pd). Nuovi soldi, che nulla c’entrano con i capitolati d’appalto del nuovo ospedale e sui quali resta il giallo.
L’Italia dei Valori è pronta a giocare la sua partita, con il consigliere regionale bergamasco Gabriele Sola: “La trasparenza è più che mai fondamentale nella gestione delle opere pubbliche". Sola ha presentato un ordine del giorno, con il quale si chiede di sospendere l’erogazione dei 76 milioni (da prelevare dal fondo rotativo per l’edilizia sanitaria). “Perché devono essere chiarite in sede politica e non attraverso dichiarazioni alla stampa, le motivazioni che hanno portato all’impennata dei costi – prosegue Sola -. La vicenda del nuovo ospedale di Bergamo è emblematica della leggerezza ormai inaccettabile con cui vengono spesi i soldi pubblici anche nella nostra Regione. È ridicolo che gli assessori bergamaschi di centrodestra, in coro come in un ridicolo muppet show, provino ad uscirne facendo del terrorismo rispetto ai tempi di apertura del nosocomio”.
Nello specifico l’ordine del giorno impegna la Giunta a sospendere l’erogazione dei 76 milioni del fondo rotativo per l’edilizia sanitaria in favore delle opere di completamento del nuovo ospedale di Bergamo, in attesa che l’Azienda Ospedaliera “renda conto dettagliatamente di come sono state spese le somme destinate alla costruzione del nuovo ospedale”.
Oltre all’ordine del giorno di Sola c’è anche da segnalare l’interrogazione, già annunciata, dei consiglieri del Pd Maurizio Martina e Mario Barboni: “L’aumento dei costi di realizzazione e i problemi di costruzione, tra cui quello delle infiltrazioni d’acqua, devono trovare una risposta chiara e le responsabilità devono essere accertate. Pertanto chiediamo all’assessore di avere una distinta dettagliata dei costi affrontati sino ad oggi dalla Regione e dagli altri attori coinvolti, nonché di conoscere i tempi di realizzazione della trincea drenante necessaria al collaudo dell’opera e il suo costo. Infine va fatta chiarezza in Commissione anche sull’impiego dei 76 milioni euro del Fondo rotativo regionale”.
Affare non ancora del tutto chiarito, quello del nuovo ospedale, forse perché la partita non è ancora terminata. Ricapitoliamo: finora sono stati spesi 407 milioni, dei quali 350 previsti nei primi due appalti e altri 67 con un contributo straordinario che si è reso necessario per ultimare i lavori. Ultimare, appunto, parola che non si può ancora utilizzare con certezza. All’inizio di giugno, infatti, l’azienda appaltatrice Dec, ha firmato la fine lavori. Ma allora a cosa serviranno i nuovi 85 milioni di euro (9 già stanziati e 76 da approvare)?
Ci sarebbe la trincea drenante contro le infiltrazioni, al costo di un milione e mezzo di euro, non di più. E poi cifre rilevanti e non molto chiare: una quarantina di milioni potrebbero finire in tasca alla Dec, che ha fatto causa all’azienda ospedaliera chiedendo il rimborso di una serie di opere di adeguamento in corso d’opera (dopo relativi contenziosi). Altre risorse, sempre per la Dec, per una serie di adeguamenti richiesti dall’Asl. E infine altri 35 milioni servirebbero per bunker di radioterapia, risonanza magnetica e altri servizi. Ma non ci sono note ufficiali e atti resi pubblici in grado di chiarire tutto il quadro. Anche perché la vertenza con la Dec è aperta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Zarathustra

    La Regione lombardia va meglio di altre regioni del sud per un solo motivo : ha tanti tanti soldi (NOSTRI).

  2. Scritto da andrea FLI Bergamo

    Mi piacerebbe vedere pubblicate le foto con nome e cognome dei responsabili che hanno deciso di costruire un ospedale sopra una falda acquifera, tanto per poterli ringraziare di persona nel caso li incontrassi per strada. Senza dubbio un’idea geniale ed una splendida dimostrazione di professionalità e competenza. Mi dispiace ripetere sempre le stesse cose, ma qui non paga mai nessuno di persona.

  3. Scritto da angi

    Piantiamola con la storia delle falde acquifere, il problema non è quello, l’ospedale sta bene dov’è. Il problema o i problemi stanno in queste variazioni di spesa enormi, non preventivate e nemmeno giustificate. Sono daccordo con IDV, i soldi sono pubblici e le responsabilità devono essere rese pubbliche. Non possiamo essere sempre noi contribuenti i responsabili che pagano!!!… Secondo me l’ospedale può aprire anche nel 2013, ma qualcuno ora deve pagare.

  4. Scritto da Ma va là

    Sempre a lamentarvi ma non avete capito che con questo governo i costi possono anche quadruplicarsi (non solo raddoppiarsi) e bisogna comunque dire che sono bravi? Tremonti aumenta le tasse (blocca le pensioni medie, rimette i ticket ecc.. perché secondo lui non si poteva fare altro) Berlusconi dice che le abbasserà ! CHE BRAVO!
    La lega vuole che le si dica che è brava !!!! perchè? semplice poteva andare peggio (poteva piovere) quindi a lei il merito BRAVA LEGA
    E noi? fannulloni, finti invalidi

  5. Scritto da Monsieur De La Palice

    @1 Ha ragione Semperboni infatti io non ho votato per il governo di destra ma purtroppo altri si. E i risultati (che si potevano prevedere) sono lì da vedere. Mettiamoli assieme a quelli da la Maddalena, l’Aquila, l’Alitalia, l’immondizia di Napoli e speriamo che almeno col ponte di Messina e le centrali nucleari ce la caviamo senza altre cricche.

  6. Scritto da andrea FLI Bergamo

    @angi: Piantiamola con la storia delle falde acquifere?

  7. Scritto da Saràmanoncicredo

    Complimenti Formigoni e compagnia, avanti così !

  8. Scritto da Fuzzimib

    Comunione e appaltazione.

  9. Scritto da Corrado

    A parte i quantitativi metrici, perchè non si fa un indagine sulla costituzione e sull’applicazione dei nuovi prezzi? Da non confondere con la revisione prezzi, che è un’altra cosa…….

  10. Scritto da walter semperboni

    Ma smettiamola di fare gli gnorri,ci si sorprende se nelle opere pubbliche i costi raddoppiano;ma dove erano i vari politici per l’Ospedale di Groppino,per le gallerie di Montenegrone,tanto per citare due episodi vergognosi,e ora a “torta fatta”ci si lamenta perchè i costi son lievitati…e pensarci prima,senza piangere sul latte versato??

  11. Scritto da kappero

    dai semperboni, siccome tutti i costi lievitano allora all’ospedale hanno fatto bene. Va bene essere di destra ma darsi le martellate sui…

  12. Scritto da walter semperboni

    io non hò recepito bene se il kappero l’hai mangiato o è nel cervello;sto esattamente dicendo il contrario di ciò che tu mi accusi,l’hò pure scritto in Italiano!!!

  13. Scritto da io sto con chi lavora

    Ormai il meridione in fatto di opere pubbliche strapagate ci fa un baffo…..

  14. Scritto da gio

    costi che volano compari che si sistemano, lega e pdl che a roma ladrona magnano
    e cittadini che si ritrovano le mani nelle tasche del governo del fare bunga bunga
    con le supertasse sui cittadini