BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Martina su Penati: “Situazione delicata”

Nel Partito democratico sale la tensione sul caso Penati. Tanto che il gruppo in Regione ora chiede la convocazione della direzione del partito.

Andrea Montanari su La Repubblica racconta come la politica democratica a Milano sta reagendo sulle accuse a Filippo Penati: prestissimo la convocazione della direzione regionale del partito.
  
Nel Partito democratico sale la tensione sul caso Penati. Tanto che il gruppo in Regione ora chiede la convocazione della direzione del partito. Con all’ordine del giorno le dimissioni dell’ex presidente della Provincia, che si è autosospeso dalla vicepresidenza del consiglio regionale dopo il suo coinvolgimento nell’inchiesta della Procura di Monza sulle tangenti per la riqualificazione delle aree Falck di Sesto San Giovanni. «Quello che sta emergendo desta molta preoccupazione — spiega il lettiano Luca Gaffuri, capogruppo del Pd in Regione — A questo punto ritengo necessaria la convocazione della direzione del partito. Penati attualmente non ricopre incarichi nel Pd, ma abbiamo un codice etico. Certamente nel suo caso non siamo ancora arrivati ad ipotizzare l’espulsione, ma è necessario aprire una discussione».
Il segretario regionale, il bergamansco Maurizio Martina ammette che la convocazione della riunione potrebbe essere imminente. «Siamo pronti a riunire gli organi dirigenti anche nelle prossime ore — precisa — siamo aperti a valutare tutte le possibilità. Su questa vicenda fin dall’inizio abbiamo mantenuto la massima attenzione. È una situazione delicata. C’è già stato un incontro tra le segreterie, ma prenderemo ogni decisione sulla base di scelte condivise». C’è chi sostiene che Martina abbia già incassato da Penati la disponibilità a dimettersi dall’ufficio di presidenza del consiglio regionale, se sarà necessario. Anche se l’ex presidente della Provincia continua a negare ogni responsabilità. «Contro di me solo accuse di un indagato che tenta così di coprire i suoi guai con la giustizia», ha ripetuto Penati. Ribadendo la sua «totale estraneità a questi fatti».
Nel frattempo, però, l’ex capogruppo del Pd in Regione, il bersaniano Carlo Porcari, ha pubblicato sul suo profilo Facebook un vero e proprio j’accuse. «La situazione di Filippo Penati — scrive — si fa di giorno in giorno sempre più insostenibile. Se il Pd nazionale, lombardo e milanese non è in grado di prendere velocemente le distanze sono guai seri. Il garantismo non c’entra niente, è una questione squisitamente politica». Parole che si aggiungono alle posizioni critiche espresse nei giorni scorsi dall’assessore comunale al Welfare, Pierfrancesco Majorino, e dal coordinatore dei circoli pd Francesco Laforgia.
Il consigliere regionale Giuseppe Civati, a dispetto della fama di “rottamatore”, conferma la sua posizione garantista, ma il bindiano Fabio Pizzul avverte: «Finora quello che si doveva fare è stato fatto, ma il partito non può arroccarsi all’infinito. Il Pd non può fare finta di nulla. Deve riuscire a dare dei segnali chiari per dimostrare che non c’entra nulla in questa vicenda. Sbaglia se lascia spazio all’opacità nei confronti dell’opinione pubblica. Servono coraggio e massima trasparenza. Dobbiamo spiegare con chiarezza alla gente che non abbiamo nulla da nascondere».
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da serpico

    Se c’é uno che deve dimettersi prima di Penati é Martina…
    ha sbagliato sulla candidatura PD del sindaco di Mantova
    ha sbagliato sul candidato alle primarie di Milano appoggiando Stefano Boeri
    ha chiuso gli occhi su Penati e soprattutto non ha fatto chiarezza sull’origine delle finanze del PD lombardo. Anche se è giovane é bene che lasci il campo per oggettiva incapacità gestionale.

  2. Scritto da LDN

    sottoscrivo serpico. martina, amico del mondo ciellino (quanti articoli inutili e inconsistenti gli ha regalato l’eco di ongis?), è stato generato in laboratorio.

  3. Scritto da alah..alah che fì gregnà

    Bravo Gio hai capito proprio tutto. Continua così e vedrai che sarai sempre un lavoratore subordinato a lottare per un aumento di qualche euro all’anno, farai la vita a guardare i successi degli altri e poi quando sarà il momento Ti accorgerai che la pensione te l’ha mangiata tutta la mentalità del PD, mentre la dirigenza dello stesso se la ride nell’agiatezza.

  4. Scritto da padano.doc

    tutto il PD dia le dimissioni, dia l’esempio anche la nonnina sig.Bindi

  5. Scritto da A.Z. Bg

    Delicatissima se c’è di mezzo la sinistra.Se invece c’è qualcuno della Lega o del PDL allora si usa il bulldozer.

  6. Scritto da antonella

    ma davvero qualcuno pensa che una persona semplicemente indagata si debba dimettere? perchè se è così, io allora domani denuncio tutti quelli che mi stanno antipatici, o magari faccio un esposto anonimo. Così loro si dimettono, e quando poi si scoprirà che sono innoncenti, ormai sarà tardi per ritirare le dimissioni. non mi sembra una visione molto seria

  7. Scritto da è arrivata la bufera

    Il vecchio PCI e i suoi eredi PDS e DS avrebbero difeso il ” compagno che sbaglia ” e avrebbero fatto quadrato mentre ora, Tedesco e Penati paiono dati in pasto ai lupi.
    Ma che succederà quando i “compagni che sbagliano” verranno lasciati in balia della giustizia? ci staranno a fare da capri espiatori ? lo vedremo presto .

  8. Scritto da ipocriti?

    commento 2 – Bergamo : se voleva andare in galera ad espiare come ha invocato , Tedesco poteva : non andare in Senato ( era assessore regionale , primo dei non eletti e cooptato al Senato a godersi l’immunità grazie alle dimissioni “spontanee ” di un parlamentare ) oppure dimittersi. Sarebbe già ospite negli hotels della repubblica italiana ;-)
    Evitiamoci la diversità dei piddini , grazie.

  9. Scritto da mattew

    Martina: tona a Mornico al Serio e magari trovati un lavoro..

    ciao, un compaesano.

  10. Scritto da LDN

    è evidente che la questione morale è trasversale ai partiti. questione delicata? senz’altro. caro martina ci dica: è possibile che penati agisse da solo e che nessuno nel pd sapesse nulla? dimissioni!

  11. Scritto da Portobello

    15 – aggiungiamoci poi che Martina in mille fotografie è ritratto appollaiato alla spalla di Penati e tiriamo le conclusioni.

  12. Scritto da alah..alah che fì gregnà

    Certo che sia l’estensore dell’articolo, sia il PD sono davvero incredibili. Il primo sostiene che il Martina avrebbe incassato il consenso di Penati alle dimissioni, quindi è una vottoria, non un momento difficile, il secondo, con i suoi vari esponenti che gettanno a mare quello che è caduto in disgrazia, che sembrano dimenticare quanto sta emergendo dall’inchiesta e cioè che i soldi sono finiti ai DS. E’ possibile che tra la dirigenza regionale che non il nazionale,nessuno ne sapesse niente ?

  13. Scritto da alah..alah che fì gregnà

    Condivido in pieno il commento di Mattew, Martina, forse è davvero ora di dimettersi ed imparare un mestiere, non è necessario buttarsi in agricoltura, anche un mestiere di concetto va bene, purchè fuori dal partito. Non se può più, prima ha appoggiato veltroni, poi francheschini, poi bersani, l’importante è rimanere in sella ah? Se torni a Mornico Ti impieghiamo all’ex pollo Jolly Ciao.

  14. Scritto da Immaginate

    Immaginate se penati fosse della lega…saremmo a 300 commenti ognuno con il suo bel anatema contro la lega…

  15. Scritto da angelo

    I diversi del PARTITO DEMOCRATICO?
    Un’invenzione da ridere…diversi a parole ma uguali nei fatti.
    La differenza sta nella magistratura che li guarda con diversi occhi di riguardo!

  16. Scritto da Diavolo

    20 – diavolo di un angelo ! non solo la magistratura avrebbe un’occhio di riguardo: i media legati alla destra non amplificano troppo il malaffare di sinistra per un mix di coda di paglia e garantismo, i media di sinistra invece ne parlano “il giusto” senza eccedere con i toni e confidando nella scarsa memoria degli italiani .
    Da notare che Penati sta subendo un trattamento duro perchè piuttosto impopolare nel partito .

  17. Scritto da Aiuola news

    Ma cosa state a commentare le bazzecole di Penati!!!
    In prima pagina c’è l’aiuola di Alzano vista dal satellite!!!

  18. Scritto da ANTIFASCIST BREAKING NEWS

    Se poi qualche oscuro assessore di qualche ignoto comune bergamasco dovesse essere beccato a salutare col braccio teso per quindici giorni prima pagina assicurata alla strafaccia della tangentopoli rossa. I militanti del PDL bergamasco non fanno più fotografie con i telefonini per la paura di essere ritratti con il braccio destro alzato .

  19. Scritto da Vamos

    @20 – Certo che sei un’irriducibile , la differenza sta nel fatto che a sinistra si chiede alla magistratura di fare il proprio mestiere (perchè è nostro interesse), non si grida all’aggresione e non si modificano le leggi. Come accade normalmente nei paesi civili. Per voi è sorprendente, neh ?

  20. Scritto da La verità fa male

    L’ipocrisia dei “compagni” non ha limite. Penati non si dimette, ma si “autosospende”. Tedesco chiede l’arresto poi, salvato dal PDL, anzichè dimettersi chiede alla Bindi di dimettersi (la quale Bindi invocava la cacciata di Tedesco dal PD). Martina è “preoccupato” e parla di “questione delicata”, ma quando nella …. c’era Formigoni ne chiedeva le dimissioni. Giri di valzer e acrobazie verbali pur di rimanere inchiavardati alla poltrona. E il Pisapia aumenta le tasse…

  21. Scritto da Vai por favor

    Se Tedesco avesse voluto che la Legge facesse il suo corso non si sarebbe fatto spedire al Senato a godersi l’immunità,si sarebbe dimesso e ora sarebbe già in carcere.Rileggi lo scambio di battute tra Rosy Bindi e Tedesco.Come è sorprendente l’atteggiamento di D’alema e dei suoi verso la magistratura e i giornalisti che gli chiedono conto dei suoi guai giudiziari.
    Come è sorprendente la sottoesposizione mediatica dello scandalo che coinvolge il co- proprietario dell’Ikarus, la barca di D’alema.

  22. Scritto da gio

    certo che, quelli della lega, trasudano soddisfazione quando parlano di Penati, poiché basta a loro di nascondere il maltolto in vent’anni di governo berlusconi-bossi…basta uno, per loro, a farli dire siete uguali agli altri, mentre hanno stra votato e salvato e finanziato e salvato tutti le cricche e gli affaristi di stato

  23. Scritto da angelo

    Penati di è dimesso ma non ha rinunciato ai 15000 euro mensili!!!
    Questi sono gli esempi della diversità del partito democratico ?
    Che ne dice Martina?

  24. Scritto da bergamo

    sono del PD.
    Penso che il mio partito debba essere coerente.
    In attesa di giudizio, Penati deve lasciare ogni incarico pubblico e ogni ruolo nel partito.
    Però non sono d’accordo con 1. E se fosse davvero innocente? Chi gli rimborserà lo stipendio che riceve legittimamente e dal quale si sarebbe sospeso?
    In quanto alla differenza tra PD e PDL, per favore… Tedesco ha chiesto il voto segreto e l’autorizzazione, Papa l’opposto. Verdini, è ancora lì, con Previti e dell’Utri. Insomma..

  25. Scritto da angelo

    per “bergamo”
    Lo stipendio se sarà innocente glielo rimborsemo noi!
    Poverino PENATI HA BISOGNO DI UN AIUTINO?
    Ma per favore si voi del PD siete peggio di quelli del PDL, i vostri avevano detto che avrebbero votato a favore del’arresto e poi nel segreto dell’urna l’avete salvato!

  26. Scritto da MaLo

    Penati deve rinunciare a tutto.
    Detto questo, da ex PD, ormai troppo al centro per me, leggetevi le diatribe fra Tedesco e Rosy Bindi, poi capirete la differenza fra PD e Pdl. Oltretutto Tedesco è nel gruppo misto.

  27. Scritto da ezio

    non ho sentito in questa occasione i vari Cicchitto, Capezzone col solito ritornello “giustizia a d orologeria”, “uso politico della giustizia”, “accanimento giudiziario”

  28. Scritto da lisa

    E molto strano che sia uscito tutto dopo le
    elezioni e non novembre come doveva
    a milano chi avrebbe vinto? certo la stampa stava
    guadando la villa di batman

  29. Scritto da MaLo

    @ Non penso avrebbe cambiato le cose, dopotutto Pisapia non era il candidato del PD. Penati per contro aveva perso le elezioni non mi ricordo se per la regione o provincia.

  30. Scritto da roberto

    Penati si congeli e dimetta da ogni incarico, avevano ragione i comunisti del PRC quando lo criticavano e lui li ha esclusi dalla coalizione per la provincia di Milano.